Acquisto / Cinema Acquisition / Cinema

Cosmopolis

  • Regia:David Cronenberg
  • Cast:Robert Pattinson, Juliette Binoche, Sarah Gadon, Paul Giamatti, Mathieu Amalric
  • Produzione:Alfama Films, Prospero Pictures, Kinologic Films e France 2 Cinema
  • Genere:Drammatico
  • Durata:108'
  • Data di uscita:25 maggio 2012
  • Nazionalità:Francia, Canada
  • Distribuzione:01 Distribution

Trama

New York è piombata nel caos, mentre l'epoca del capitalismo si avvicina alla conclusione. Eric Packer, un golden boy dell’alta finanza, entra in una limousine bianca. Mentre una visita del Presidente degli Stati Uniti paralizza Manhattan, Eric Packer ha un'ossessione: farsi tagliare i capelli dal suo barbiere, che si trova dall'altra parte della città. Durante la giornata, scoppia il caos e lui osserva impotente il crollo del suo impero. Inoltre, è sicuro che qualcuno voglia assassinarlo. Quando? Dove? Saranno le 24 ore più importanti della sua vita. Quello che impressiona in Cosmopolis, è che David Cronenberg, ancora una volta, ha affrontato la sfida di realizzare un film partendo da un libro impossibile da adattare. Così facendo, ha ampliato e migliorato un insieme di opere unico, incentrato su temi considerati ossessivi o marginali quando ha iniziato la sua carriera, ma che hanno raccontato il mondo come nessun altro regista è riuscito a fare con i propri film. Dopo i brillanti risultati de Il pasto nudo, ispirato da William S. Burroughs, e Crash, tratto da J.G. Ballard, qui abbiamo la visione di Cronenberg del romanzo di Don DeLillo Cosmopolis, in un certo senso la sua “esternalizzazione”. DeLillo, parlando della sua visione profetica e infernale di dove sta andando il mondo, ha dichiarato di aver concentrato in ambito letterario tutte le voci che annunciavano la catastrofe che stava arrivando e che ora ci ha colpito. Cronenberg rafforza questo approccio, creando uno spazio cinematografico che fonde diversi generi e sconvolge il pubblico. Si esce dalla sala storditi e incerti su dove ci troviamo. L’unica sicurezza è che Cronenberg è sempre stato un visionario. Certo, l’uomo porta con sé dei “parassiti omicidi”, come indica il titolo originale di un suo film, che gradualmente lo hanno trasformato in un mutante che si scaglia contro la società. I golden boys di Wall Street sono gli ultimi risultati della sua mutazione e rappresentano il corpo malato di Cosmopolis.

 
Copyright 2011 Rai Cinema - Realizzato da RaiNet