Produzione / Film / Archivio

Cerca

A-Z
Titolo
  • 100 metri dal Paradiso
    11 maggio 2012

    Cosa è disposto a fare un sacerdote per diffondere la parola di Dio?
    Un ex campione per riscattare un fallimento?
    Un padre per dimostrare l’amore al proprio figlio?
    Un uomo per salvare un amico?

    Accettare un’impresa folle. Portare avanti un progetto visionario...

    Monsignor Angelo Paolini (Domenico Fortunato) è uno spirito illuminato, profondamente convinto che la Chiesa debba ‘aggiornare’ il suo linguaggio per poter continuare a testimoniare la parola di Dio al mondo.
    Mario Guarrazzi (Jordi Mollà), suo caro amico d’infanzia, è invece un ex centometrista che, nella sua carriera, ha vinto tutto tranne la cosa più importante: le Olimpiadi. Un cruccio che ha segnato la sua vita e dal quale cerca riscatto attraverso suo figlio Tommaso (Lorenzo Richelmy), anch’egli ottimo velocista.
    La sua speranza si spegne, però, quando Tommaso gli rivela di non poter andare ai Giochi perché intende farsi frate.
    Per Mario è il tracollo!
    A ridargli speranza, paradossalmente, è proprio un’idea di Angelo che pensa di poter risolvere le proprie necessità e quelle dell’amico attraverso un progetto a dir poco sconcertante: mettere su la Nazionale Olimpica del Vaticano e partecipare alle Olimpiadi di Londra 2012.
    L’idea, apprezzata dal Segretario di Stato (Mariano Rigillo), viene però bocciata dal diretto superiore di Paolini, Sua Eminenza Higgins (Ralph Palka), espressione dell’ala più tradizionalista della Chiesa. L’unico modo per andare avanti è quello di ‘aggirare’ l’ostacolo e organizzare una stangata ai danni delle gerarchie ecclesiastiche.
    Inizia così la seconda fase del folle progetto. Reperire tra i religiosi di tutto il mondo ex sportivi da affiancare a Tommaso per costruire la squadra del Vaticano.

      È il 27 Luglio 2012.
    All’apertura della XXX Olimpiade c’è, straordinariamente, anche la Nazionale del Vaticano...

    1. trailer
    2. scheda
  • 20 sigarette

    Nel novembre del 2003 Aureliano, 28enne anarchico e antimilitarista, dopo aver accettato la proposta di partire per l’Iraq come aiuto regista per un film che si svolge al seguito della ‘missione di pace’ dei soldati italiani, si ritrova al centro di un mondo, quello militare, che non approva ma nel quale incontra una grande umanità e un senso di fratellanza. Aureliano si ritrova coinvolto nella tragedia dell’attentato alla caserma di Nassirya ed è l’unico sopravvissuto di una strage che ha ucciso 19 italiani. Durante la lunga degenza che segue, assediato da politici, giornalisti, militari e assistito amorevolmente da Claudia, il ragazzo diventa un uomo, consapevole di essersi trovato all’improvviso al centro della Storia con la S maiuscola.

    1. foto
    2. scheda
  • A/R  Andata + Ritorno

    Dante è un pony express in bicicletta, nato e vissuto in una grande città, dalla quale non è mai uscito. Nina è nata in Spagna e cresciuta tra le nuvole, hostess di professione. Hanno entrambi 25 anni e una vita da rivedere. Dante vuole partire e non tornare e per farlo chiede in prestito soldi a gente pericolosissima, con l’intenzione di non restituirli. Il destino, complice una città completamente bloccata da uno sciopero generale, decide però che Dante e Nina devono incontrarsi. La storia d’amore diventa una corsa contro il tempo per restituire i soldi e chiudere il conto con il passato.

    1. scheda
  • ACAB. All Cops Are Bastards

    Cobra, Negro e Mazinga fanno parte di quel mondo controverso che è il reparto mobile della Polizia, guardato con distacco dai colleghi e con sospetto dai cittadini. I tre agenti impareranno sul campo cosa vuole dire essere odiati - ACAB è infatti l’acronimo di ALL COPS ARE BASTARDS {tutti gli sbirri sono bastardi}, motto del movimento skinhead inglese degli anni Settanta, diventato negli anni un richiamo universale alla guerriglia urbana - ma saranno anche orgogliosi di contrastare la violenza, anche se con metodi duri e con l’uso della forza. Attraverso le loro storie vengono ripercorsi importanti episodi della cronaca italiana degli anni Duemila in un “cortocircuito” che si rifletterà sul lavoro e nelle vite private di tutti. Dal romanzo “ACAB All Cops Are Bastards” di Carlo Bonini, edito da Einaudi.

    1. trailer
    2. scheda
  • A Casablanca gli angeli non volano

    Marocco. In un villaggio sperduto tra le montagne abita la famiglia di Said. Sua moglie Aicha, incinta, e i figli piccoli, cercano di sopravvivere al rigido inverno. Per mantenerli Said è stato costretto a trasferirsi a Casablanca. Aicha, analfabeta e contraria fin dal principio alla partenza del marito, lo supplica di tornare: Casablanca è pericolosa e fagocita gli esseri umani. Intanto Said ha trovato un lavoro in un ristorante insieme con due amici, Ottman e Ismail. Per loro la vita è tutt'altro che facile: Ottman non pensa ad altro che al suo unico bene, un cavallo che ha lasciato alle cure della madre e a cui manda appena può del pane secco. Ismail ha visto un paio di scarpe costose che sono diventate la sua ossessione. Con una lettera Aicha implora Said di raggiungerla per la nascita del bambino. La madre di Ottman prega il figlio di sollevarla dal peso del cavallo. Ismail infine riesce ad assicurarsi l’oggetto del suo desiderio.

    1. scheda
  • A casa nostra

    Nella Milano di oggi si incrociano e si sfiorano persone dalle storie molto diverse le cui esistenze sono, in maniera invisibile, governate dal denaro: tantissimo, pochissimo, rubato, guadagnato, esibito, nascosto, talora impalpabile. Il denaro circola da una storia all’altra, da una persona all’altra. Ugo è un banchiere affermato, un uomo intelligente, volitivo e malinconico che opera in maniera illecita. Rita, capitano della Guardia di Finanza, è una donna forte, caparbia e sensibile che indaga su di lui. Attorno a loro altri personaggi, modelle e pensionati, prostitute ed assassini, con le loro debolezze e violenze, con la loro cattiveria e bontà, con le loro contraddizioni. Rita, Ugo e gli altri si incontrano, si scontrano, si amano e si odiano, uniti e divisi, oltre che dal denaro, dall’ intensità dei loro sentimenti. Le loro storie si intrecciano per confluire infine in un unico luogo, in un unico momento e là i personaggi si confrontano con la vita e con la morte mentre la città attorno assiste.

    1. scheda
  • A cavallo della tigre

    Guido vive a Milano, ha quarant’anni, è un simpatico e vitale sbruffone pieno di debiti. Per risolvere la sua situazione economica, ha l’idea di fare una rapina nella quale coinvolge la sua compagna Antonella, più giovane di lui, di professione ballerina televisiva. La rapina, progettata con molta accortezza, va male a causa di un imprevisto. Guido viene arrestato mentre Antonella riesce a darsi alla fuga senza essere identificata, portando con sé l’intero bottino. Guido non la tradisce e viene condannato. Due anni e sei mesi dopo, Guido sta per uscire di prigione, quando è coinvolto in un’evasione da due ergastolani: Fatih, un omone di settant’anni di origine turca, e Hamid, un marocchino di trent’anni. Guido tenta di rifiutarsi, ma inutilmente: minacciato di morte, è costretto a collaborare. I due lo trascinano nell’evasione, incuranti del fatto che così lo rovineranno. Una volta fuori dal carcere, Guido per evitare la cattura e un’altra pesante condanna non ha altra scelta che seguire i due. Il suo obbiettivo è trovare Antonella. La situazione si complica quando Hamid tradisce Fatih che contava solo su di lui per fuggire dall’Italia e rifugiarsi in Turchia. Dopo aver usato il vecchio per uscire di prigione, Hamid lo abbandona al suo destino fuggendo via. Fatih si aggrappa a Guido. La fuga che compiono assieme verso la Liguria, i pericoli che corrono, li rendono amici. Guido scopre un Fatih diverso. L’uomo ha un senso dell’onore e della dignità non comune e intravede forse in Guido il figlio che non ha mai avuto.

    1. scheda
  • Acciaio
    15 novembre 2012

    Di qua l’acciaieria che lavora ventiquattro ore al giorno e non si ferma mai. Di là, l’isola d’Elba, un paradiso a portata di mano eppure irraggiungibile. In mezzo, né di qua né di là, Anna e Francesca, piccole ma già grandi, un’amicizia potente ed esclusiva quanto l’amore. Lo stesso amore che tiene in piedi Alessio, il fratello di Anna, operaio fino al midollo che si ostina a pensare all’unica ragazza che non può avere, il sogno della sua vita, Elena. E un giorno l’amore arriva, potente e inaspettato per tutti e la vita prende un’accelerata improvvisa, finché si incrina, sanguina, si spezza.

    GUARDA I VIDEO:

    RCC - Acciaio - Le interviste

    RCC - Acciaio - La conferenza stampa

    Acciaio - Clip 1

    Acciaio - Clip 2

    Acciaio - Clip 3

    RCC - Venezia 2012 - Acciaio - Presentazione film

    1. trailer
    2. scheda
  • Albakiara
    24/10/2008

    Albakiara è il nickname di Chiara, che ha il visino angelico ed è la perfetta ragazzina che ogni genitore vorrebbe avere come figlia. Assomiglia molto alla ragazzina descritta da Vasco in Albachiara, ma questa è solo l’apparenza. Chiara va al liceo, ma al contrario di Albachiara, non le piace per niente studiare. E’ un’ignorante, riesce ad essere promossa solo grazie a trucchetti, copiature e mezzucci. Non si veste “svogliatamente”, anzi, è attentissima ai “look di tendenza”. Ciò che più adora sono “le serate gangster” passate con le amiche del cuore a base di sesso, droga e rock’n roll. Chiara ama Nico. Prova per lui un sentimento fortissimo, ubriacante, bellissimo. Non riesce a stargli lontana. Anche Nico ama Chiara. Studia all’università e per passione fa il DJ. Per guadagnare soldi, ha creato un sito porno. Si filma con la webcam mentre fa sesso con alcune amiche, anche loro a caccia di soldi facili e veloci. Di tutto questo, Chiara, ovviamente, non sa nulla...

    1. scheda
  • Allacciate le cinture
    6 marzo 2014

    Gli amori e il tempo. Ma non sono amori qualunque. Quello di Elena (Kasia Smutniak) per Antonio (Francesco Arca) è una passione improvvisa, travolgente e corrisposta. Ma è una passione proibita: Elena sta con Giorgio (Francesco Scianna) mentre Antonio è il nuovo ragazzo della sua migliore amica Silvia (Carolina Crescentini), e in più tra i due sembra non esserci alcuna affinità, né tantomeno stima. Ma l’attrazione tra Elena e Antonio esplode ugualmente, irrazionale, bruciante e contro ogni regola anche a scapito di scompigliare le vite di tutti, amici e parenti. Sono trascorsi 13 anni, Elena è sposata con Antonio, ha due figli e nel frattempo insieme al suo migliore amico Fabio (Filippo Scicchitano) ha realizzato il suo sogno di aprire un locale di successo. Le vite di tutti sembrano realizzate e le antiche turbolenze scomparse. Il nuovo equilibrio subisce però una scossa con l’arrivo di una malattia improvvisa ed insidiosa che colpisce Elena mettendo a dura prova i sentimenti di tutti. L’uscita di Elena dal tunnel non sarà un viaggio solo verso la guarigione fisica ma soprattutto verso una guarigione dei sentimenti e dei rapporti tra tutti coloro che la circondano. Non resterà allora più spazio per i pregiudizi, i rancori, il peso delle cose non dette.

    1. trailer
    2. scheda
  • Alla luce del sole

    Chiamato dal vescovo di Palermo a occuparsi della parrocchia di un quartiere alle porte della città, Brancaccio, dove era nato, in meno di due anni Giuseppe Puglisi era riuscito a costruire un centro di accoglienza. Qui, coadiuvato da un gruppetto di giovani volontari, lottava giorno dopo giorno per salvare dalla perdizione decine di piccoli innocenti. Presto capì che per incidere in quel tessuto disgregato occorreva fare e dare di più. Fare e dare di più significava scontrarsi contro l’inerzia del potere locale: per avere una rete fognaria, una scuola, un distretto sanitario, tutte cose che a Brancaccio mancavano da sempre. Inevitabilmente il suo percorso lo porta ad entrare in conflitto con gli interessi del potere mafioso.

    1. scheda
  • Alla rivoluzione sulla due cavalli

    Marco, un ragazzo italiano di 25 anni e un suo amico portoghese, Victor, partono da Parigi all'alba del 25 aprile 1974 su una Due Cavalli gialla. Nella notte, a Lisbona, ha avuto termine la più lunga dittatura del continente e loro due vogliono partecipare ad un evento storico. Ma perchè l'esperienza sia completa deve partire con loro anche Claire, l'ex ragazza di Victor e loro compagna di studi a Parigi. Lei si prenderà una breve vacanza dai suoi compiti di moglie e madre di un bambino piccolo per ricostituire, almeno per qualche giorno, un terzetto affiatato che ha già vissuto avventure indimenticabili. Il lungo viaggio su un'auto mitica sarà anche un viaggio dentro se stessi alla ricerca di ciò che dà valore alla vita e che è bello condividere con qualcuno.

    1. scheda
  • All Human Rights for All

    Il 10 Dicembre 1948 L’Assemblea Generale delle Nazioni Unite approvava e proclamava la Dichiarazione Universale dei Diritti Umani, il primo atto internazionale che stilava un elenco organico di diritti inerenti a “tutti i membri della famiglia umana” . In occasione del 60° anniversario viene ideato ALL HUMAN RIGHTS FOR ALL, un film collettivo no-profit. Registi, sceneggiatori, attori, musicisti, maestranze e produttori del cinema italiano – un migliaio di volontari del nostro cinema – hanno realizzato e stanno realizzando a titolo gratuito 30 cortometraggi, di 3-4 minuti ciascuno, ispirati ai 30 articoli della Dichiarazione Universale. Ogni autore ha adottato un articolo della Dichiarazione Universale trasformandolo in ispirazione cinematografica. Da tante voci diverse sentiremo raccontare la stessa storia: quella del lungo viaggio dell’umanità verso un mondo diverso.

    1. scheda
  • All the invisibile children

    Sette diversi episodi sull’infanzia difficile. Sette giovani combattenti per la libertà di un Paese africano perlustrano, armati, il terreno alla ricerca del nemico. Un piccolo gitano entra ed esce da un centro di detenzione. Un’adolescente di Brooklyn va a scuola e si diverte con le amiche, malgrado lo squallore e la povertà in cui vive con i genitori. La sua quotidianità è turbata da frequenti visite in ospedale, a causa dei suoi problemi di salute. Un giorno nella vita di Bilu e João, due ragazzini intraprendenti che cercano di sopravvivere nelle strade di San Paolo. Un fotoreporter traumatizzato dalle guerre, senza più illusioni sulla vita sogna di liberarsi da ciò che ha visto e di essere felice. Lo vuole così tanto che regredisce a quando la sua vita era migliore e inizia un’incredibile avventura, riscoprendo l’essenza della vita attraverso l’infanzia. Ciro è un ragazzino della periferia di Napoli e vive in uno di quei casermoni di cemento tirati su dopo il terremoto del 1980. Insieme al suo amico Bertucciello, assale un automobilista per rubargli il Rolex. Le storie parallele di Song Song e Little Cat, due ragazzini ostinati e speranzosi, pur in un contesto di grandissime difficoltà.

    1. scheda
  • A luci spente

    1943. Viene prodotto il film Redenzione e alla famosa attrice Elena Monti viene offerto il ruolo della protagonista, una nobildonna che si spoglia dei suoi averi per soccorrere infermi e bisognosi. Pur non convinta di essere nella parte, la Monti accetta quando apprende che a dirigere sarà il bravissimo Giovanni Forti, regista antifascista che con questo lavoro evita di andare a Venezia, dove si è trasferito tutto il cinema italiano al seguito della Repubblica di Salò. S’intrecciano così le vicende dei componenti del cast e della troupe, di chi è legato al fascismo e soprattutto di chi non lo è.

    1. scheda
  • Alza la testa

    Mero è un operaio specializzato in un cantiere nautico e un “single father”. Suo figlio Lorenzo - nato da una relazione con una ragazza albanese – è la sua unica ragione di vita. Il sogno di Mero è che il ragazzo diventi un campione di boxe, riscattando così la sua anonima carriera da dilettante. Per questa ragione lo allena con severità maniacale in un vecchio magazzino adibito a palestra, insegnandogli giorno dopo giorno a tirar pugni e a proteggersi dai colpi bassi della vita. Di fatto però quello che ha costruito intorno al figlio è un mondo chiuso, in cui le giornate si scandiscono tutte uguali tra il lavoro, la scuola, gli allenamenti, le serate passate con gli amici del cantiere che sono diventati una specie di famiglia. “esclusivo” però non è destinato a durare. Denisa, la madre del ragazzo si ripresenta; sta per tornare in Albania e vuole che il figlio la segua. Mero sa che tra poco Lorenzo compirà diciotto anni e potrà scegliere con chi stare ma allontana lo stesso con forza la donna. Nel frattempo i successi sportivi di Lorenzo attirano l’attenzione degli addetti ai lavori; un allenatore più esperto e potente di Mero mette gli occhi sul ragazzo. Lo avvicina mettendo ulteriormente in discussione il loro rapporto. Per Mero è un altro brutto colpo. Le cose precipitano definitivamente quando Lorenzo inizia una relazione con Ana, una giovane romena, con cui fa l’amore per la prima volta e nella quale ritrova parte di quelle radici che il padre gli ha sempre negato. In quella ragazzina emaciata Mero rivede materializzarsi gli errori del suo passato e invece di comprendere attacca. Affronta Lorenzo e ne nasce un litigio. Per la prima volta in vita sua Lorenzo alza la voce e Mero alza le mani. Lorenzo fugge via e nella stessa notte ha un incidente. A vegliarlo in ospedale c’è il solo Mero che non riesce a credere alle parole del medico; Lorenzo è in stato di morte cerebrale. Quando gli viene chiesto il consenso per l’espianto del cuore, Mero risponde come in trance. Passano giorni di disperazione e solitudine. Ora che ha perso tutto gli resta solo una cosa di suo figlio: quel muscolo ancora vivo che batte nel petto di qualcun altro. E l’unica cosa che gli sembra possa restituire un senso ai giorni vuoti è di mettersi in cerca di quel cuore. Dopo aver passato gran parte della sua vita su barche tirate a riva è giunto il momento di viaggiare. Ora ha di nuovo uno scopo. Ha un nome e un indirizzo ed è con quelli che si mette in viaggio. Un viaggio lungo che lo porterà lontano, fino ad un incontro straordinario e inaspettato che lo metterà nuovamente alla prova.

    1. trailer
    2. scheda
  • Amatemi
    03/06/2005

    Nina una donna di 35 anni, sposata da 15, viene improvvisamente lasciata dal marito, l’unico uomo della sua vita, dopo una lunga notte di laceranti discussioni e silenzi colmi di verità nascoste. Nina sprofonda in una solitudine che è fatta di trasandatezza e di ricordi “felici” fino al giorno del suo compleanno quando riapre gli occhi e sente che la sua vita è cambiata. Un uomo sconosciuto incontrato la notte stessa le farà riscoprire una sensualità e una sessualità sepolta da quando era ragazza, da sempre. Una femminilità nuova, vissuta ed esibita con la freschezza e la leggerezza di chi riscopre tutto, trasforma Nina. La curiosità e la voglia di vivere la guideranno alla conoscenza di uomini e donne, diversi tra loro. Le viene naturale stare bene con loro e con se stessa. Quando, per pura casualità, incontra di nuovo l’uomo sconosciuto, Nina sente riaffiorare l’amore. Capisce allora di aver creato intorno a sé un mondo più ricco e divertente di un solo amore. E’ a tutti, e a se stessa, che Nina dice: amatemi.

    1. scheda
  • Amiche da morire
    7 marzo 2013

    Il film racconta una storia che si svolge d'estate su un'isoletta del sud Italia. In questa realtà, divisa tra modernità e retrogrado tradizionalismo, si snodano le vite di tre donne, che malgrado le notevoli diversità si trovano costrette a far fronte comune per salvarsi la pelle. Gilda (Claudia Gerini), una bellezza verace venuta dal continente, che da anni sbarca il lunario facendo il mestiere più antico del mondo; Olivia (Cristiana Capotondi), una giovane moglie da manuale, bella ed elegante che suscita le invidie delle donne per la sua vita idilliaca accanto a un bel marito; Crocetta (Sabrina Impacciatore) il brutto anatroccolo che si mormora porti iella a qualsiasi sventurato le si avvicini e tenti di conquistarla. A complicare la loro vita arriva un fiero quanto brusco commissario di polizia, Nico Malachia (Vinicio Marchioni). Il commissario intuisce che le tre nascondono un segreto...

    1. trailer
    2. scheda
  • Amore che vieni, amore che vai

    Lo sfondo e il contesto sono il porto, i vicoli, le strade e alcuni locali notturni della Genova del 1963. Tre uomini. Un contrabbandiere di origine francese, Bernard (Massimo Popolizio), passato dalla resistenza alla malavita marsigliese. Uomo di mondo, disincantato, vive organizzando soltanto “colpi grossi”. Un giovanissimo “pappone per caso”, Carlo (Fausto Paravidino), sognatore e indolente, tanto indolente da portarsi dietro sua madre, la signora Lina (Agostina Belli), nel serale giro di controllo delle prostitute. Un duro pastore sardo, Salvatore (Filippo Nigro), membro dell’anonima sequestri, rifugiatosi a Genova per rifarsi una vita, dopo cinque anni di dura detenzione. Bernard coinvolge Carlo e Salvatore in un “colpo grosso”, tanto grosso da poter cambiare la loro vita per sempre. L’esito dell’operazione è inizialmente positivo, ma si complica con il susseguirsi degli eventi: i tre uomini riescono ad impossessarsi di un prezioso carico di merce, ma Salvatore, simulando la sua morte grazie all’omicidio del fratello gemello, inganna i suoi compagni, appropriandosi della merce e fuggendo in Sardegna. Ma la sua coscienza sporca lo convince che il denaro ricavato dal colpo sia denaro maledetto; così decide di consegnare la refurtiva ad un prete, incontrato casualmente su un treno. Ma il destino ha deciso di giocargli un brutto scherzo…

    1. scheda
  • Amore con la S maiuscola

    Gaetano e Angelo sono amici d'infanzia, quelle amicizie vere nate sui banchi di scuola, nei cortili, nella piazza di una piccola città di provincia. Caratterialmente sono diversi: Gaetano istrionico tendenzialmente trasgressivo, Angelo più pacato, non condivide le esuberanze dell'amico. Da ragazzi avevano un progetto in comune: aprire un locale notturno…

    1. scheda
  • Amori elementari
    20 febbraio 2014

    La nostra storia ha a che fare con le prime avvisaglie dell’amore e dell’amicizia. I nostri protagonisti hanno tra i dieci e gli undici anni e frequentano tutti la stessa polisportiva: hockey e pattinaggio artistico. Matilde è innamorata di Tobia dalla terza elementare. È ora di fidanzarsi ufficialmente! Katerina e Aleksej vengono dalla Russia, e il loro legame inossidabile risale a quando s’incontrarono per la prima volta, tra le nuvole su un aereo. I quattro costituiscono un gruppo stretto come le dita di una mano che non esita a lanciarsi in avventure fantastiche. La routine della polisportiva viene scombussolata dall’arrivo di Agata: il padre si è trasferito da poco, lei è diversa dalle altre bambine, è ammaliante. E folgora il cuore di Tobia: a lui piacciono l’avventatezza, la ventata di novità portata da questa bambina. Ajit, figlio di immigrati indiani, ed il suo amico immaginario sono innamorati di Matilde. Pur di seguire più da vicino i suoi allenamenti, Ajit si iscrive nella squadra di hockey. Matilde si accorgerà di Ajit? Notizia bomba: una polisportiva moscovita gemellata li invita tutti per un quadrangolare nella capitale russa!

    1. trailer
    2. scheda
  • Anche libero va bene

    Tommi, un ragazzino di undici anni, vive con il padre Renato e la sorella Viola, la quale non perde occasione per fargli scherzi e dispetti, ma che rappresenta un solido legame affettivo sia per lui che per il padre. Renato sembra prendere la vita, la società e i rapporti in generale come un campo di gara dal quale uscire vincitore e non perde occasione per tentare di forgiare Tommi, alternando momenti di durezza ad altri di dolcezza. Nonostante alcune difficoltà i tre vivono con intesa, ritagliandosi momenti di divertimento e serenità. Il ritorno improvviso di Stefania, la madre, che scopriamo avere più volte lasciato la famiglia scomparendo nel nulla, smuove sentimenti forti e fa saltare gli equilibri. Tommi, che ha sedimentato una forte diffidenza nei suoi confronti, le resiste, mentre, contemporaneamente, l’immagine mitica del padre si sgretola davanti ai suoi occhi, tramutandosi in quella di un uomo, con le sue fragilità.

    1. scheda
  • Animali che attraversano la strada

    Per Martina, una quattordicenne che abita nella periferia degradata di Roma, il mondo degli adulti è rappresentato dalla madre prostituta e dal patrigno invischiato in un traffico di stupefacenti. Un po' per gioco, un po' per noia, Martina commette dei piccoli furti insieme al suo amico Sciù. Presto però la polizia comincia a tenerla d'occhio e attraverso di lei cerca di arrivare al giro di droga e prostituzione in cui sono coinvolti la madre e il suo protettore.

    1. scheda
  • Anita B
    16 gennaio 2014

    Anita, un'adolescente di origini ungheresi sopravvissuta ad Auschwitz, e` accolta dall'unica parente rimasta viva: Monika, sorella di suo padre, che non vuole essere chiamata zia e vive l'arrivo della nipote come un peso. A Zvikovez, tra le montagne della Cecoslovacchia non lontane da Praga, Monika vive con il marito Aron, il figlioletto Roby e il fratello di Aron, il giovane e attraente Eli, la cui filosofia e` spiccia: "gli uomini tirano giu` i calzoni, mentre le donne pensano all'amore". In quel villaggio dei Sudeti, territori in precedenza occupati dai tedeschi, i nazisti vengono rimpatriati a forza e gli scampati trasferiti nelle loro abitazioni, in una situazione di crescente tensione con l'avvento del comunismo. Attorno ad Anita, uomini e donne vogliono dare un calcio al passato, ballare, divertirsi, ascoltare di nascosto le canzoni americane trasmesse oltre cortina dalla Voice of America. Anita sogna come tutti, ma a differenza degli altri non nasconde l'anima. La ragazza e` combattiva e piena di entusiasmo. La sua forza viene dal ricordo dei genitori persi nel lager. Ma nella nuova casa si trova ad affrontare una realta` inaspettata: nessuno, neppure Eli, con cui scoprira` l'amore, vuole ricordare il passato. E il piu` grande tabu` e` proprio l'esperienza del campo, quasi fosse qualcosa di cui vergognarsi. Quando Anita tenta di smontare quella difesa collettiva si trova davanti un muro di silenzi. Cosi`, se vuole parlare di cio` che ha passato, puo` farlo solo con il piccolo Roby, che ha appena un anno e non puo` capire. Nella mescolanza di popoli e lingue che confluiscono attorno a Praga, Anita si confronta con personaggi indimenticabili: il vulcanico zio Jacob, coscienza critica della comunita` ebraica ed estroso musicista nella festa del Purim; Sarah, la dinamica "traghettatrice" armata di pistola, che organizza l'esodo verso la Palestina; il giovane David, rimasto orfano per la tragica scelta dei genitori, con cui inizia una toccante amicizia. Improvvisamente, Anita si trova catapultata in una situazione imprevista, che la pone di fronte a una decisione che richiede coraggio. E il film si chiude con un inatteso colpo di scena.

    1. trailer
    2. scheda
  • Anni felici
    3 ottobre 2013

    1974, Roma. Guido è un artista che vorrebbe essere d'avanguardia, ma si sente intrappolato in una famiglia troppo borghese e invadente. Serena, sua moglie, non ama l'arte, ma ama molto l'artista e infatti lo "invade". I loro figli, Dario e Paolo, 10 e 5 anni, sono i testimoni involontari della loro irresistibile attrazione erotica, dei loro disastri, dei tradimenti, delle loro eterne trattative amorose. Tra happenings artistici, colpi di testa, film in super 8, pigre vacanze, design e confessioni, il film racconta gli anni felici – ma che sembravano infelici - di una famiglia che, provando ad essere più libera, si ritrova in una prigione senza vie di fuga. Riusciranno a salvarsi?

    1. trailer
    2. scheda
  • Antonio, guerriero di Dio

    Nell’Europa del Milleduecento era facile svegliarsi guerrieri. Nel 1263 molti uomini e molte donne, di tutte le classi sociali e davanti a infinite torce accese, procedono al cospetto di quello che resta del corpo di sant’Antonio, nella bara riposta all’interno della Basilica di Padova che porta il suo nome. Un frate, senza vederne il volto, si avvicina e si inginocchia. La sua voce tremante inizia a raccontarne la storia. La storia del Santo comincia dal suo arrivo in Italia dal Portogallo, a bordo di una nave che trasporta un tesoro. La figura di Antonio, che prima di tutto era un uomo, si lega a quella di numerosi personaggi che incontra lungo il suo cammino. Così Fibonacci, mercante di Pisa ed insigne matematico, che ha portato i numeri arabi in Italia e ha salvato Antonio dall’annegamento. O Tebaldo, un usuraio padovano che affida il compito di trovare un enorme tesoro in una nave naufragata in Sicilia a Baldrico, che porta con sé Foco, un uomo che ha impresso sul corpo il marchio del ladro. Di certo il piglio registico è sicuro: non si vuole trattare l’uomo dei miracoli, si preferisce spettacolarizzare l’essere umano, con le sue paure, le sue emozioni, i suoi sentimenti. Il biopic del Santo circoscritto agli ultimi anni della sua vita risulta vincente grazie all’efficace interpretazione offerta dal catalano Jordi Mollá. Il Santo muore il 13 giugno 1231 stanco e malato, dopo aver fatto cambiare le leggi dell’uomo ed essere stato portato in trionfo nella sua Padova come “defensor civitatis”.

    1. scheda
  • Arrivederci amore, ciao

    L’ex terrorista Giorgio Pellegrini ha deciso di abbandonare la propria militanza rivoluzionaria, in cui non ha mai veramente creduto: per rifarsi una vita e liberarsi dall’ombra del passato, vende i suoi vecchi compagni in cambio di un forte sconto di pena; uscito di galera, ossessionato dalla riabilitazione, insegue una paradossale ascesa verso la rispettabilità esercitando ricatti, sfruttando donne, compiendo azioni criminali di ogni specie – protetto e incoraggiato dall’ipocrisia di un Nord-Est fin troppo compiacente. Ma sempre sotto la minaccia del corrotto Anedda, ispettore della Digos, che lo tiene in pugno con le prove della sua antica colpevolezza. Finché arriva il giorno del regolamento dei conti...

    1. scheda
  • Aspirante vedovo
    10 ottobre 2013

    Alberto Nardi si dà arie da imprenditore giovane e dinamico ma per adesso è riuscito solo a collezionare un fallimento dopo l'altro. L'unico suo vero affare, sulla carta, è stato quello di sposare Susanna Almiraghi, grande industriale del Nord, una della donne più ricche e potenti del paese. Susanna, però, non ne può più di quel marito cialtrone e inconcludente e ha deciso di lasciarlo affogare nei suoi debiti. Per Alberto è la fine, ma il destino sembra volergli dare una mano: Susanna rimane vittima di un incidente aereo. Di colpo Alberto si ritrova miliardario, l'impero di sua moglie adesso è suo e già si atteggia a grande capitano d'industria. Purtroppo per lui il sogno dura poco: Susanna su quell'aereo non è mai salita, nel giro di ventiquattrore l'equivoco si risolve ed eccola di nuovo in sella, più dura e risoluta di prima mentre Alberto torna ad essere solo e soltanto il marito dell'Almiraghi. Ma quelle poche ore hanno lasciato il segno, Alberto ci ha preso gusto e inizia a pensare al modo per liberarsi di sua moglie e tornare a recitare il ruolo a lui più congeniale: Aspirante vedovo.

    1. trailer
    2. scheda
  • Balla con noi

    Roma. Erica è una ballerina dell’Accademia Nazionale di Danza. L’esame di diploma si avvicina e la tensione aumenta, vuole dimostrare di impegnarsi al massimo, ma è deconcentrata, balla male, cade e si infortuna a una caviglia. Il mondo sembra crollarle addosso. Marco è l’anima degli Avengers, una crew multietnica (Sara, Claudietto, Congo e Aziz) che balla hip hop, in competizione continua con la crew di Cico, il nuovo ragazzo della sua ex Betty. Erica e Marco sono fratelli, ma Marco è andato via di casa per aver scelto uno stile di vita diverso. Erica cerca il fratello per trovare un po’ di aiuto in un momento di crisi e conosce Congo che la invita alla sfida tra la crew di Cico e quella del fratello. Scopre così un mondo a lei totalmente sconosciuto, ma quando cerca di approfondire il rapporto con Marco, la distanza è ancora troppa. Nel frattempo tra Erica e Congo nasce una sincera simpatia. Marco capisce che deve cambiare qualcosa nel suo modo di porsi di fronte alla vita: decide così di chiedere scusa alla sorella e di reagire cercando di recuperare il suo rapporto con Betty, dopo alcuni tentativi un po’ ingenui per riconquistarla. Marco, per dimostrare che vale più del suo nuovo ragazzo, decide di iscrivere la sua crew alla Battle, la sfida più importante dell’anno per i breakers. Erica salta le lezioni all’Accademia e la sua insegnante, Valeria, la trova con gli altri ragazzi della crew. Valeria vedendo i ragazzi ballare hip hop, dà loro dei consigli, inizialmente ignorati… Marco poi cerca di aiutare la sorella a recuperare l’amore e la passione per la danza, organizzandole una sorpresa: una serata all’Opera, che la porterà anche ad un timido quanto casto bacio con Congo. E’ il momento per Erica di riprendere a danzare sotto la guida di Valeria, anche se nel frattempo prepara la coreografia per la Battle con la crew del fratello. La data del saggio di fine anno è fissata lo stesso giorno in cui si tiene la Battle! Erica vorrebbe restare con i ragazzi, ma sono loro stessi a convincerla che il suo posto è l’Accademia; fino a quando non arriva il grande giorno, non privo di sorprese per tutti…

    1. trailer
    2. scheda
  • Bar Sport
    21 ottobre 2011

    Ci sono bar e bar, ma il Bar Sport è molto di più. In ogni città, in ogni paese, esiste il Bar Sport, sempre con le porte sulla piazza principale. Più che un punto di ritrovo, un punto di riferimento, un luogo dell’anima che accomuna e fonde in un solo spazio, un universo di situazioni e personaggi che almeno una volta abbiamo incontrato o che ci piacerebbe conoscere. Il Bar Sport, gestito da Antonio il Barista detto anche Onassis per la sua tirchieria, è frequentato dal Tennico tuttologo che tutto sa e tutti conosce; dal playboy che racconta le sue improbabili avventure; dalle vecchiette dall’aspetto innocuo e dall’animo perfido, sempre sedute allo stesso tavolino all’angolo; da chi dice sempre che sta per partire; dall’inventore che insegue il record del flipper; dai giocatori di biliardo pronti all’eterna sfida con il bar Moka; da quelli che passano le giornate giocando a carte impegnati in epiche sfide; dai giocatori di calcio balilla…o meglio, di calcetto nei bar di sinistra; dall’innamorato depresso ormai fuso al telefono a gettoni; dal semplice e ingenuo Cocosecco; da Elvira ‘lire tremila’ dall’inequivocabile lavoro; dal ‘cinno’ che sogna di diventare un campione di ciclismo; dal vecchietto che passa il tempo davanti alla televisione, sputando in terra; dal timido geometra con la moglie appariscente; dal professore che dà i voti alle ragazze. Sotto gli occhi sognanti della bellissima cassiera di cui tutti si innamorano, ma che perde la testa per l’affascinante fornaio. Nel Bar Sport vengono tramandate le imprese dei grandi sportivi entrati nella leggenda come Piva, il calciatore dal tiro portentoso adorato dai tifosi, e il grande Pozzi, il ciclista invincibile impegnato in un’eterna sfida con il famoso Girardoux.

    1. trailer
    2. scheda
  • Basta un niente

    In un paesino sul Golfo di Napoli la vita sembra scorrere tranquilla, fino a quando alle ore 10.00 del 22 giugno, Peppe, disoccupato 35enne, autista occasionale per un'agenzia funebre, accompagna il nonno Alfredo a Villa Serena sostenendo di essere preoccupato per la sua salute; in realtà gli serve casa libera per qualche giorno. Accolto da Marcella, l'infermiera che si prenderà cura di lui, Alfredo viene sistemato nella stanza n° 33 che dividerà con il burbero Cav. Alfonso Maria Armato, titolare di una gioielleria con la fobia delle rapine e con Nino Balestra, apparentemente morto. Intanto, tra i vicoli, Ivo il postino corre sulla sua Vespetta per effettuare le solite consegne. Come di consuetudine, nella loro abitazione, Rosario e Patrizia stanno litigando mentre la figlia Laura, ormai abituata, guarda la Tv. Rosario, custode del cimitero, è un buon uomo, metodico e tranquillo. Patrizia, invece, insegna italiano alla scuola media, è irrequieta e vorrebbe una vita diversa. L'incontro con Carlo, milanese, professore di matematica, persona colta e misteriosa, le dà una speranza...

    1. scheda
  • Bella addormentata
    6 settembre 2012

    Tutto si svolge, in vari luoghi d’Italia, in sei giorni, gli ultimi di Eluana Englaro, la cui vicenda resta sullo sfondo. Personaggi di fantasia dalle diverse fedi e ideologie le cui storie si collegano emotivamente a quella vicenda, in una riflessione esistenziale sul perché della vita e della speranza malgrado tutto. Un senatore deve scegliere se votare per una legge che va contro la sua coscienza o non votarla, disubbidendo alla disciplina del partito, mentre sua figlia Maria, attivista del movimento per la vita, manifesta davanti alla clinica dove è ricoverata Eluana. Roberto, con il fratello, è schierato nell’opposto fronte laico. Un “nemico” di cui Maria si innamora. Altrove, una grande attrice cerca nella fede e nel miracolo la guarigione della figlia, da anni in coma irreversibile, sacrificando così il rapporto con il figlio. Infine la disperata Rossa che vuole morire, ma un giovane medico di nome Pallido si oppone con tutte le forze al suo suicidio. E contro ogni aspettativa, alla fine del film, un risveglio alla vita…

    GUARDA I VIDEO:
    "Bella addormentata" a Venezia 69 - Conferenza stampa>>
    "Bella addormentata" a Venezia 69 - Interviste>>
    "Bella addormentata" a Venezia 69 - Red Carpet>>
    "Bella addormentata" a Venezia 69 - Accoglienza della critica>>
    "Bella addormentata" a Venezia 69 - Lo sviluppo del progetto>>

    1. trailer
    2. scheda
  • Benvenuto presidente
    21 marzo 2013

    In un piccolo paesino di montagna vive un uomo dal nome impegnativo: Giuseppe Garibaldi, per tutti Peppino. E' un uomo semplice, ama la pesca, gli amici ed ha un ottimismo indistruttibile. Un giorno accade una cosa enorme, incredibile, inaudita: Peppino viene eletto per sbaglio Presidente della Repubblica Italiana! L'uomo nuovo che sale al Quirinale non si lascerà corrompere, non cadrà nei tranelli del potere, nelle insidie della politica ma si abbatterà con una ventata di anarchia e gioiosa follia sulle istituzioni in crisi. Incapace di sottostare alle regole del protocollo sceglierà di farsi guidare dal buonsenso e dalla sua onesta umanità. Saprà conquistare il Paese sfiduciato ed il cuore della bella Janis, vice segretario generale della Presidenza della Repubblica, che tenta invano di imporgli il rigore istituzionale?

    1. trailer
    2. scheda
  • Bianca come il latte rossa come il sangue

    Leo ha sedici anni, per lui la vita ha solo due colori: il Bianco e il Rosso. Non si pettina mai, gioca a calcetto, ascolta musica a tutto volume, così non si pensa. Detesta fare i compiti ma se ne frega perché sa che li copierà. La scuola è bella ma solo al pomeriggio, quando i prof non ci sono. Il Bianco è il vuoto assoluto, il silenzio, la noia e fa paura. Da evitare. Il Rosso è il sangue che pulsa nelle vene prima di una partita, è il colore dei capelli di Beatrice, la ragazza dei suoi sogni. Da rincorrere. Farebbe qualunque cosa per lei perché è innamorato, innamorato pazzo di Beatrice. Anche se lei ancora non lo sa. Quando finalmente trova il coraggio di avvicinarsi alla ragazza, scopre che Beatrice sta attraversando un grande dolore. Di fronte alla sua sofferenza, Leo si trova a crescere e fare delle scelte intorno al suo mondo che lo guarda e lo incoraggia: i genitori, i compagni, un professore davvero "speciale”. E poi c’è Silvia, l’amica di sempre, la confidente fedele di ogni suo segreto…

    1. trailer
    2. scheda
  • Bianco e nero

    Elena ha fatto dell’integrazione razziale un lavoro e una ragione di vita. La sua professione di mediatrice culturale non si esaurisce con l’orario d’ufficio ma si insinua ogni giorno dentro le mura domestiche. Ne sanno qualcosa la figlia Giovanna e il marito Carlo, tecnico informatico, costretto a presenziare a serate di beneficenza in cui si sente fuori posto. Durante una di queste serate, Carlo incontra Nadine, una bellissima donna nera con cui si scopre complice fin dal primo sguardo; mentre suo marito Bertrand, un raffinato intellettuale nero, relatore della conferenza, infiamma gli animi di tutti con la sua dialettica appassionata. Carlo convince la moglie, in realtà molto titubante, a invitare Nadine e i figli alla festa di compleanno di Giovanna. Nel bailamme generale Carlo e Nadine si dicono a malapena una parola, ma l’intesa è tangibile. Basterà un computer da riparare per far cadere anche le ultime barriere e scatenare in loro la passione. E negli altri, amici e parenti, lo stupore, il rifiuto e anche una curiosità morbosa: com’è l’amore fra una donna nera e un uomo bianco? Che succede alla passione d'amore quando tutto cospira per renderla impossibile?

    1. trailer
    2. scheda
  • Bibo per sempre

    Bibo Cedrelli, noto personaggio televisivo, è in crisi profonda. Tutto è iniziato con un incontro particolare, con un senzatetto, il quale sembra essere felice nonostante una vita fatta di stenti e di solitudine. Bibo non capisce, lui ha tutto, una bella moglie, Luisa, tre splendide figlie, una bella casa, una carriera in crescente ascesa, eppure gli manca qualcosa. Le sue certezze e i suoi sentimenti sono messi in discussione al punto che Bibo decide di spogliarsi dei suoi abiti per diventare almeno per un giorno lui stesso un homeless. E questa giornata trascorsa nei panni di un senzatetto lo porterà a capire che tutto quello che gli serve e che sta cercando è sempre stato dentro di lui.

    1. scheda
  • Boris  Il film

    In “BORIS IL FILM” il regista René Ferretti molla la brutta fiction tv che ha fatto per anni e tenta il grande salto: un film d'autore, per il cinema. Insomma, la libertà artistica dopo una carriera asservita al conservatorismo televisivo. Ma il mondo del cinema con i suoi snobismi può essere perfino peggio di quello della tv. Soprattutto per una troupe, quella di Ferretti, a dir poco estranea all’Arte con la “a” maiuscola. Tra cinematografari snob, attrici nevrotiche, sceneggiatori modaioli, eroinomani, squali e improvvisati vari, “BORIS IL FILM” mette a nudo un mondo, quello del cinema italiano, che aspira a una nuova giovinezza e vive invece solo una perenne immaturità. Con lo stesso cast della serie e gli stessi autori: Giacomo Ciarrapico, Mattia Torre, Luca Vendruscolo che firmano anche la regia. “Ci sono scene troppo brutte perfino per un regista televisivo: uno struggente rallenti sulla corsa nei prati di un giovanissimo Joseph Ratzinger che festeggia la scoperta di un vaccino è troppo anche per René Ferretti. E sì che di monnezza ne ha girata tanta, narcotizzanti apologie del presente, inquietanti biografie di santi e tante altre ancora (“Caprera”, “La bambina e il capitano”, “Gli amici tassinari”, “Libeccio”). E allora basta. Meglio l’insicurezza economica, meglio il cinema. Meglio tradire tutti - la Rete, la moglie in attesa di alimenti, la impresentabile storica troupe - e buttarsi nel cinema. Tanto più se la sfida è un copione libero, serio, forte, di denuncia, “alla Gomorra”. Sì, perché il cinema è più povero della TV (“dopo il cinema c’è la radio, dopo la radio c’è la morte”) ma ancora libero e poetico. Perfino in questo vessato paese. Purtroppo però, anche con un progetto “alla Gomorra”, bisogna fare i conti con la palude culturale che tutto ingloba. I committenti del salotto buono del cinema si rivelano, alla prova dei fatti, solo diversamente codardi. I nuovi collaboratori solo diversamente inaffidabili. E la presunta grandeur del cinema una rogna senza fine. Come per una condanna divina, nonostante i suoi lodevoli sforzi, René Ferretti si ritrova tra i piedi la stessa troupe scalcinata di sempre, gli stessi attori cani, gli stessi sceneggiatori inetti e perfino lo stesso borioso capetto d’un tempo. Con qualche colpo di fortuna e grazie alla sua proverbiale scaltrezza, un film decente sarebbe ancora arrangiabile. Forse anche ottimo. Ma incombe la maledizione metafisica di un paese chiamato Italia, che ama i simpatici e i cialtroni e non premia certe malinconiche seriosità. E la “Grande Commedia” incombe.

    1. scheda
  • Brucio nel vento

    Tobias Horvath vive in Svizzera e lavora da dieci anni in una fabbrica d'orologi. Ogni suo giorno scorre nell'estenuante ripetizione degli stessi gesti. Nato "in un villaggio senza nome, in un paese senza importanza" dell'Est europeo, ha trascorso l'infanzia nella miseria, all'ombra di una madre che era la ladra, la mendicante, la puttana del villaggio. Quando un giorno scopre che uno dei tanti uomini che frequenta la donna è suo padre, il giovane Tobias, profondamente umiliato, gli infila un coltello nella schiena. Convinto d'averlo ucciso fugge all'Ovest nel disperato tentativo di lasciarsi tutto il passato alle spalle. La sua nuova vita è popolata da incubi e visioni, confortato solo dalla scrittura e dalla sua immaginazione che lo porta sempre verso il volto di una donna immaginaria, Line. Ma quando meno se lo aspetta la vera Line arriva…

    1. scheda
  • Buongiorno, notte

    Chiara, giovane terrorista appartenente alla lotta armata, è coinvolta nel sequestro Moro. Attraverso il suo sguardo - talvolta perso, spesso impaurito, inconsapevolmente o consapevolmente miope sulla realtà che la circonda - prende corpo il complesso mondo degli "anni di piombo", disperatamente fiducioso nell’avvento della rivoluzione e intrappolato nei rituali della clandestinità. Di contro è chiamata a vivere la normalità del quotidiano con i suoi ritmi di sempre: un ufficio, un lavoro, dei colleghi e un ragazzo che sembra leggerla nel profondo, più di quanto lei stessa riesca a fare. Aggrappata a quel filo di emozioni che l’ideologia e la lotta di classe recidono continuamente, si scoprirà in conflitto con i suoi compagni e sempre più a disagio nel suo ruolo di combattente, mentre passato e presente ne incrinano le certezze e il fascino dell’utopia rivoluzionaria non riesce a compensare la ferocia distruttiva di chi le vive vicino o le dorme accanto.

    1. scheda
  • Cantando dietro i paraventi

    A causa di un fraintendimento di indirizzo, un giovane studente occidentale si ritrova all’interno di un teatrino-bordello della Cina per clienti trasgressivi. Sul palcoscenico sale un attore nelle vesti di un vecchio capitano di marinerie spagnolesche per narrare la storia di una celebre dona pirata: la vedova Ching, il cui marito fu ammiraglio di una potente flotta piratesca al servizio di una società di anonimi azionisti.

    1. scheda
  • Caos calmo
    08/02/2008

    Caos calmo è quello che Pietro Paladini ha nel cuore da quando ha perso sua moglie Lara. Un giorno d’estate Lara muore all’improvviso, ma lui non è con lei, in quel momento è in mare e sta salvando la vita a un’altra donna, una sconosciuta. Sua figlia Claudia ha dieci anni e frequenta la quinta elementare. Pietro la accompagna il primo giorno di scuola e decide improvvisamente di aspettarla fino alla fine delle lezioni. Anche il giorno seguente rimane lì e il giorno dopo ancora. Pietro si rifugia nell’auto ad aspettare che il dolore arrivi. Osserva il mondo dal punto in cui si è inchiodato e scopre poco a poco il lato nascosto degli altri. I suoi capi, accorrono da lui per consolarlo: invece gli raccontano il loro dolore fino ad arrendersi davanti alla sua incomprensibile calma. Ma dopo il caos calmo per Pietro comincia l’epoca del risveglio.

    1. trailer
    2. scheda
  • Casomai
    30/04/2002

    Tommaso e Stefania sono una coppia felice e affiatata. Sono sposati ed hanno un bel bambino, Andrea. Circondati dagli amorevoli consigli dei genitori e degli amici vivono serenamente la loro bella storia d'amore. Ma fino a che punto la presenza di questo stuolo di conoscenti, amici, parenti è poi così inoffensiva? Arriveranno frustrazioni sul lavoro, un isolamento sociale imprevisto e anche difficoltà finanziarie. Gradualmente Stefania e Tommaso diventano una coppia come tante altre: non lottano più, non comunicano, litigano senza sapere perché. Forse però la speranza non è morta: quando l’amore non si fa sentire, non è sempre detto che sia finito. Spesso è solo soffocato, sepolto da mille difficoltà che nulla hanno a che vedere con l’amore.

    1. scheda
  • Caterina va in città

    L’avventura nella Capitale della famiglia Iacovoni: Giancarlo è un insegnante di ragioneria animato da propositi di riscossa, che tra le pareti domestiche soffoca di complessi la moglie provinciale Agata e spinge la figlia Caterina a farsi avanti tra le amiche della classe che hanno alle spalle una famiglia rilevante. La ragazzina, col suo spaesamento ed il suo candore, diviene oggetto di contesa e di rivalità tra Margherita e Daniela, la prima figlia di una scrittrice e di un noto intellettuale, la seconda rampolla di un importante esponente dell’attuale governo. Nel corso dell’anno scolastico si compie il percorso di scoperta, da parte di Caterina, di una certa umanità metropolitana e quello di disillusione di Giancarlo.

    1. scheda
  • Cavalli

    Alla fine dell’Ottocento, in un paesino degli Appennini, in una casa sperduta in mezzo a una vallata, vivono Alessandro (Vinicio Marchioni) e Pietro (Michele Alhaique), due fratelli diversi e legatissimi.
    I due bambini, di undici e tredici anni, spensierati e pieni di energia, vivono come due animaletti selvaggi, cacciandosi sempre nei guai e trascorrendo le loro giornate tra le corse con i carretti, i tuffi al fiume e i furti nella cantina.
    Alla morte della madre, il padre vende gli ultimi averi per regalare ai figli due bellissimi puledri non ancora domati, Baio e Sauro.
    Divenuti adulti, mentre Alessandro sente crescere il desiderio di oltrepassare le montagne e andare lontano, Pietro vuole diventare un allevatore e vivere con Veronica, la ragazza che ama.

    1. scheda
  • Cesare deve morire

    Una docufiction che segue i laboratori teatrali realizzati dentro il Carcere di Rebibbia dal regista Fabio Cavalli, autore di versioni di classici shakespeariani interpretate dai detenuti.
    Si seguono le loro prove e la messa in scena finale del “Giulio Cesare”, ma anche le vite dei detenuti nelle loro celle.
    Il film ha vinto l'Orso d'Oro al Festival di Berlino 2012.

    1. scheda
  • Cha cha cha
    20 giugno 2013

    Roma ai nostri giorni. Non è la Roma piaciona, sonnolenta e pigra. E’ la Roma cinica e grigia degli intrighi, gli affari sporchi, le intercettazioni. Le indagini di Corso partono da un incidente stradale che coinvolge un ragazzo di sedici anni. Tutto lascia pensare che si tratti di un incidente ma Corso non ne è convinto. Lo stesso giorno viene ritrovato il cadavere di un ingegnere che avrebbe dovuto dare il via all’appalto per un mega centro commerciale nei pressi dell’aeroporto. I due fatti sembrano lontanissimi uno dall’altro. Ma non è così. Michelle, la madre del ragazzo, è una donna bellissima, ex attrice, che vive nel nostro paese da diciotto anni e ha avuto una relazione con Corso molti anni prima. Ora è legata ad un uomo molto potente, l’ avvocato Argento, uno di quelli che lavorano nell’ombra e che decidono le sorti del Paese. Michelle, Corso, l’Avvocato. Attorno a questi personaggi ne ruotano altri: l’intercettatore, il fotografo degli scandali e soprattutto l’Ispettore Torre, ex collega di Corso che indaga ufficialmente sugli stessi casi…

    1. trailer
    2. scheda
  • Che strano chiamarsi Federico
    12 settembre 2013

    Da un Maestro del cinema, il commovente omaggio a Federico Fellini, il più grande regista italiano di tutti i tempi. In occasione del 20° anniversario della scomparsa.

    1. scheda
  • Chi nasce tondo...

    Mario e Righetto, due cugini trentenni, sono alla disperata ricerca della nonna ultraottantenne fuggita dalla casa di cura Villa Quiete dopo averne svaligiato la cassa. Mario ha la necessità di tenere nascosta l’esistenza della nonna ladra alla futura moglie, Flaminia, e alla famiglia di lei. Il suocero, infatti, è il titolare di una ditta di antifurti e porte blindate, dove Mario lavora come responsabile dell’ufficio vendite… Righetto, invece, è un cialtrone che occupa e gestisce vecchi edifici abbandonati per riaffittarli a peso d’oro a disgraziati senzatetto provenienti da ogni parte del mondo e dell’Italia. Dopo cinque anni di assoluto silenzio un bel giorno Mario piomba nel palazzo occupato dal cugino, per coinvolgerlo nella ricerca della nonna. Righetto si lascia convincere con la speranza che il bottino rubato a Villa Quiete finirà nelle sue tasche. Durante questa ricerca in una Roma moderna dal sapore antico, i due incontreranno una serie di personaggi inaspettati che appartengono al burrascoso passato di nonna Italia.

    1. scheda
  • Christine Cristina

    Cristina da Pizzano, italiana, vissuta in Francia nel momento del passaggio dalla notte del Medioevo all’alba dell’Umanesimo, fu la prima donna a vivere soltanto grazie alla propria penna, cioè scrivendo e pubblicando opere poetiche. Da un’agiata condizione precipita nella miseria più nera, con due figli piccoli, nell’imperversare delle lotte tra Armagnacchi e Borgognoni. Cristina ha un solo imperativo: sopravvivere. Costretta ad immergersi nella Parigi insidiosa dei derelitti schiacciati da guerre centenarie, Cristina dovrà risorgere dopo aver toccato il fondo, vincendo fame, paura e disperazione. Ci riuscirà per l’appunto grazie alla scoperta di un dono che portava dentro di sé senza saperlo: il talento poetico. Due mentori, apparentemente antitetici tra loro e in realtà complementari, l’accompagnano nella sua avventura umana e intellettuale. Prima Charleton, un cantastorie da osteria che la aiuta a conoscere quel mondo degli umili che amerà la sua poesia, poi Gerson, teologo sopraffino, combattuto tra l’amore per Cristo e quello per Cristina. Ma Cristina dovrà al dunque percorrere da sola la sua strada e superare gli ostacoli eretti dai rappresentanti della cultura dominante.

    1. scheda
  • Ciliegine

    Amanda ha sempre avuto con gli uomini rapporti complicati, li giudica irreparabilmente inaffidabili, li guarda con sospetto, pronta a cogliere i segni certi dell’arroganza, del tradimento, dell’indifferenza. Secondo il marito della sua migliore amica Florence, un eccentrico psicanalista, Amanda è affetta da androfobia: ha paura degli uomini. E’ quindi fatale che qualunque inezia diventi pretesto per interrompere le sue relazioni. Ma la sera del 31Dicembre accade qualcosa di veramente insolito: con Antoine, un uomo incontrato al veglione organizzato da una collega di Florence, Amanda sembra un'altra, tenera, gentile, indulgente. Florence è stupefatta. E’ possibile che fra i due sia scoppiato un vero e proprio colpo di fulmine? In realtà, vittima di un equivoco, Amanda è convinta che Antoine sia gay, quindi innocuo. Quando Florence si rende conto del malinteso, il marito psicanalista la dissuade dal disingannare Amanda. Perché Amanda possa finalmente guarire, bisogna anzi convincere Antoine a fingersi gay...

    1. scheda
  • Cirkus Columbia

    Bosnia ed Erzegovina, 1991. Il comunismo è caduto e Divko Buntic torna al villaggio dove è cresciuto per riappropriarsi della casa di famiglia. Dopo un esilio di 20 anni in Germania, Divko arriva con la sua Mercedes rosso fiammante accompagnato dalla giovane e sexy fidanzata Azra, il gatto nero fortunato Bonny e le tasche piene di marchi tedeschi. Cash e il cugino Ivanda, il recentemente e “democraticamente” eletto sindaco, aiutano Divko a sfrattare la moglie abbandonata Lucija e il loro figlio ventenne Martin. Dopo essere scampati all’arresto da parte della polizia in seguito alla rissa durante lo sfratto, Martin e Lucija vengono sistemati in un piccolo appartamento in una casa comunale. A sua volta sistematosi nella sua vecchia casa, Divko tenta un avvicinamento con Martin, il figlio che non aveva mai conosciuto. Invita il giovane a vivere con lui e la sua futura moglie Azra. Quando Lucija lo scopre, s’infuria temendo che suo figlio l’abbandoni per il padre. Martin la rassicura, ma il giovane, appassionato radioamatore, continua a far visita in segreto al padre, per utilizzare l’attrezzatura che ha lasciato nella casa. Quando l’adorato gatto Bonny scompare, l’intero villaggio si unisce alla ricerca disperata per potersi aggiudicare la ricompensa promessa da Divko. La quotidiana ricerca del gatto disperso spinge il rapporto tra Divko e Azra, già fragile, al limite e apre la porta a un’inaspettata ma forte attrazione tra “matrigna” e “figliastro”. Impegnati nella vita di tutti i giorni, gran parte degli abitanti del villaggio non sembrano preoccuparsi dei tumulti politici: la Croazia si è separata, tutti gli iugoslavi si vedono costretti a scegliere la parte dalla quale stare e i serbi iniziano a bombardare Dubrovnik. Anche se la zona è in massima allerta, molti non riescono ancora a immaginare che qualcuno o qualcosa possa separare la Bosnia e l’Erzegovina. L’ex sindaco comunista Leon e il capitano dell’esercito iugoslavo Savo sono da sempre amici di Martin e di sua madre. Ma Martin rimane presto scioccato nello scoprire con quale rapidità gli amici si possono trasformare in nemici, come il suo amico d’infanzia Pivac che si unisce a un gruppo paramilitare pro‐Croazia. Mentre le nubi della guerra si addensano, sentimenti profondi e lealtà saranno messi alla prova dalla decisione più difficile di tutte: se restare o andarsene…

    1. trailer
    2. scheda
  • Colpo d'occhio

    Adrian è un giovane scultore di provincia desideroso di affermare il suo talento nel mondo dell’arte. Fin dalla sua prima esposizione nella Capitale, all’interno di una collettiva di esordienti, la sua personalità balza agli occhi di Gloria, una giovane studiosa d’arte alla ricerca del “suo” artista. Tra i due nasce subito un’intesa e ben presto Gloria diventa per Adrian compagna, fonte ispiratrice delle sue opere nonché agente. Ma un altro critico s’innamora del lavoro di Adrian: Lulli, un intellettuale di fama internazionale. L’uomo conosce molto bene Gloria, essendone stato prima il tutore e poi l’amante fino all’arrivo di Adrian. Questi trascorsi però preoccupano solo la ragazza che guarda con sospetto all’interessamento del famoso critico per il suo compagno. Adrian invece, proprio grazie all’influenza di Lulli, assapora da subito il gusto del successo e decide così di affidarsi al totale controllo del critico, dando vita a un sodalizio che porta all’inevitabile rottura con Gloria. Ma un’ombra minaccia l’ascesa del giovane: in occasione della presentazione della mostra che lo consacrerà definitivamente come artista di prim’ordine, Gloria scopre che l’opera da lui presentata nasconde un segreto…

    1. trailer
    2. scheda
  • Come Dio comanda

    Provincia del Nord Italia. Una landa desolata alle pendici di maestose montagne. Case sparse e costruite lungo una superstrada in mezzo a enormi depositi di legna, centri commerciali e neon. Qui vivono un padre e un figlio. Rino e Cristiano Zena. Rino è un disoccupato, meglio un lavoratore precario. Cristiano fa le scuole medie. Il loro è un rapporto d’amore tragico e oscuro. Soli combattono contro tutto. Rino educa suo figlio come può. Come sa. Cristiano lo ama, lo venera, lo considera il suo faro, la sua guida spirituale. Un amore sbagliato, ma potentissimo. Hanno un solo amico. Si chiama Quattro Formaggi. Che non sta tanto bene. Per via di un incidente, la sua testa non funziona più come prima. Quattro Formaggi vive per Rino, adora Cristiano, e passa le sue giornate in casa costruendo uno strano presepio, fatto di pupazzi, soldatini, bambole e oggetti che lui recupera dalle discariche della città…

    1. trailer
    2. scheda
  • Come il vento
    28 novembre 2013

    Ispirato alla vita di Armida Miserere, e un ritratto personale di una delle prime donne a dirigere un carcere nel secolo scorso. Dalla metà degli anni Ottanta sino ai primi del Duemila, Armida si e trovata in prima linea negli istituti di pena più difficili a stretto contatto con la criminalita organizzata in perenne guerra con lo stato. Carceriera e vittima al tempo stesso, mette alla prova la sua umanita mentre combatte con il resto del mondo per trovare verita e giustizia per sé e per gli altri.

    1. scheda
  • Commediasexi

    Roma. L’onorevole Bonfili, padre di due bambine e sposato con Pia, affascinante donna con la passione per la cucina, ha una relazione segreta con Martina, una starlette dalle forme prorompenti e dal carattere travolgente. La sua vita scorre meravigliosa, tra lussi e privilegi, incontri istituzionali e appuntamenti clandestini. Tutto sembra andare per il meglio fino a quando l’onorevole si troverà davanti al rischio di uno scandalo che potrebbe rovinargli la vita. Superato un primo momento di panico, partorirà la geniale idea di appaltare l’amante a Mariano, il suo autista, un uomo comune e umile votato al lavoro e alla famiglia: una moglie, Dora, casalinga ipocondriaca, e i figli Paolino ed Eleonora, irrequieti adolescenti. Mariano si ritroverà, da un giorno all’altro, a convivere con la vistosa e ingombrante Martina, sempre più lanciata verso il successo, mentre Bonfili, caricata la famiglia su un aereo, partirà per una prudente vacanza a Parigi. Tra paradossi ed equivoci, Mariano si ritroverà a vivere una vita che mai avrebbe immaginato, in precario equilibrio tra vip, mondanità e una tragedia familiare dagli effetti comicamente devastanti.

    1. trailer
    2. scheda
  • Confusi e felici
    30 ottobre 2014

    Marcello è uno psicanalista che esercita senza vocazione in uno studio di Roma. Cinico e svogliato, assiste una messe di pazienti sull'orlo di una crisi di nervi. Nazareno è un pusher di borgata che soffre di attacchi di panico e ha un figlio in arrivo, Pasquale ha quarant'anni e una dipendenza dalla madre e dai carboidrati, Vitaliana è una ninfomane che vorrebbe realizzare i suoi sogni erotici, Betta e Enrico sono una coppia in debito di sesso e di passione, Michelangelo ha un problema a gestire la sua rabbia e il tradimento della moglie con un tedesco. Congedati improvvisamente da Marcello, che ha scoperto di soffrire di una rara malattia agli occhi, i suoi pazienti decidono di aprirgli gli occhi sul mondo. A guidarli appassionata c'è Silvia, fedele segretaria di Marcello che lo accompagnerà nel suo percorso di rinascita.

    1. scheda
  • Corpo Celeste
    27 maggio 2011

    Marta ha tredici anni e, dopo dieci anni passati con la famiglia in Svizzera, è tornata a vivere nel profondo sud italiano, a Reggio Calabria, la città dov’è nata. Marta è esile, attenta, con un’andatura un po’ sbilenca e un’inquietudine che la fa assomigliare ad una creatura selvatica. Ma ha una grazia speciale e, mentre passa tra gli altri come una piccola fata, guarda e sente tutto: non ricorda molto della sua infanzia a Reggio, la città, cresciuta senza nessun ordine, è per lei rumore, resti antichi accanto a palazzi ancora in costruzione e vento, un mare che si intravede vicino e sembra impossibile da raggiungere. Marta inizia subito a frequentare il corso di preparazione alla cresima, l’età è giusta, ed è anche, le ripetono tutti, un bel modo per farsi nuovi amici. Senza la cresima non ti puoi neanche sposare!? Incontra così don Mario, prete indaffarato e distante che amministra la chiesa come una piccola azienda, e la catechista Santa, una signora un po’ buffa che guiderà i ragazzi verso la confermazione. In parrocchia si sta preparando una festa per l’arrivo di un nuovo Crocifisso Figurativo che dovrà sostituire quello stilizzato e fluorescente che poco piace ai parrocchiani. Nell’attesa della grande festa della parrocchia, Marta partecipa alle attività del catechismo, impara a memoria le formule del libro, canta “mi sintonizzo con dio”. Ma capirà presto che altrove deve trovare la sua strada, non la via al di là del mondo, ma la via attraverso il mondo.

    1. foto
    2. scheda
  • Cosimo e Nicole
    29 novembre 2012

    Cosimo è italiano, Nicole francese. Si conoscono a Genova, durante gli scontri del G8. E’ bastato uno sguardo per innamorarsi e da allora non si sono più lasciati. Da subito la loro è stata una passione irrefrenabile e incontrollata.
    Cosimo e Nicole sono giovani e vagabondi, la loro casa è l’Europa e la musica la loro più grande passione. Dopo tanto girare, decidono di tornare a Genova dove iniziano a lavorare per un loro amico che organizza concerti.
    Tutto sembra andare per il meglio, fino a quando un drammatico incidente rischia di incrinare l'amore della coppia ponendo i due ragazzi di fronte a scelte che segneranno il loro futuro. Per sempre.
    Una storia d’amore moderna e autentica che non vuole scendere a compromessi con una realtà dura e cinica.

    L'anteprima al Festival di Roma 2012 - Guarda il video>>

    1. trailer
    2. scheda
  • Cosmonauta
    11 settembre 2009

    È il 1957, la cagnetta Laika è stata appena mandata nello spazio dai sovietici, Luciana ha nove anni e sul più bello scappa dalla cerimonia della comunione: “Io là non ci torno perché sono comunista!”. È stato suo fratello più grande a trasmetterle la passione per la politica: un ragazzo strano, Arturo, che vive in un mondo tutto suo, forse per colpa delle medicine che prende per l’epilessia … è fissato con l’Unione Sovietica e soprattutto con la corsa allo spazio. E crescendo Luciana comincia a vergognarsi di questo fratellone un po’ bizzarro. In famiglia poi, la ragazza non fa altro che litigare: Luciana non sopporta il patrigno, la sua casa, i suoi soldi, e il modo in cui cerca di farle da padre. A quindici anni Luciana entra a far parte del circolo della FIGC locale, nella sezione che frequentava suo padre, morto ormai da tanto tempo e che tutti ricordano come un “vero comunista”. Con i giovani compagni di partito Luciana vive i suoi primi amori e i suoi primi tradimenti, combinando guai a più non posso … La verità però è che nel 1963, anche fra comunisti, avere più di un fidanzato e rubare il ragazzo a una compagna sono cose che non si fanno, e Luciana è troppo aggressiva, troppo impulsiva, troppo spregiudicata. Quando riceverà la condanna da parte dei compagni adulti della sezione, suo fratello non sarà più accanto a lei come quando erano piccoli per sostenerla e consolarla. Allora Luciana, come Valentina Tereshkova, la prima donna cosmonauta, dovrà fare tutto da sé.

    1. trailer
    2. foto
    3. scheda
  • Cuccioli - Il codice di Marco Polo

    Maga Cornacchia odia Venezia da quando era una giovane Maga e durante un esperimento di magia era caduta nella laguna suscitando l’ilarità di tutti i Maghi presenti. E adesso che ha trovato sull’Himalaya il Palazzo che contiene tutte le magie inventate dai Maghi Orientali negli ultimi cinquemila anni, ha intenzione di usare quei trucchi per prosciugare la laguna e trasformarla in una città come tutte le altre, con le strade al posto dei canali e motorini e macchine al posto di gondole e barche. In altre parole, distruggere Venezia.
    E c’è un solo modo per fermarla: ritrovare il Codice di Marco Polo che contiene le istruzioni per rintracciare, ed accedere, al magico Palazzo di Venezia, che giace sotto il Ponte di Rialto, dove sono racchiuse le magie che potrebbero contrastare i malefici sortilegi di Cornacchia.

    1. scheda
  • Dalla vita in poi
    19 novembre 2010

    Rosalba, per alleviare le sofferenze del carcere al suo fidanzato Danilo, decide di scrivergli delle lettere romantiche. Tuttavia, per trovare le più dolci e appassionate parole d’amore, Rosalba ricorre all’acume sentimentale dell’amica del cuore Katia. Quest’ultima, costretta su di una sedia a rotelle, aiuterà l’amica nella sua missione, ma ben presto le liriche parole d’amore impresse sulla carta e le appassionate risposte di Danilo faranno nascere un’altra storia d'amore dai risvolti inaspettati...

    1. scheda
  • Dervis – Il derviscio

    Lo sceicco Ahmed Nerudin vive in un mondo in cui non alberga il dubbio, esistono solo certezze assolute e verità eterne, codificate e sanzionate dal Corano. Egli rifugge dall’azione, dal concreto e spesso contraddittorio impegno dell’uomo nella storia. Quando suo fratello verrà ingiustamente arrestato, poi condannato e giustiziato, sarà costretto a scoprire una realtà molto diversa. Il suo spirito di giustizia lo spingerà a fomentare una sommossa che farà cadere i suoi nemici. Una volta insediato al loro posto scoprirà il vero prezzo della vendetta.

    1. scheda
  • Dieci inverni

    È l’inverno del 1999. Un vaporetto attraversa la laguna di Venezia. Camilla, diciottenne schiva, appena arrivata dal paese per studiare letteratura russa, nota tra la folla un ragazzo. Anche lui porta con sé una valigia, anche lui è appena arrivato. I due iniziano a guardarsi: lei è timida, lui più sfacciato. Silvestro ha la stessa età di Camilla, ma diversamente da lei nasconde la sua inesperienza dietro un’ingenua spavalderia. E quando il vaporetto attracca, decide di seguire la ragazza per le calli nebbiose di un’isola della laguna... Così comincia un’avventura lunga dieci anni che porterà i due ragazzi dalla Venezia quotidiana degli studenti fino alla straniante frenesia di Mosca, con i suoi teatri e le enormi strade trafficate. Camilla e Silvestro vivranno altre storie d’amore, si scriveranno, saranno coinquilini nella stessa casetta sulla laguna, ospiti a un matrimonio nella campagna russa e poi ancora passanti distratti nell’affollato mercato di Rialto. Saranno di volta in volta nemici, amici, conoscenti, innamorati, vicini o distanti. Dieci inverni è una storia d’amore, o meglio il prologo di una storia d’amore. Un prologo lungo dieci anni, raccontato per quadri: ogni inverno è una finestra aperta a curiosare nella vita di due persone che non si perdono mai del tutto e intanto crescono, segnate dal difficile e splendido ingresso nell’età adulta.

    1. foto
    2. scheda
  • Domenica
    02/02/2001

    Un ispettore di polizia e una bambina orfana affrontano insieme un viaggio lungo un giorno per le strade di Napoli. Tra i vicoli, in un garbuglio di piccoli avvenimenti, teneri e sordidi, la bambina conduce il taciturno e rude ispettore nel pellegrinaggio per una Napoli povera, segreta, innocente e maledetta. E’ la storia drammatica e commovente di due solitudini: la figlia mancata e il padre perduto. Tra i due si stabilisce un forte legame affettivo, l’incontro è per entrambi l’occasione per dire un sì estremo alla vita.

    1. scheda
  • Due partite

    Una commedia dolce-amara sul mondo femminile. Due epoche, due modi di essere donne. Anni Sessanta: una partita a carte per stare insieme. Ogni giovedì pomeriggio quattro amiche si raccontano amori e tradimenti, teorizzando la maternità, la vita e i problemi del matrimonio. Litigano, ridono, parlano con complicità e un po’ di cinismo. Trent’anni dopo: le figlie si ritrovano al funerale di una delle madri. Sono le stesse bambine che, durante le partite a carte, giocavano nella stanza accanto. Come le loro madri, si confidano sogni e paure, il tempo che passa, il rapporto con il lavoro, il desiderio di maternità.

    1. trailer
    2. foto
    3. scheda
  • E' stato il figlio
    14 settembre 2012

    La famiglia Ciraulo, protagonista del film, è composta da sei persone: Nicola è il capofamiglia, Loredana sua moglie, Tancredi è il figlio maggiore e Serenella la figlia più piccola. Nonno Fonzio e Nonna Rosa, i genitori di Nicola, vivono insieme a loro. Abitano nella periferia di Palermo. Nicola si arrabatta per mantenere tutti rivendendo il ferro vecchio delle navi in disarmo. Le loro vite anche in questa realtà molto dura, scorrono in una relativa serenità. Fino a quando, al ritorno da una gita al mare, insieme con i Giacalone, loro amici e vicini di casa, un proiettile vagante, destinato ad un regolamento di conti fra bande rivali, colpisce a morte la piccola Serenella. La disperazione è incommensurabile. Ma si apre uno spiraglio di speranza per un cambiamento economico quando Giacalone suggerisce a Nicola di chiedere un risarcimento che lo Stato riconosce alle vittime della mafia. Il miraggio di ricevere un’ ingente somma di denaro spinge la famiglia a spendere i soldi prima di incassarli, indebitandosi con tutti, pensando che la liquidazione da parte dello Stato sia imminente. I mesi passano e i debiti crescono tanto da spingere Nicola a cadere nelle mani di un usuraio, grande amico di Giacalone.

    GUARDA I VIDEO:
    "E' stato il figlio" a Venezia 69 - Red Carpet>>
    "E' stato il figlio" a Venezia 69 - Conferenza stampa>>

    1. trailer
    2. scheda
  • Eccezzziunale veramente capitolo secondo…me

    Donato, il capo ultrà del Milan, dopo aver trascorso vent’anni di esilio in Spagna, torna a Milano. Rientrando in Italia, scopre di avere un figlio con Ginevra, la sua fidanzata di allora. Il ragazzo ha vent’anni e vive con la madre e il suo nuovo compagno, che lui crede essere suo padre. Donato, sconvolto dal richiamo del sangue, decide comunque di conoscerlo. Ma scopre, con tremendo dolore, che suo figlio è...un capo ultrà dell’Inter! Per un milanista come lui la notizia è una pugnalata al cuore! Ma pur di stare accanto al figlio, Donato mette da parte il suo orgoglio e si finge anche lui interista... Tirzan vent’anni prima ha avuto un incidente ed è finito in coma. Si sveglia, solo che non ricorda più nulla del suo passato. Soprattutto non ricorda più la Juventus, la sua amatissima squadra del cuore. Ritrova Nunzia, la sua bella moglie. Ma la vera sorpresa è che Nunzia, durante il suo lungo periodo di coma, si è messa con un altro uomo, tale Beniamino, il camionista napoletano con il quale Tirzan aveva avuto l’incidente. Un bravissimo uomo che l’ha mantenuta durante la lunga malattia del marito. Adesso però in casa sono in tre. Moglie, marito e amante. E la convivenza è buffa e difficile. Franco, l’interista, è alla canna del gas. Per colpa del suo amore per il gioco, ma soprattutto per la sua fede interista che gli fa sempre puntare la squadra di Adriano, facendolo perdere da anni, è pieno di debiti. Ma ha un colpo di fortuna. Trova dei soldi in una valigia scambiata per caso durante una trasferta a Zurigo. Li usa per saldare i suoi debiti. Il guaio è che i soldi che ha trovato nella valigia sono soldi della mafia…

    1. scheda
  • Eccomi qua

    Matteo: lavori saltuari, amici al bar, agenzie ippiche, continui problemi di soldi e di identità. Quando Stefania, la sua fidanzata, rimane incinta, decidono di non tenere il bambino e si lasciano. Ma tre anni dopo Matteo casualmente scopre che Stefania non aveva abortito, e che lui è padre di un bel bimbo: Davide. In gran segreto inizia il 'pedinamento' di suo figlio. Il rapporto con Davide, un nuovo lavoro e il tentativo di formare una famiglia “normale” lo porteranno a scoprire in sé una persona nuova e diversa.

    1. scheda
  • Educazione siberiana
    28 febbraio 2013

    Nel sud della Russia, in una città divenuta una specie di ghetto per criminali di varie etnie, due bambini di 10 anni, Kolima e Gagarin, crescono insieme, amici per la pelle.
    L'educazione che viene impartita è piuttosto particolare: il furto, la rapina, l'uso delle armi.
    Il loro clan ha delle regole precise, una specie di codice d'onore, a volte persino condivisibile, che non va tradito per nessun motivo.
    Ma il tempo passa, i due ragazzi crescono mentre il mondo intorno a loro cambia radicalmente...
    E quando hai vent'anni e il mondo ti si spalanca davanti, hai voglia di prendertelo.
    E quando hai vent'anni, rispettare le regole non è esattamente il tuo primo pensiero.
    Ma, come dice nonno Kuzja, il capo del clan criminale siberiano: "E' folle volere troppo. Un uomo non può possedere più di quello che il suo cuore può amare!"

    1. trailer
    2. scheda
  • Emma sono io
    15/11/2002

    Durante le vacanze estive, per un casuale disguido, Emma interrompe la cura che controlla il suo umore instabile. Con la sua euforia e la sua spietata sincerità porta una ventata di energia, ma anche molto scompiglio, tra le persone che le stanno vicino. È così che mette in crisi le certezze di tutti, compreso l’imminente matrimonio di Marta, che proprio ad Emma ha affidato l’organizzazione della sua festa di nozze.

    1. scheda
  • Ex
    06/02/2009
    Ex

    Filippo e Caterina stanno divorziando e lottano per “non” avere l’affidamento dei figli; anche Luca e Loredana sono alle prese con un divorzio tormentato e Luca si trasferisce a vivere nella casa studentesca del figlio ricominciando a cinquant’anni suonati una vita da Peter Pan; Sergio, divorziato da anni e gaudente per vocazione, si ritrova a fare il padre di due adolescenti complicate, dopo la morte improvvisa della ex moglie; Elisa sta per sposarsi con Corrado ma ritrova il suo ex storico nel posto più imprevedibile, è infatti il prete che dovrà sposarli; Giulia vive con Marc a Parigi, ma un trasferimento improvviso in Nuova Zelanda trasforma il loro in un amore a distanza e rischia di farli diventare ex; Paolo, fidanzato con Monique, è minacciato da Davide, ex di lei, geloso e nient’affatto rassegnato.

    1. trailer
    2. foto
    3. scheda
  • Ex  - Amici come prima
    7 ottobre 2011

    Lui sta per sposarsi con quella che pensa sia la compagna della sua vita… fino a quando il destino non mette sulla sua strada la donna dei suoi sogni, incontrata tempo prima e ritrovata in un momento che più sbagliato non si può. Ma forse per lui potrebbe essere troppo presto diventare già un EX. Lei è un bravo avvocato divorzista, terrore dei quasi EX mariti delle sue clienti, che punisce con puro godimento visto che anche lei è una… EX, da poco abbandonata dal suo compagno. Ma per colpa o per scherzo del destino incontra finalmente Lui, bello e affascinante: l’Uomo Giusto. Che purtroppo però è anche l’EX marito sbagliato di una delle sue clienti. Lui è talmente disperato di essere diventato un EX, per giunta scaricato via sms, che per superare il trauma decide di ricorrere alle cure di uno psicoanalista. E, dopo un casuale scambio di persona con il suo medico, scoprirà che anche la psichiatria può avere risvolti piacevoli, tanto che incontrerà l’amore dove mai avrebbe pensato di trovarlo. Lei è un’affascinante cittadina baltica che fa perdere la testa ad uno sposatissimo, deputato meridionale con pochi scrupoli e molte ambizioni. Se non fosse che la signora nordica è anche un potente Primo Ministro anche lei decisamente accasata. Ma le vie della politica sono infinite e quello che doveva essere l’incontro di una notte sembrerebbe diventare qualcosa di più tanto cambiare le loro vite e trasformarli, forse, felicemente in due EX. E poi c’è lui, single talmente incallito che non ha il tempo di diventare un EX. Non ha mogli, né fidanzate, ma in compenso colleziona storie con ragazze piene di EX. Fino a quando il destino non riserverà anche a lui la più inaspettata delle sorprese.

    1. scheda
  • Family Game

    Una cittadina dell’Italia che produce. Vittorio, 40 anni circa, ha un buon lavoro, una bella moglie, due figli splendidi, una casa di prestigio. Obiettivi raggiunti con l’impegno e l’abnegazione, accompagnati ad un profondo senso etico. E’ un assistente chirurgo presso una clinica privata. Oltre ad essere un ottimo medico, Vittorio si ritiene anche un buon marito e un buon padre. Peccato che non sospetti minimamente che alcuni meccanismi celati dietro l’apparente serenità della sua famiglia si stiano inesorabilmente inceppando. Martina la figlia quindicenne, ha seri problemi a scuola con dei ragazzi che la prendono in giro per via di una forte amicizia con una sua compagna di classe. Matteo, 11 anni, passa ore di fronte al computer, trovando in un videogioco che simula la vita di una famiglia virtuale un succedaneo alla propria. Lisa, la moglie, è la prima ad avvertire i lievi scricchiolii del nucleo familiare. Per questo, con discrezione, si attiva da subito per riportare l’esistenza dei suoi cari sui binari dell’ordine e dell’armonia.

    1. trailer
    2. scheda
  • 29/08/2003

    A Cipro, nelle distese di fango del lago salato, sono sepolti ricordi, orrori della guerra, antiche statue portatrici di leggende, argille capaci di poteri curativi. Quattro amici turchi (Ali, Temel, Halil, Aisha) cercano di riappacificarsi con il passato del conflitto turco-cipriota. Ali e Temel vengono coinvolti in un curioso progetto ONU che prevede la realizzazione di una statua di gesso dello stesso Ali a grandezza naturale da collocare in una casa nella parte greca dell'isola, e così al contrario. Fallita l'iniziativa, se ne prova un'altra mirata a trovare uomini le cui famiglie sono state uccise durante il conflitto per conservare campioni del loro sperma da esporre in una mostra. Ali è tra i prescelti. Temel, colpevole di molti omicidi, sa che nel fango sono nascosti i corpi ma non ha il coraggio di andarli a ripescare.

    1. scheda
  • Fortapàsc
    27/03/2009

    La sera del 23 settembre 1985 la camorra uccide Giancarlo Siani, giovane cronista de “Il Mattino”, osservatore scrupoloso e scomodo dello spaccato criminale di Torre Annunziata, da lui stesso ribattezzato ironicamente “Fortapàsc” e regno del boss Valentino Gionta. Ha appena ventisette anni Giancarlo, quando paga con la vita il suo costante sforzo di raccontare la verità di una realtà sociale degradata. Nonostante le difficoltà è un ragazzo allegro che ama la vita e il suo lavoro e cerca di farlo bene. Ha una fidanzata, Daniela, una ragazza volitiva e indipendente che condivide con lui dubbi e paure. Si muove fra camorristi, politici corrotti, magistrati pavidi, carabinieri impotenti, nel contesto di una Campania ancora ferita per il terremoto, dove gli interessi economici in gioco per la ricostruzione sono alti.

    1. trailer
    2. foto
    3. scheda
  • Fratella e sorello
    01/06/2005

    Un’amicizia improbabile fra due uomini: Giacomo, un borghese che vive di rendita, follemente innamorato di Nonò, una bella donna di colore che lo ha portato alla rovina; e il Serpente, spogliarellista, un uomo che ha girato il mondo sulle navi da crociera, indurito dal tradimento di un amico. Si conoscono in prigione, dove sono finiti per motivi diversi, e qui creano un legame forte, fraterno. Una volta usciti dalla galera, non riescono più ad inserirsi nella società, nei suoi trabocchetti, falsità, gelosie, ipocrisie. L’incontro con Nonò e con Cicera, la donna di Serpente, farà precipitare la situazione verso una scelta estrema...

    1. scheda
  • Fratelli unici
    2 ottobre 2014

    Pietro e Francesco sono fratelli di opposta natura: Pietro è un medico carrierista che si è lasciato alle spalle moglie e figlia; Francesco uno stuntman squattrinato e sciupafemmine che non si è mai assunto una responsabilità in vita sua. Quando Pietro, a causa di un incidente, perde la memoria e regredisce al livello di un bambino di quattro anni, Francesco se ne prende cura, un po' per dovere e molto per interesse. I due "fratelli unici" sono dunque costretti a fare di nuovo conoscenza l'uno dell'altro.

    1. scheda
  • Galantuomini
    21/11/2008

    Lecce, anni ’90. Ignazio è uno stimato giudice che è da poco rientrato in città dopo aver lavorato per molti anni al nord. Rivede Lucia, la donna di cui è sempre stato segretamente innamorato fin da piccolo. Lucia, a sua insaputa, è diventata il braccio destro del boss Carmine Zà, uno dei capi della Sacra Corona Unita, la nuova organizzazione criminale che in quegli anni raggiunge l’apice di potenza e ferocia. Ignazio ritrova anche il suo amico d’infanzia Fabio, con cui insieme a Lucia formava un terzetto inseparabile, un tempo. Una sera Fabio si ferma a giocare a biliardo al bar di Infantino, uno dei più attivi spacciatori della zona e anche padre del figlio avuto con Lucia. Il giorno dopo Fabio viene ritrovato senza vita per una dose di droga tagliata male. A Ignazio, sconvolto per l’accaduto, viene affidato il caso, e quando scoprirà la vera attività della donna, il suo mondo andrà definitivamente in crisi.

    1. trailer
    2. scheda
  • Gangor
    11 marzo 2011

    Gangor è la storia del fotoreporter Upin, inviato nel Bengala occidentale per un reportage sullo sfruttamento e la violenza subita dalle donne tribali. A Purulia, accompagnato dal suo assistente Ujan, mentre fotografa un gruppo di indigene intente a lavorare, Upin mette a fuoco Gangor rimanendo profondamente turbato dall’immagine di lei mentre allatta il suo bambino. La foto viene pubblicata in prima pagina suscitando scandalo e la vita di Gangor cambia drammaticamente.

    1. trailer
    2. foto
    3. scheda
  • Generazione mille euro

    Matteo, trentenne, laureato con la passione per la matematica, lavora nel marketing di un’azienda in fase di riorganizzazione. Divide l’appartamento con il suo migliore amico Francesco, accanito giocatore di playstation e appassionato di cinema. L’arrivo in ufficio di un nuovo vice direttore marketing, Angelica, e quello, in casa, di una nuova coinquilina, Beatrice, daranno vita ad una serie infinita di peripezie, tra gli ostacoli del mondo del lavoro e le inevitabili complicazioni sentimentali. Matteo ne uscirà in poco tempo profondamente cambiato. Quattro ragazzi come tanti colti in un momento cruciale delle loro vite: il presente è difficoltoso, ma il futuro regala ancora sogni, e speranze.

    1. trailer
    2. foto
    3. scheda
  • Gianni e le donne

    Gianni, sessant’anni ben portati, è un uomo normale, diciamo così. Ha una natura mite e un’immensa capacità di sopportazione. È al servizio di sua moglie che lavora e ha mille impegni, della figlia che adora, del fidanzato della figlia, giovane nullafacente che si è piazzato in casa e che ormai lui ama come un figlio. Senza contare cani, gatti... Dulcis in fundo, c’è sua madre, novantenne nobildonna decaduta, che si ostina a vivere nella vecchia villa alle porte di Roma senza badare a spese, con badanti che vanno e vengono. La sua vitarella scorre monotona fra commissioni, passeggiate con il cane e faccende domestiche, del resto è in baby pensione e di tempo ne ha fin troppo. Un giorno, l’amico Alfonso gli fa aprire gli occhi: tutti i suoi coetanei, ma anche quelli ben più vecchi di lui, dietro la rispettabile facciata, hanno delle storie. Tutti, anche i vegliardi che vegetano nel baretto sotto casa, hanno l’amante. Sconvolto dalla scoperta Gianni tenta di fare qualcosa. C’è Gabriella, irraggiungibile e desiderata per anni, c’è Valeria, il meraviglioso primo amore, la bellissima Cristina, badante della mamma, c’è la vicina di casa, incarnazione della bellezza e della giovinezza, ci sono le infinite donne possibili che abitano il mondo… Gianni, come un vecchio motore che si rimette in moto produce fracasso, fumo e poco arrosto.

    1. trailer
    2. scheda
  • Giulia non esce la sera

    Guido è uno scrittore di successo, con il suo ultimo libro è entrato nella cinquina dei finalisti di un prestigioso premio letterario. Mentre è alle prese con gli impegni che la candidatura del suo romanzo comporta, inizia a frequentare una piscina e decide d’imparare a nuotare, realizzando così un desiderio che coltivava da tempo. Lì incontra Giulia, una donna molto affascinante, soprattutto quando è nel suo elemento: l’acqua. Tra Guido e Giulia, entrambi alle prese con i problemi dovuti alla crescita dei propri figli, nasce una relazione che però da subito rivela delle zone d’ombra. Perché Giulia nasconde un segreto, e un passato misterioso.

    1. trailer
    2. foto
    3. scheda
  • Gli amici del bar Margherita

    Bologna, anni ’50. Il bar Margherita è una sorta di luogo mitico per il giovanissimo Taddeo. Un ritrovo popolato da figure pittoresche: vitelloni, cantanti falliti, entraineuses, truffatori, ballerini. Un’italietta di provincia che sogna in grande, tra Porsche trattate coi guanti e il mito nascente del festival di Sanremo. Il ragazzo riesce a farsi assumere come autista da Al, l’uomo più carismatico e misterioso del quartiere. Da questa posizione privilegiata osserva i movimenti di questa variegata umanità che tanto lo affascina: le peripezie di Gian, aspirante cantante e vittima di uno scherzo atroce; la passione di Bep per la sensuale Marcella; le follie di Manuelo, ladruncolo e sessuofobo; le cattiverie di Zanchi, inventore delle cravatte con l’elastico; le stranezze di Sarti, sempre vestito in smoking. E alla fine anche lui verrà accettato come uno del Bar Margherita.

    1. trailer
    2. foto
    3. scheda
  • Gli equilibristi
    14 settembre 2012

    Giulio (Valerio Mastandrea) ha quarant’anni e una vita apparentemente tranquilla. Una casa in affitto, un posto fisso, un’auto acquistata a rate, una figlia ribelle ma simpatica e un bimbo dolce e sognatore, una moglie (Barbora Bobulova) che ama e che tradisce. Giulio viene scoperto e lasciato e la sua favola improvvisamente crolla. Ma cosa accade ad una coppia che ai nostri giorni “osa” separarsi? "Gli equilibristi" attraverso una carrellata di eventi ora tragici ora ironici, ci accompagna per mano nel mondo di un uomo che di colpo scopre quanto sia labile il confine tra benessere e povertà.

    GUARDA I VIDEO:
    "Gli equilibristi" a Venezia 69 - La conferenza stampa>>

    "Gli equilibristi" a Venezia 69 - Il Red Carpet>>

    1. trailer
    2. scheda
  • Gomorra
    16/05/2008

    Don Ciro è il "sottomarino". Paga le famiglie dei detenuti affiliati al suo clan, che comanda incontrastato il territorio. Ma quando questo potere si sfalda non sa più da chi deve prendere ordini e deve pensare alla propria sopravvivenza. Totò ha tredici anni e non vede l’ora di diventare grande. Così, gradino dopo gradino, fa il suo apprendistato nella scuola della vita, finché un giorno si trova a dover prendere una decisione, una scelta dalla quale non potrà tornare indietro. Marco e Ciro credono di vivere in un film di Brian de Palma, ma sono solo due cani sciolti che con le loro bravate disturbano la routine degli affari del “sistema”. Roberto si è laureato e ha voglia di lavorare. Franco gli offre una grande opportunità, un lavoro sicuro e con grandi prospettive di guadagno: un lavoro nel campo dei rifiuti tossici. Un lavoro troppo scomodo per la coscienza di Roberto. Pasquale è un sarto eccellente che lavora grazie agli appalti delle case d’alta moda in una piccola fabbrica a nero. La concorrenza cinese gli propone di insegnare i segreti del mestiere ai suoi operai. Sedotto e gratificato dalla richiesta, accetta, compromettendo la propria vita.

    1. trailer
    2. foto
    3. scheda
  • Good Morning Aman

    Aman, italiano di origine somala, ha quasi 20 anni. Bello, intelligente e astuto, è arrivato a Roma all’età di 4 anni, scappando da Mogadiscio e dalla guerra. Teodoro è romano, un ex pugile di quaranta anni intrappolato nelle sue colpe e nel suo passato da espiare. Da tempo Aman e il suo amico Said hanno scoperto un luogo dove far sprofondare sogni, speranze e illusioni. Sui terrazzi dell’Esquilino, dall’alto dei tetti, si sentono più simili al fiume di gente che si muove freneticamente sotto di loro. E’ li che Said decide di scomparire, è lì che Aman si trova da solo ad abbracciare l’aria. Said parla di progetti, di grandi occasioni: lavorare in un ristorante in Inghilterra… Aman incontra Sara e se ne innamora. Lei è il suo sogno irrealizzabile che appare e scompare nella sua vita. Anche lei è smarrita e in cerca della sua identità. Said è partito e Aman ora si sente veramente solo. E’allora che su uno dei terrazzi, in una notte senza attese, appare Teodoro. Aman non dorme mai, non ci riesce. Non vuole farlo, terrorizzato da incubi e ricordi carichi di sangue e malattie. Anche Teodoro non riesce a dormire, fugge dai suoi incubi e dai suoi eccessi. Il dilemma dell’identità li lega fin dall’inizio, la voglia di sentirsi parte di qualcosa li unisce. Aman diventa indispensabile per Teodoro nella ricerca della sua moralità e Teodoro insegna ad Aman che la solitudine può essere un trampolino per conoscere la vita. Aman accompagna Teodoro nel suo passato, nascosto in una bottiglia svuotata da dieci anni, attraverso errori e rimpianti e ne diventa l’angelo custode. Entrambi, pur con esiti opposti, troveranno la forza di liberarsi dalle catene che gli hanno costruito intorno.

    1. foto
    2. scheda
  • Habemus papam
    15 aprile 2011

    Alla morte del vecchio pontefice il Conclave si riunisce per eleggere il nuovo papa. La scelta cade sul cardinal Melville, ma il prescelto cade preda di dubbi e di fortissime ansie che si manifestano con una improvvisa depressione, dovuta al timore di non essere in grado di salire degnamente al soglio pontificio. Il Vaticano decide quindi di rivolgersi al professor Brezzi, uno psicanalista, chiamato ad assistere e aiutare Melville a risolvere i suoi problemi.

    1. scheda
  • Happy Family
    26 marzo 2010

    Due famiglie incrociano i destini a causa dei figli sedicenni caparbiamente decisi a sposarsi. Un banale incidente stradale catapulta il protagonista-narratore, Ezio, al centro di questo microcosmo, nel quale i genitori possono essere saggi, ma anche più sballati dei figli, le madri nevrotiche e coraggiose, le nonne inevitabilmente svampite, le figlie bellissime e i cani cocciuti e innamorati. In poche parole, due famiglie di oggi, che sfuggono alle catalogazioni e alle etichette, in evoluzione continua, in equilibrio precario, vive, felici e confuse. Happy Family è una confessione camuffata, un diario mascherato, una commedia che parla della paura di essere felici, di cambiare la nostra vita per qualcos’altro che non conosciamo. È un esorcismo scritto nella Milano d’estate. Quando non si muove una foglia e dal silenzio può uscir fuori quello che di solito sta muto. Tutti i desideri e tutte le paure. Di essere troppo, di non essere nessuno. Sorrisi, scontri e incontri esaltanti. Brutture e imperfezioni guardate con ironia. Difetti che diventano poesia. E così si scaccia per un po’ il terrore quotidiano di vivere a metà, di essere scontati. E' una commedia che racconta la vita come se fosse un film. Oppure è un film che racconta la vita come se fosse una commedia.

    1. trailer
    2. scheda
  • Hollywood flies

    Luca ha 22 anni e vive a Las Vegas. Sta per prendere un aereo con sua sorella Martina di 18 anni. I due ragazzi sono diretti alla Death Valley per una vacanza e ne sono entusiasti. Arrivati a destinazione, mentre sfrecciano sulla loro automobile, Luca e Martina incontrano Sean e Emilio, due autostoppisti che la ragazza accetta di accompagnare, nonostante il fratello faccia resistenza. I quattro si fermano in un motel e si separano. Nello stesso edificio c'è Cherie, una spogliarellista in cerca di una nuova esistenza, che si sta nascondendo da Zee, il suo boss. Intanto arriva la sera e Martina viene rapita da Sean ed Emilio, che in realtà sono due rapinatori in fuga. Luca è dinanzi a un bivio: se vuole rivedere la sorella, deve raggiungere i banditi a Los Angeles alla guida di un'automobile parcheggiata vicino al motel, in cui i due hanno nascosto il bottino del loro colpo...

    1. scheda
  • I banchieri di Dio (Il caso Calvi)

    Come può uno dei più grandi banchieri privati d’Europa finire impiccato ad un traliccio sotto un ponte di Londra? La morte di Roberto Calvi, presidente del Banco Ambrosiano, è uno dei momenti esplosivi dell’intreccio tra poteri visibili e invisibili nell’Italia degli anni ’70. La vicenda inizia con la caduta del finanziere siciliano Sindona, e con il rifiuto di Calvi di aiutarlo. Poco dopo anche Calvi viene indagato, gli viene sequestrato il passaporto e poi viene arrestato. Da qui i frammenti della cronaca giudiziaria e giornalistica punteggiano la vicenda personale dell’uomo Calvi, divenuta tragedia con la sua morte.

    1. scheda
  • I Demoni di San Pietroburgo

    San Pietroburgo, 1860. Un attentato provoca la morte di un membro della famiglia imperiale. Pochi giorni dopo lo scrittore Fjodor Mikhajlovic Dostojevskij incontra Gusiev, un giovane che è ricoverato in un ospedale psichiatrico. Gusiev confessa di aver fatto parte del gruppo terroristico e rivela che i suoi compagni stanno preparando un piano per eliminare un altro parente dello Zar. Il giovane gli rivela anche l’indirizzo di Aleksandra, il loro capo. Dostojevskij deve trovarla e convincerla a fermare questo nuovo atto terroristico. Lo scrittore è sconvolto. Sta vivendo giorni terribili, pressato dai creditori, dall’imminente scadenza del termine di consegna di un nuovo libro, dai frequenti attacchi di epilessia. Di giorno, con l’aiuto di una giovane stenografa, Anna Grigorjevna, detta “Il giocatore”. Di notte continua l’affannosa ricerca del gruppo terroristico. “I vostri romanzi - gli dirà l’ispettore Pavlovic - sembrano scritti contro i rivoluzionari, ma in realtà sono più incendiari dei proclami terroristici”…

    1. trailer
    2. scheda
  • I giorni dell’amore e dell’odio (Cefalonia)

    Wolfang e Helberg sono due fratelli sudtirolesi che il nazifascismo e la guerra separano drammaticamente. Subito dopo le nozze del primo con Marthe, il secondo decide di seguire l'esercito tedesco ed il suo capo Adolf Hitler nella grande impresa di conquistare il mondo, tagliando con rabbia e risentimento tutti i ponti con le proprie "radici" italiane. Nel pieno del conflitto, a pochi giorni dall'8 settembre 1943, dopo l'armistizio firmato dagli italiani con gli alleati, i due fratelli si ritrovano senza saperlo, nell'isola di Cefalonia a combattere l'uno contro l'altro per il controllo del territorio. Fra il contingente italiano della leggendaria Divisione Acqui e i tedeschi infuria una battaglia senza esclusione di colpi che durerà dieci giorni e che porterà Wolfgang ed Helberg a scontrarsi in un duello altamente drammatico ed emotivamente incandescente.

    1. scheda
  • Ilaria Alpi, il più crudele dei giorni

    Il 20 marzo 1994 la giornalista Rai Ilaria Alpi e il cameraman Miran Hrovatin vengono uccisi in un agguato a Mogadiscio. Il movente che potrebbe aver portato i killer a sparare sarebbe uno sporco gioco politico, volto a barattare pezzi di territorio in cambio di tangenti e armi. Nel caso specifico della Somalia, poi, c’è un’ulteriore aggravante: sarebbero state trasportate armi dall’ex Patto di Varsavia in un paese dilaniato dalla guerra civile attraverso uno Stato-chiave della Nato qual è l’Italia, per di più utilizzando aerei militari. Nulla è parto della fantasia, non lo sono i morti e i trafficanti, le indagini e i miliardi, così come non lo è l’infernale scenario mondiale che ha stritolato tra le sue spire due giornalisti capaci di arrivare con le loro indagini molto vicini alla verità. Una verità scomoda.

    1. scheda
  • Il cane e il suo generale

    Russia, 1836. Molti anni prima, un giovane generale russo ha dovuto sacrificare un gran numero di uccelli per bruciare Mosca e salvare il suo paese, invaso da Napoleone. È diventato così un eroe nazionale. Ma ormai in pensione, il generale non trova pace, turbato dalla memoria degli uccelli in fiamme e soprattutto preso di mira ogni giorno da tutti gli uccelli di San Pietroburgo, dove ormai vive solo, annoiandosi molto. Fortunatamente, il caso mette sulla sua strada un cane straordinario, che trasformerà i suoi incubi in sogni magici, pieni d'ironia e di poesia.

    1. scheda
  • Il capitale umano
    9 gennaio 2014

    I progetti faciloni di ascesa sociale di un immobiliarista, il sogno di una vita diversa di una donna ricca e infelice, il desiderio di un amore vero di una ragazza oppressa dalle ambizioni del padre. E poi un misterioso incidente, in una notte gelida alla vigilia delle feste di Natale, a complicare le cose e a infittire la trama corale di un film dall’umorismo nero che si compone come un mosaico. Paolo Virzì stavolta racconta splendore e miseria di una provincia del Nord Italia, per offrirci un affresco acuto e beffardo di questo nostro tempo.

    1. scheda
  • Il consiglio d’Egitto

    Le vicende parallele di due "rivoluzionari" ante litteram nella Sicilia della fine del Settecento. Un parroco, l'Abate Vella, con qualche nozione di lingua araba, si inventa di sana pianta alcuni documenti risalenti alla dominazione araba in Sicilia, (il Consiglio di Sicilia ed il Consiglio d'Egitto, per l'appunto) dai quali sembra desumersi che molte delle proprietà della nobiltà sono state frutto di usurpazioni ai danni della corona del Re di Napoli. Un colto avvocato sposa la causa giacobina tentando, senza successo, di sovvertire l'ordine costituito dall'oligarchia nobiliare e dal vicerè compiacente.

    1. scheda
  • Il cuore altrove

    Nella Roma del 1929, il sarto papale Cesare, preoccupato per l’indole mite e acquiescente del figlio Nello, lo convince a trasferirsi a Bologna per fare un po’ di esperirne nella vita e con le donne. Qui il ragazzo occupa una pensione con un bizzarro compagno di stanza, il napoletano Domenico. La vita di Nello cambierà con l’incontro della dolce Angela, una ragazza bellissima e misteriosa.

    1. scheda
  • Il dono
    09/07/2004

    Il quotidiano di un villaggio di Calabria che contava alcune migliaia di occupanti, ma oggi non ne conta più di un pugno: i suoi abitanti sembrano aspettare semplicemente che il tempo passi, in un'indifferente fuga delle ore. Un vecchio uomo vive solo in una fattoria. È confrontato improvvisamente alla modernità il giorno dove due operai dimenticano da lui un telefono portabile, così come una foto pornografica teletrasmessa su internet. Una ragazza che si crede presa da qualche demonio offre il suo bel corpo agli assalti senza tenerezza degli automobilisti che le danno un passaggio. Una bottega apre le sue tende senza avere i clienti tutti i giorni. I ragazzini giocano con un pallone che finisce per precipitare giù per le pendenze del villaggio.

    1. scheda
  • Il fuggiasco
    14/11/2003

    Italia 1976, Padova: movimenti studenteschi, terrorismo e repressione dello Stato. Il giovane protagonista di questa storia, Massimo, ha nemmeno vent’anni e si trova ad affrontare l’arresto, il processo, la condanna e il carcere per l’accusa di un efferato omicidio che lui giura di non aver commesso. Quella che a molti sembra solo la dura applicazione della Legge, ad alcuni sembra invece il sistema per coprire il vero assassino e, con l’occasione, punire l’attivismo di un ragazzo che milita nell’estrema sinistra. Inizia il penoso calvario dei processi infiniti ai quali seguono i diversi gradi di giudizio, mentre Massimo sconta in un carcere durissimo una condanna che di volta in volta oscilla minacciosa sul suo destino: colpevole, innocente, colpevole. Per sopravvivere, Massimo fugge in Francia con una condanna per omicidio pendente sulla testa. A Parigi impara la difficile arte della vita clandestina finché un giorno decide di fuggire in Messico, seguendo il desiderio di ricominciare finalmente una nuova vita e di cancellare il passato. Dopo altra prigione e torture, viene espulso dal paese. Al suo ritorno in Italia, rimane nuovamente intrappolato da un sistema giudiziario che rischia di ucciderlo ma, a diciassette anni dal primo arresto, intorno a lui si mobilita un gruppo d’opinione che riuscirà a fagli ottenere la grazia del Presidente della Repubblica.

    1. scheda
  • Il gioiellino
    4 marzo 2011

    Una grande azienda agro-alimentare ramificata nei cinque continenti, quotata in Borsa, in continua espansione verso nuovi mercati e nuovi settori: quello che si dice un gioiellino. Il suo fondatore, Amanzio Rastelli, padre padrone dell’azienda, ha messo ai posti di comando i suoi parenti più stretti: il figlio, la nipote, più alcuni manager di provata fiducia - malgrado i loro studi si fermino al diploma in ragioneria. Un management inadeguato ad affrontare le sfide che pone il mercato. E infatti il gruppo s’indebita. Sempre di più. Non basta falsificare i bilanci, gonfiare le vendite, chiedere appoggio ai politici, accollare il rischio sui risparmiatori attraverso operazioni di finanza creativa sempre più ardite… La voragine è diventata troppo grande e si prepara a inghiottire tutto.

    1. scheda
  • Il giorno del falco
    17/06/2005

    Un giornalista di una televisione locale del Triveneto decide di realizzare un approfondimento su di una vicenda che lo ha particolarmente scosso: una tentata rapina effettuata da due persone incensurate, con il volto coperto da due maschere: quella di un Vecchio e quella di un Cinese. Sotto queste due maschere il giornalista scopre il volto e la vita dei due protagonisti: Michele, un meccanico specializzato in procinto di sposare una ragazza russa, e Lucio, un fioraio ambulante che conduce, senza particolare entusiasmo, l'attività assieme alla sorella. Il giornalista tenta di indagare nel vissuto dei due "banditi", ma in realtà, via via che opera questa ricognizione, si rende conto che sta realizzando un personale percorso nel tentativo di recuperare egli stesso un motivo profondo per il proprio lavoro e per la propria esistenza. Scopre che quello che conta non è il risultato dell'indagine televisiva, ma il fatto di aver compiuto un cammino interiore all'intero del mondo inesplorato del Nordest italiano dove ha ritrovato, tra varie contraddizioni, una profonda umanità e una grande capacità di autoironia, e il valore dell'amicizia e del lavoro come strumenti di conoscenza.

    1. scheda
  • 13 maggio 1935, due bambini in bicicletta incontrano la Storia. Rientrando a casa dopo una passeggiata per le colline della contea di Dorset, nel Galles, hanno un incidente con un motociclista. Uno dei bambini rimane ferito e il motociclista, dopo alcuni giorni di coma, muore. Banale incidente stradale? Così sarebbe stato ricordato, se a guidare la motocicletta non ci fosse stato uno degli uomini più noti dell’Inghilterra post-coloniale. Un eroe della Grande Guerra. Un uomo misterioso e sfuggente che, dopo aver combattuto in condizioni estreme sulle sabbie del deserto africano, dopo essere riuscito a raggiungere degli obiettivi militari clamorosi senza mai riportare una ferita, incontrò la morte quasi vent’anni dopo la fine della guerra, in un incidente stradale quanto più comune e meno romantico si possa immaginare. Tuttavia, il mistero non finì con la sua morte e, ancora oggi, nessuno sa con certezza che cosa successe veramente quel giorno.

    1. scheda
  • Il giorno in più
    2 dicembre 2011

    Giacomo Pasetti è bravo nel lavoro, con le donne e soprattutto nell’evitare accuratamente ogni sorta d’impegno affettivo e sentimentale. La sua vita cambia quando incontra una ragazza su un tram, un’apparizione improvvisa in mezzo ai passeggeri, uno scambio di sguardi, una bellezza sfuggente che divengono presto una vera e propria ossessione. La incontra tutte le mattine andando a lavorare sul trenta barrato che attraversa la città. Ma si può amare una donna di cui non si conosce nemmeno il nome? Quando finalmente riesce a parlarle e passare una serata con lei viene a sapere che si chiama Michela ed è il suo ultimo giorno in Italia, sta per andare a vivere a New York, le hanno offerto un incarico in una prestigiosa casa editrice. Un bacio lunghissimo e poi più niente, solo un saluto dal finestrino di un taxi. Si sono incontrati troppo tardi. A Giacomo propongono un grosso affare in Sud America, lui accetta, ma durante il trasferimento l’aereo fa scalo in una città non troppo distante da New York. È un attimo, un impulso irresistibile. È il cuore a comandare. Giacomo scende dall’aereo. La va a cercare. Michela non sembra così contenta di rivederlo, ha fatto di tutto per tagliare i ponti col suo passato, con l’Italia e gli uomini italiani e adesso eccole piombare addosso Giacomo come a risucchiarla all’indietro. Davanti alla diffidenza di Michela, Giacomo le propone di fare i fidanzati a tempo, solo per quei pochi giorni che lo separano dal suo ritorno in Italia. È un gioco stupido, ma perfetto per due persone che si piacciono e hanno una paura matta di lasciarsi andare. E di ammettere di essersi innamorati.

    1. scheda
  • Il giovane favoloso
    16 ottobre 2014

    Il giovane favoloso inizia con la visione di tre bambini che giocano dietro una siepe, nel giardino di una casa austera. Sono i fratelli Leopardi, e la siepe è una di quelle oltre le quali Giacomo cercherà di gettare lo sguardo, trattenuto nel suo anelito di vita e di poesia da un padre severo e convinto che il destino dei figli fosse quello di dedicarsi allo "studio matto e disperatissimo" nella biblioteca di famiglia, senza mai confrontarsi con il mondo esterno.

    1. scheda
  • Il magico natale di Rupert

    Rupert trascorre ogni anno il Natale con la nonna Porfilia, che quest'anno lo lascia solo in casa con il compito di trovare in soffitta il puntale per decorare l'albero di Natale; lì Rupert trova uno scatolone con le invenzioni lasciate dall'ex inquilino, il geniale Rufus. Tra le altre cose egli trova una lampada che emana segnali che vengono captati da un'astronave aliena di passaggio vicino alla Terra. Rupert riceve dal cielo un pacco, dal quale escono dei piccoli extraterrestri che vogliono conquistare la casa di sua nonna.

    1. scheda
  • Il mestiere delle armi

    Nelle campagne presso Mantova un gentiluomo, inviato dal generale Della Rovere duca d'Urbino, porta la notizia al marchese Gonzaga: "Messer Giovanni de' Medici è stato colpito da una botta di falconetto in una gamba". Vengono approntate cure immediate, ma ben presto risulta evidente che non è possibile fermare la lenta agonia dell'uomo che dopo quattro giorni muore. Giovanni ha 28 anni. Mentre si preparano i funerali, a ritroso viene ripercorso l’avvenimento più recente: Giovanni nel suo ruolo di capitano dell'armata pontificia intenta alla campagna contro i Lanzichenecchi di Carlo V.

    1. scheda
  • Il mio domani
    4 novembre 2011

    Perché ogni volta che Monica torna a casa del padre riaffiorano sempre più frequentemente il dolore e il risentimento legati a vicende della sua infanzia? Perché da qualche tempo avverte un distacco crescente da parte di Vittorio Corradi, il presidente della società di formazione aziendale per cui lavora e con cui ha una relazione? Perché Simona, la sorellastra, sembra rimproverarle il suo successo professionale e il suo tenore di vita, e perché lei non riesce a fare a meno di sentirsi in colpa nei suoi confronti? È solo un desiderio di riparazione che la spinge inoltre ad aiutare il nipote Roberto, un ragazzo di 17 anni, fragile e schivo? Che cosa l’ha spinta a seguire un seminario sull’autoritratto fotografico come strumento per superare il limite che ognuno pone nell’immaginare se stesso? Le lezioni di formazione ai manager, in cui ha investito tutto il suo talento professionale e la sua abilità, appaiono a Monica sempre più uno strumento con cui le aziende giustificano ristrutturazioni e tagli al personale. La parentesi di una breve relazione con Lorenzo, incontrato al seminario di fotografia, non riesce a distoglierla dalle sue inquietudini. È come se, improvvisamente, uno strato sotterraneo si fosse smosso dentro di lei, creando un’onda sismica che porta alla superficie tutto il rimosso e rompe il precario equilibrio che la donna aveva trovato, obbligandola a mettere in discussione tutto ciò che ha costruito: lavoro, relazioni, affetti. Monica sente che a questo punto della sua vita deve fare i conti con il passato. Sente che il suo essere donna è stato condizionato da questo passato che la insegue e che alimenta la sua inquietudine. La morte del padre, malato da tempo, le offrirà la possibilità di una rigenerazione. Potrà così trovare il coraggio di affrontare il sentimento di abbandono e tradimento che prova per Vittorio e la disillusione per aver creduto in un lavoro che ora scopre pieno di ambiguità e inganni.

    1. trailer
    2. scheda
  • Il miracolo

    Tonio è un bambino di 12 anni. Un giorno viene investito da un’automobilista che poi scappa spaventata senza prestargli soccorso. Prima di perdere i sensi Tonio vede qualcosa che cambierà la sua vita. Portato in ospedale si risveglia dal coma. Lì, aggirandosi per i corridoi e le stanze durante la notte, viene casualmente in contatto con un uomo in fin di vita: l’elettrocardiogramma sul monitor è una linea piatta, ma quando Tonio gli si avvicina e lo tocca, il suo cuore riprende il battito normale. E’ stato un miracolo?

    1. scheda
  • Il Mundial Dimenticato
    1 giugno 2012

    La vera incredibile storia dei Mondiali di Patagonia 1942.

    "Il Mondiale del 1942 non figura in nessun libro di storia ma si giocò nella Patagonia Argentina." (Osvaldo Soriano. Pensare con i piedi. 1995)

    Grazie a lunghi anni di paziente lavoro, muovendosi in una zona d’ombra della storia del calcio e della Storia del XX secolo, giocando sul confine fra lo stile rigoroso del documentario e lo spirito del cinema, il film racconta le vicende del campionato Mondiale di Calcio del 1942, mai riconosciuto dagli organi ufficiali dello sport, rimasto per decenni avvolto nella leggenda senza che se ne conoscesse il vincitore.

    Il recente ritrovamento di uno “scheletro con la macchina da presa”, in mezzo ai dinosauri fossili della Patagonia Argentina, fornisce la tessera mancante per ricomporre finalmente il mosaico disperso del Mundial dimenticato.

    Un mecenate illuminato e visionario. Un cineasta indomabile e velleitario. Un arbitro con la pistola. Una bellissima fotografa ebrea in fuga dall’Europa e dal Terzo Reich. Un infallibile centravanti con gli occhiali. Un portiere indio che ipnotizza gli avversari. Una squadra nazista in missione segreta. Una formazione di illusionisti Mapuche in cerca di riscatto. Una nazionale italiana alternativa e antifascista. Mentre il mondo “civilizzato” è ingoiato dalla ferocia della II Guerra Mondiale, dodici squadre si sfidano per conquistare la coppa Rimet, stranamente riapparsa in Patagonia nel 1942. Formazioni composte da pochi giocatori professionisti mescolati a migranti di mezzo mondo, operai e minatori, ingegneri ed ex cercatori d’oro, acrobati del circo e rivoluzionari in esilio.

    Chi vinse il misterioso Mundial? Perchè da allora non se n’è più parlato? Il più esperto ricercatore sul tema, il giornalista argentino Sergio Levinsky, guida un’inchiesta che attraversa l’America Latina e l’Europa, fino agli archivi di Cinecittàluce, dove sono state ritrovate alcune delle sequenze più significative.

    Le suggestioni di archivi inediti e spettacolari e una ricca documentazione (fotografie, giornali locali, lettere, diari privati) si alternano a numerose interviste che coinvolgono sia i pochi testimoni viventi delle vicende, sia grandi personalità della cultura e del calcio (Roberto Baggio, Osvaldo Bayer, Titì Fernandez, Joao Havelange, Pierre lanfranchi, Gary Lineker, Victor Hugo Morales, Darwin Pastorin, Peter Tramp, Jorge Valdano).

    Calcio e leggenda: la storia che abbiamo sempre sognato è già successa?

    GUARDA LO SPECIALE VIDEO SU "IL MUNDIAL DIMENTICATO":

    Il Mundial Dimenticato - Backstage

    Il Mundial Dimenticato - Intervista con i registi

    Il Mundial Dimenticato - Clip 1 - Il mistero

    Il Mundial Dimenticato - Clip 2 - L'indagine di Sergio Lewinsky

    Il Mundial Dimenticato - Clip 3 - L'inaugurazione

    Il Mundial Dimenticato - Clip 4 - Il cineoperatore

    Il Mundial Dimenticato - Clip 5 - La bella fotografa

    Il Mundial Dimenticato - Clip 6 - L'arbitro con la pistola

    Il Mundial Dimenticato - Clip 7 - La semifinale Italia-Germania

    Il Mundial Dimenticato - Clip 8 - Gli indios Mapuche

    Il Mundial Dimenticato - Clip 9 - El futbol encantador

    1. trailer
    2. scheda
  • Il nascondiglio
    16 novembre 2007

    Davenport, Stati Uniti. Dopo la morte del marito, un’affascinante donna italiana cade in una profonda depressione da cui si riprende dopo un lungo periodo di degenza in un manicomio. Quando esce dalla casa di cura la donna decide di rifarsi una vita e di aprire il ristorante che aveva progettato prima di rimanere vedova.
    Tuttavia la sua mente viene ancora una volta messa a dura prova quando scopre che nel vecchio convitto di suore, scelto come luogo per il suo ristorante, sono stati commessi alcuni delitti misteriosi...

    1. scheda
  • Il padre e lo straniero

    Sullo sfondo di una Roma dai toni medio-orientali si dipana un giallo con protagonisti l’italiano Diego e l’arabo Walid. I due stringono una profonda amicizia, uniti dall’amore per i propri figli, purtroppo disabili. Diego, attraverso il rapporto con Walid, metterà in discussione il significato di “diverso” e “normale”. L’amicizia cambierà i due uomini, anche se Walid nasconde molti segreti in cui Diego viene inconsapevolmente coinvolto, mettendo alla prova il loro rapporto. I sentimenti di Walid sono sinceri o parte di un’intrigo internazionale in cui Diego è solo una pedina? Walid infatti a un tratto scompare e Diego si ritrova ad essere indagato dai Servizi Segreti. Inizia allora una sua indagine privata per ritrovare l’arabo, attraverso una serie di colpi di scena, e capire chi sia veramente. Alla ricerca di Walid, Diego torna in quel lontano paese arabo in cui era stato con l’amico, sulla traccia di un’antica favola che Walid gli aveva narrato e là troverà l’inattesa verità, come in un mare in cui tutti i fiumi confluiscono… Il senso della favola gli apparirà chiaro: ciascuno attraverso un percorso tortuoso e difficile può arrivare a scoprire la felicità che ha sempre avuto, senza saperlo, dentro di sé.

    1. foto
    2. scheda
  • Il paese delle spose infelici

    Veleno (Nicolas Orzella), un ragazzo di 15 anni, pedala forsennato sulla sua bicicletta per star dietro ai suoi nuovi amici. Sono diversi da lui, sono figli della strada, impennano con i loro motorini e si sfidano sul campo di calcio della loro squadra, la Cosmica. Cimasa (Cosimo Villani), Capodiferro (Vincenzo Leggieri) e Natuccio (Gennaro Albano) hanno un capo indiscusso, Zazà (Luca Schipani), autentico talento del calcio. Lo scenario offerto dal piccolo paese del Sud - la fabbrica, l‘inquinamento, la droga e le invettive demagogiche del politico locale in ascesa Vito Cicerone (Antonio Gerardi) - non promette niente di buono. Ma i loro giorni cominciano a prendere una piega inattesa quando una strana madonna randagia, la bellissima Annalisa (Aylin Prandi), entra nelle loro vite volando dall’alto di una chiesa, vestita da sposa. Zazà e Veleno, maldestri e appassionati, riescono ad avvicinarla e quel contatto è pura estasi. Regia scabra e insieme nervosa per disegnare i volti e i paesaggi dissecati del Tarantino.

    1. scheda
  • 12/05/2006

    Mohamed è un bambino come tanti altri, ma la sua famiglia è povera, il padre alcolizzato e violento, la madre costretta a lavorare per mantenere tutta la famiglia. Gli anni ’50 in Marocco sono difficili, non c’è spazio per l’infanzia, il gioco e la spensieratezza di cui dovrebbero godere tutti i bambini del mondo. Mohamed cresce in fretta, lascia la famiglia, inizia a vagabondare tra i vicoli e le strade, di notte, alla ricerca di cibo, di un riparo, di una serenità che riesce a trovare solo in una squallida sessualità malata, frequentando i bassifondi e i luoghi più malfamati della città di Tangeri, come molti altri bambini della sua età. Nel frattempo il Marocco si sta svegliando dal lungo sonno coloniale e grandi manifestazioni di protesta cominciano a scuotere il paese. Ormai ventenne, partecipa alle sommosse politiche, e a causa di una retata, si ritrova in prigione. Compagno di cella, un detenuto politico intento a scrivere sul muro una poesia. Da quel momento sente il bisogno di imparare a leggere e a scrivere: è l’inizio di una nuova vita.

    1. scheda
  • Il passato è una terra straniera

    Studente modello, figlio di intellettuali borghesi, Giorgio conduce la vita normale e ordinaria di un ragazzo di ventidue anni. Una vita senza crepe, almeno in apparenza, fino a quando una sera incontra Francesco. Bello ed elegante, Francesco esercita su uomini e donne un fascino misterioso e oscuro. Per vivere gioca a carte, sa vincere, ma più che fortunato è un abile baro e sembra avere in mano le chiavi per il successo. In una Bari dai contorni sfocati, in cui ambienti segreti e torbidi fanno da sfondo a una quotidianità tranquilla e rassicurante, Giorgio diventa amico di Francesco e complice. Passando da partite truccate a viaggi reali e immaginari, attraversando letti senza amore con donne di lusso annoiate, imparando a muoversi nei luoghi dove la buona e la cattiva società sembrano confondersi, Giorgio vede l'immagine di se stesso sgretolarsi per lasciare posto a qualcosa di sconosciuto. E' inarrestabile la discesa agli inferi che lo trasporta in un luogo dell'anima fino a quel momento ignoto. L'amicizia di Francesco e Giorgio procede verso un finale sorprendente.

    1. trailer
    2. foto
    3. scheda
  • Il più bel giorno della mia vita

    Irene, una matura signora ancora giovanile, vive nella vecchia villa legata ai ricordi del suo passato. Il suo rammarico più grande è di non essere riuscita a trasmettere ai suoi tre figli l’attaccamento alla casa e al concetto di famiglia che quel luogo esprime. Ma la villa non è l’unica cosa che i tre figli rifiutano. Sara, la figlia maggiore, dopo la morte del marito vive in assoluta solitudine emotiva, passando le serate ad aspettare il ritorno del figlio Marco con la paura costante che gli succeda qualcosa. Rita, l’altra figlia, è apparentemente più realizzata: ha una bella casa, un marito, Carlo, che ha sposato per amore e due figlie, Silvia e Chiara. Ma la facciata nasconde un’insoddisfazione tale da non permetterle, dalla nascita della secondogenita, di avere rapporti sessuali con il marito. E nella vita di Rita irrompe la figura di un affascinante veterinario, Davide. Infine Claudio, un giovane avvocato che vive di nascosto e con frustrazione la propria omosessualità. Ma il peso della monotonia sarà scosso improvvisamente da alcuni avvenimenti: il manifestarsi del misterioso uomo, Sandro, che turba l’esistenza incolore di Sara, e poi l’arrivo di Luca, un giovane che induce Claudio a fare le sue scelte e a dichiarare la propria omosessualità.

    1. scheda
  • La sede di Campolaro della Carair, multinazionale americana produttrice di pneumatici comunica l’imminente chiusura e il conseguente licenziamento di tutti gli operai molti dei quali provenienti dallo stesso, piccolo paese delle montagne circostanti. Gli operai non si vogliono arrendere, reagiscono e si organizzano: la fabbrica viene occupata, nasce un sito internet. Il caso passa dalle televisioni locali al Tg regionale, fino ad acquisire risonanza nazionale. Intrecciate alla lotta, le vicende personali degli operai e delle loro famiglie: Antonio sogna di tornare a vivere nel paese d’origine con Nina la sua compagna che ora lavora a Milano; Salvatore, sindacalista, ha un rapporto conflittuale con il figlio Giannino diciottenne disoccupato; Mario cerca una via alternativa al lavoro in fabbrica, avviando insieme ad alcune mogli dei suoi compagni una produzione di pasta fresca. Gli operai tentano un gesto estremo andando fino alla sede mondiale della Carair e raggiungono un accordo per un piano di ristrutturazione. La Carair annuncia invece che lo stabilimento verrà chiuso definitivamente. Ormai l’interesse intorno alla vicenda si è spento e gli operai si ritrovano soli.

    1. scheda
  • Il pranzo della domenica

    Franca Malorni è una vedova della buona borghesia romana. Da quando le è morto il marito, un famoso ed affermato avvocato matrimonialista, la sua vita è diventata più difficile. Franca si sente sola e non riesce più a trovare un giusto equilibrio esistenziale. L’unica sua ragione di vita sono le tre figlie, tutte sposate, con le quali mantiene un rapporto quasi ossessivo. Ogni domenica, seguendo un rito antico che affonda le sue radici nelle profonde abitudini familiari italiane, Franca pretende che le figlie, con i generi ed i nipoti, vengano a pranzo da lei. E’ un appuntamento fisso, punteggiato da un codice immutabile, che per l’anziana signora rappresenta qualcosa di più di una semplice convenzione…

    1. scheda
  • Il Pranzo di Ferragosto

    Gianni, un uomo di mezz’età, figlio unico di madre vedova, vive con sua madre in una vecchia casa nel centro di Roma. Tiranneggiato da lei, nobildonna decaduta, trascina le sue giornate fra le faccende domestiche e l’osteria. Il giorno prima di Ferragosto l’amministratore del condominio gli propone di tenere in casa la propria mamma per i due giorni di vacanza. In cambio gli scalerà i debiti accumulati in anni sulle spese condominiali. Gianni è costretto ad accettare. A tradimento, l’amministratore si presenta con due signore, perché porta anche la zia che non sa dove collocare. Gianni, travolto e annichilito dallo scontro fra i tre potenti caratteri, si adopera eroicamente per farle contente. Accusa un malore e chiama un amico medico che lo tranquillizza ma, implacabile, gli lascia la sua vecchia madre perché è di turno in ospedale. Gianni passa ventiquattr’ore d’inferno. Quando arriva il sospirato momento del congedo però le signore cambiano le carte in tavola…

    1. scheda
  • Il primo incarico

    1953. Nena, una ragazza del sud Italia, accetta il suo primo incarico come maestra lontano da casa. Al suo paese, oltre la mamma e la sorella, lascia una storia d’amore importante con un giovane dell’alta borghesia, con il quale si promettono che nulla cambierà con la distanza. Così parte un po’ triste e un po’ curiosa di quello che l’aspetta. Quello che troverà però andrà oltre ogni sua immaginazione e dovrà fare i conti con una realtà ostile e con persone che non hanno niente a che vedere con lei. Anche quando tutto sembrerà perduto per sempre, la ragazza scoprirà a poco a poco che non è così…

    1. scheda
  • Il primo uomo
    20 aprile 2012

    Il film di Gianni Amelio è tratto dal romanzo autobiografico incompiuto di Albert Camus "Le premier homme". Attraverso le impressioni e le emozioni del protagonista che, nel desiderio di ritrovare il ricordo del padre morto nella prima guerra mondiale, torna in Algeria per incontrare chi l’aveva conosciuto, Camus ripercorre parte della propria vita: l’infanzia povera, le amicizie, le tradizioni, i sogni vissuti in “un anonimato dove non esiste né passato né avvenire”, dai quali emerge la figura di un uomo ideale, quel “primo uomo” che forse potrebbe essere in ciascuno di noi.

    Ho accettato una sfida - dice Gianni Amelio - senza mai pensare a un confronto, che sarebbe stato impossibile. So che il regista deve considerare il libro a cui si ispira uno stimolo e non un tema da illustrare, ma questa volta era diverso. Il primo uomo non è un romanzo di finzione ma un’opera autobiografica: non si trattava quindi di fedeltà a un testo letterario (questione opinabile) ma del rispetto per la vita di una persona. Inoltre non ho mai considerato Il primo uomo un libro “incompiuto” ma l’espressione piena e coerente del pensiero di Camus, in linea con le sue opere più alte. E solo una lettura superficiale potrebbe immaginarlo come un racconto nostalgico rivolto al passato. Penso invece che Il primo uomo sia un libro politico nel senso più ampio del termine, cioè urgente e profondo, un libro “necessario” nel momento in cui è stato scritto, e non solo. Il primo uomo è l’intervento potente di un grande scrittore sulla tragedia del proprio Paese e del proprio tempo, la confessione che sgombra il campo da ogni sospetto di reticenza e di ambiguità rispetto alla guerra di liberazione algerina, di cui Camus ha faticato a liberarsi.

    Ma nessuna autobiografia può appassionarci se non tocca in parte anche la nostra vita. Nell’infanzia di Camus ad Algeri ho ritrovato le tracce della mia Calabria nel secondo dopoguerra. A suo padre così ostinatamente cercato si è sovrapposta l’immagine di mio padre lontano e sconosciuto. La nonna e la madre sono diventate le stesse presenze quotidiane di quando ero bambino. E così la sua scuola è diventata la mia scuola, il suo maestro il mio maestro. Non capita spesso a un regista di avere in dono una storia così alta da raccontare. Io ho voluto che diventasse anche la mia storia non per presunzione ma per umiltà. Ho fatto questo film per un atto d’amore.

    1. trailer
    2. scheda
  • Il principe abusivo
    14 febbraio 2013

    La principessa Letizia (Sarah Felberbaum) vive nello splendido castello di un piccolo principato con suo padre il Re (Marco Messeri), e il ciambellano Anastasio (Christian De Sica). La giovane è triste e frustrata: i rotocalchi non si occupano di lei e i sudditi la ignorano. Il Re, ordina al Ciambellano di preparare un piano affinché Letizia faccia di nuovo sognare il suo popolo.
    L’imbroglio è presto fatto: fingere di innamorarsi di un povero miserabile Antonio De Biase (Alessandro Siani), napoletano disoccupato e maestro nell'arte dello scrocco, creare lo scandalo e far parlare tutti i rotocalchi. Il piano viene attuato: Letizia e Antonio si scontrano "fortuitamente" e lo squattrinato viene ammesso a varcare la soglia del castello. Per accedere ai "piani alti" dovrà seguire gli insegnamenti di etichetta e galateo imposti dal rigido Anastasio.
    La noiosa vita di corte viene ravvivata dall'inatteso arrivo degli amici di Antonio: Pino (Lello Musella) e Ivan (Nello Iorio) e la cugina Jessica (Serena Autieri). Sarà proprio Jessica a portare un po' di scompiglio nel piccolo principato: il Ciambellano uomo serioso e tutto d'un pezzo si ritrova improvvisamente infatuato dalla solarità e semplicità della bella fruttivendola. Ma per conquistarla dovrà calarsi nei panni popolari e per nulla nobili della bella Jessica Quagliarulo, e tentare di rubarle il cuore.
    Contro ogni rigido protocollo, sarà il povero Antonio a dare una grande mano al ciambellano, arrivando pian piano a un rapporto di profonda amicizia e stima che annulla totalmente le differenze tra il ricco e il povero . Un intreccio di situazioni romantiche e comiche per una commedia esilarante e ricca di colpi di scena.

    1. trailer
    2. scheda
  • Il prossimo tuo

    Roma, Parigi, Helsinki. Tre storie di persone che per diversi motivi hanno paura degli altri. “L’altro”, il vicino è fonte di ansia e di disturbo per Maddalena (Maya Sansa), Jean Paul (Jean-Hugues Anglade) ed Eeva (Laura Malmivaara), così anche per la piccola Elèna che vive a Roma ma la cui famiglia è extracomunitaria, per il professor Usko (Sulevi Peltola) che non si è mai spostato dalla Finlandia e che è stupito e preoccupato dalla velocità con cui cambiano i tempi e la sempre maggiore mescolanza delle genti e delle lingue. In un clima generale di sospetto, aggrappandosi alla carnalità del sesso inteso quasi come un’ossessione, rifugiandosi tra le quattro pareti di casa per paura della violenza, i protagonisti de Il prossimo tuo vivono storie apparentemente lontane, ma con punti di contatto che illustrano un’umanità piena di differenze ma talmente uguali nel sentire da fare apparire le loro storie parallele, quasi complementari.

    1. scheda
  • Il quaderno della spesa

    Nei primi anni del '900 a Lucca, lo scrittore Augusto Pavinato, dopo aver scritto un romanzo di successo, è in crisi creativa e passa le sue giornate con una corte di amici falliti come lui. La sua vita cambia del tutto quando, invitato a pranzo dalla contessa Celi Sanguineti, ne conosce la cuoca, Antonia, una donna colta e sensuale. Alla morte della contessa, Antonia accetta la proposta di allietare la piccola corte di Augusto con la sua arte culinaria. Il rapporto tra i due non è facile perché lei ha un carattere forte ma lui si innamora e decide di sposarla. Antonia scrive sempre su un quaderno che tutti pensano serva per la nota della spesa mentre in realtà è un romanzo che lei non vuole pubblicare per non schiacciare il marito. Ma sopraggiungono necessità economiche per cui Antonia deve chiedere un prestito al socio della casa editrice del marito, Giuliano Mantegna. Quest'uomo infido vuole appropriarsi del romanzo per vendicarsi di Augusto che in precedenza aveva liquidato le sue velleità artistiche. Quando Augusto scopre il fatto si uccide ma Antonia, che dovrà sopportare anche il dolore di vedere il suo romanzo pubblicato con il nome di Mantegna, saprà vendicarsi.

    1. scheda
  • Il regista di matrimoni

    Un regista, Franco Elica, entra in crisi perché la figlia ha sposato un fervente cattolico e perché è costretto suo malgrado a girare l’ennesima versione de “I Promessi Sposi”. Alla crisi si aggiunge un evento inaspettato, così decide di fuggire in un paesino della Sicilia profonda, dove incontra un uomo che si guadagna da vivere girando filmini di matrimoni e un regista che si spaccia per morto per ottenere finalmente il riconoscimento mai avuto prima “in vita”. Conosce anche il principe Ferdinando Gravina di Palagonia, un nobile spiantato che gli propone di dirigere il film del matrimonio di sua figlia, Bona. Franco si innamora immediatamente della bellissima principessa e decide di salvarla da un matrimonio di convenienza.

    1. trailer
    2. scheda
  • Il resto della notte

    La moglie di un industriale di provincia, Silvana, sofferente da tempo di disturbi nervosi, si convince che la giovane domestica rumena, Maria, sia responsabile della sparizione di alcuni oggetti preziosi nella propria casa. Senza alcuna prova, contro la volontà del marito Giovanni e soprattutto della giovane figlia Anna, la donna decide di licenziare su due piedi la giovane. Maria decide di tornare in casa del suo ex fidanzato, Ionut: l’uomo è da poco uscito di galera e ora condivide un poverissimo appartamento di ringhiera col fratello minore adolescente Victor. Ionut intanto ha cominciato a frequentare Marco Rancalli, un giovane cocainomane, con cui condivide un giro di piccola malavita. Marco a sua volta ha una storia difficile alle spalle, un figlio di otto anni Luca, affidato da molti anni alla ex-moglie. Quando la donna decide di togliergli la possibilità di vedere il figlio, l’aggressività dell’uomo raggiunge livelli di guardia. La famiglia dell’industriale da cui è partita la storia, e le ricchezze della loro casa, diventano ora l’obiettivo primario di questa banda di disperati.

    1. trailer
    2. foto
    3. scheda
  • Il richiamo
    11 maggio 2012

    La passione travolgente di due donne italiane a Buenos Aires. Lucia e Lea, le loro vite appese, i loro legami incerti. Due donne dalle attitudini opposte, in un viaggio iniziatico che le porterà letteralmente "alla fine del mondo". Nella selvaggia immensità patagonica, alle prese con una barca malridotta e con i rispettivi segreti, ballando un tango che ribalta ruoli e convinzioni, riannoderanno i fili delle loro vite. Una storia in cui l′amore, nel bene e nel male, è maestro per tutti.

    Vai allo Speciale video "il richiamo">>

    Guarda l'intervista con Sandra Ceccarelli>>

    Guarda l'intervista con Francesca Inaudi>>

    Guarda l'intervista con il regista Stefano Pasetto>>

    Guarda la conferenza stampa di presentazione>>

    Rivedi la videochat con Sandra Ceccarelli e Francesca Inaudi>>

    1. trailer
    2. scheda
  • Il ritorno di Cagliostro

    I fratelli Carmelo e Salvatore La Marca, produttori cinematografici ed ex fabbricanti di statue sacre, nel 1947 fondano a Palermo la “Trinacria Cinematografica” con il bellicoso intento di “far tremare” Cinecittà e dare vita a una “little Hollywood siciliana”. Per questa titanica impresa, i Lumière del cinema siciliano contano sul fondamentale aiuto di tre autorevoli personaggi: il cardinale Vincenzo Sucato, l’onorevole Porcaro e il barone Cammarata. Sarà quest’ultimo, appassionato di scienze occulte e studioso di Cagliostro, che venderà, “senza pensarci un solo minuto”, ogni sua proprietà per finanziare il kolossal della Trinacria Cinematografica, Il ritorno di Cagliostro, un film che renderà una volta per tutte giustizia al “Maestro”. Ad indossare i panni del leggendario mago i La Marca e il regista del film, il maestro Pino Grisanti, decidono di chiamare una celebrità di Hollywood, il grande Erroll Douglas, da tempo ormai alcolizzato e sul viale del tramonto. Sarà per tutti l’inizio della fine…

    1. scheda
  • Il rosso e il blu
    21 settembre 2012

    Il rosso e il blu è tratto dall'omonimo libro di Marco Lodoli, pubblicato da Einaudi.

    E’ una commedia corale ambientata in una scuola di Roma da cui si dipanano le storie di un anziano professore (Roberto Herlitzka) di storia dell'arte cinico e sagace che ha smarrito il senso del suo lavoro, un giovane supplente (Riccardo Scamarcio) alle prese col suo primo incarico, una preside (Margherita Buy)impeccabile e rigorosa e dei ragazzi che sfidano la sorte per diventare adulti.

    Il rosso e il blu è una commedia sul mondo della scuola, un racconto che unisce sentimento e ironia, con un cast di giovani promesse e guidato da un trio di attori d’eccezione.

    Secondo la preside interpretata da Margherita Buy: “Nella scuola c’è un dentro e un fuori e noi ci dobbiamo occupare solo di ciò che è dentro”, ma è proprio da fuori che sembrano arrivare per tutti le lezioni più importanti.

    1. trailer
    2. scheda
  • Il sangue dei vinti
    08/05/2009

    19 Luglio 1943, Roma, giorno del bombardamento di San Lorenzo. Il commissario di polizia Francesco Dogliani vive in uno stabile del quartiere che viene distrutto dall’attacco aereo e dove viene rinvenuto il cadavere di una prostituta, Costantina, uccisa con un colpo di pistola. Dogliani riesce a mettersi in salvo e a portare con sé la figlia della vittima, la piccola Elisa. Malgrado il caos seguito al bombardamento e le oggettive difficoltà, il commissario decide d’indagare sulla morte della donna, per senso del dovere nei confronti della bambina e perché sente che quello non è un omicidio qualunque. Inizia un percorso che lo porterà a fare i conti con una vicenda in cui nulla è ciò che sembra e con la propria dolorosa storia familiare, esemplificata da un fratello e una sorella schierati su opposti fronti politici.

    1. trailer
    2. foto
    3. scheda
  • Il siero della vanità

    Il paese è sconvolto quando, uno ad uno, scompaiono nel nulla alcuni dei più famosi personaggi dello spettacolo. Il guru televisivo Sonia Norton, titolare dell’omonimo show, non esita a chiamarlo “un attacco senza precedenti al cuore della nazione”. I media si scatenano. Gli inquirenti brancolano nel buio. Lucia Allasco è un ex ispettore di P. S. non ancora guarita da un tragico incidente avvenuto due anni prima durante un’operazione di polizia. In seguito a queste sparizioni Lucia viene richiamata in servizio e le viene affiancato un suo vecchio collega, Franco Berardi. Basta poco a Lucia e Franco per accorgersi di un collegamento diretto tra Sonia Norton Show e i personaggi scomparsi. L’indagine porterà alla scoperta di un mondo sommerso dove apparire è più vitale di respirare. E dove il più mite degli uomini si può trasformare nel più spietato assassino.

    1. scheda
  • Il silenzio intorno
    14/07/2006

    Tommaso torna a casa dopo alcuni mesi trascorsi in una comunità di recupero, e trova che niente è cambiato. Sua madre Anna ha rinunciato a ogni ambizione recludendosi in casa e votandosi alla famiglia. Suo padre Massimo, magistrato integerrimo, è ossessionato dai casi che segue. Tommaso non sa cosa vuole dalla vita, qual è il suo ruolo. Così accetta passivamente che il padre lo introduca nel prestigioso studio legale di un suo amico. Lì dovrà finire la tesi, laurearsi e avviarsi a una carriera forense. Schiacciato dalla noia e dalla mancanza di reali stimoli Tommaso in breve torna alle vecchie frequentazioni. E alla droga. I suoi genitori intuiscono che qualcosa non va, ma preferiscono attribuire questo suo momento di debolezza alla necessità di ricostruirsi. Soltanto quando Tommaso lascia lo studio legale, Massimo è costretto a vedere che la vita che ha programmato per lui lo ha fatto ricadere nella dipendenza. Adesso non sa come aiutarlo, ma è Tommaso che per la prima volta prende l'iniziativa e, scontrandosi duramente con il padre, va via di casa.

    1. scheda
  • Il Sole

    Giappone, agosto 1945. L’imperatore Hirohito fa un pubblico appello al suo popolo affinché cessino le operazioni militari. Milioni di giapponesi rimangono scioccati nel sentire per la prima volta in vita loro la voce dell’imperatore. Hirohito prende due decisioni cruciali. La prima è la dichiarazione di resa durante la seconda guerra mondiale, l’altra la rinuncia al suo stato divino. In questo periodo, l’imperatore instaura un complesso e al tempo stesso improbabile rapporto con il generale americano Douglas MacArthur, una figura fondamentale per la soluzione del conflitto con il minimo numero di vittime. Due uomini che lottano portando sulle spalle il peso della storia, della cultura e del conflitto, per trovare un sentiero comune per il futuro.

    1. scheda
  • Il sole negli occhi
    23/11/2001

    Marco uccide suo padre. E' uno dei tanti inspiegabili delitti che la cronaca attribuisce a un "raptus di follia". Marco ha avuto una vita simile a tante altre, nell'Italia del nord, nel benessere. Ma c'è una frattura in lui, tenuta sotto la superficie della normalità. Un odio apparentemente inspiegabile verso il padre, cresciuto nel quotidiano, anno dopo anno, che esplode nell'omicidio. Dopo l'assassinio, Marco trova rifugio in una località balneare, in una piccola pensione, tra i turisti in vacanza. E' lì che lo trova Rinaldi, un poliziotto che lo sospetta, ma che si rende conto di non aver di fronte un semplice criminale, ma un ragazzo afflitto da un dramma più grande di lui, da un trauma subito nel passato, che lo ha trasformato e che in un certo senso lo ha usato, spingendolo al delitto. Ma il caso vuole anche che nella stanza a fianco a quella di Marco si trovi una ragazzina adolescente che sta vivendo il suo primo amore e che non saprà mai che il giovane uomo della porta accanto è un assassino. Quel piccolo sentimento impossibile, così lieve e struggente è irresistibile per Marco. E' l'inizio di una crisi profonda, l'occasione per aprire gli occhi sui motivi reali che l'hanno condotto all'omicidio, motivi che erano sconosciuti a lui stesso e che affondano nella sua personalità e nel suo passato.

    1. scheda
  • Il trasformista
    22/11/2002

    Un’alluvione di straordinaria violenza devasta il Nord Italia. In un piccolo comune del Torinese, l’esondazione del Po ha messo allo scoperto una fossa in una grande discarica di rifiuti. Nella fossa erano stati occultati dei bidoni di scorie tossiche. Augusto Viganò, leader poco più che quarantenne di un gruppo ambientalista locale, blocca il treno speciale del ministro Antonelli che si sta recando in zona per verificare i danni dell’alluvione. Antonelli è accompagnato dal suo consigliere Orlando Lanzetta e da una piccola troupe televisiva che lo sta intervistando. Antonelli, politico dal grande fascino, vuole mostrarsi disponibile al colloquio con i dimostranti. Accetta quindi di farsi scortare da Augusto alla discarica e vede di persona che dai bidoni contenuti nella fossa sono fuoriuscite sostanze talmente pericolose da poter corrodere il metallo. Gli allarmi per la salute delle persone sono più che giustificati. Per l’idealista Augusto Viganò, disposto a tutto pur di salvare l’ambiente, è l’inizio di una vera carriera politica che si materializzerà in una lenta ma inesorabile caduta verticale nell’ambiente politico romano fatto di tutto meno che di chiarezza.

    1. scheda
  • Il villaggio di cartone

    Come un mucchio di stracci buttato là, sui gradini dell'altare. È il vecchio Prete, per tanti anni parroco in quella chiesa che ora non serve più e viene dismessa. Gli operai staccano dalle pareti i quadri dei santi e ogni altro addobbo, e mettono al sicuro gli oggetti sacri più preziosi dentro cofani speciali. Un lungo braccio meccanico stacca il grande Crocefisso a grandezza d'uomo appeso alla cuspide sopra l’altare per calarlo a terra come uno sconfitto. E’ inutile opporsi: nulla potrà fermare il corso degli eventi che l'incalzare delle nuove realtà impongono alla storia. Quando tutto sarà concluso, il 'saccheggio' avrà lasciato un vuoto doloroso, con le pareti nude e l’altare maggiore spoglio come un sepolcro. Lo sguardo del vecchio Parroco si leva verso il culmine del presbiterio dove la sparizione del Grande crocefisso è il compimento ultimo dell’atto sacrilego. Tuttavia, di fronte allo scempio della sua chiesa, il vecchio Prete avverte l'insorgere di una percezione nuova che lo sostiene. Gli pare che solo ora, quei muri messi a nudo rivelino una sacralità che prima non appariva. Da questo momento di sconforto dove tutto pare inesorabilmente e miseramente avviato alla dissoluzione, avrà invece inizio una resurrezione in spirito nuovo della missione sacerdotale. Non più la chiesa delle cerimonie liturgiche, degli altari dorati, bensì Casa di Dio dove trovano rifugio e conforto i miseri e derelitti. Saranno costoro i veri ornamenti del Tempio di Dio. E pure la vita del vecchio Prete troverà nuove vie della carità, della fratellanza, e persino del coraggio di compiere quegli atti d'amore che chiedono anche il sacrificio estremo, quale alto significato della consacrazione sacerdotale. Ha inizio un tempo in cui il mondo ha bisogno di uomini nuovi e giusti per smascherare l’ambiguità di tanto spreco di parole con l’oggettività degli atti e dei comportamenti.

    1. scheda
  • Il voto è segreto

    Un soldato si rende conto di non aspettarsi più nulla dai giorni che passano uguali nel solitario posto di mare in cui è di guardia, quando arriva il giorno delle elezioni. Un'urna elettorale viene paracadutata a terra, mentre una giovane donna si ferma sulla spiaggia della remota isola. Con grande sorpresa del soldato la donna si rivela essere il funzionario addetto alle elezioni. Il soldato inizialmente si ribella: aspettava un agente elettorale, ma non una donna. Molte cose possono succedere in una giornata, soprattutto quando due personaggi così diversi si incontrano e si attraggono.

    1. scheda
  • Io, Don Giovanni

    Venezia. 1763. Lo scrittore Lorenzo Da Ponte conduce una vita dissoluta. Prete in origine, viene esiliato a Vienna per aver diffuso versi contro la Chiesa e il potere dell’Inquisizione. Con il supporto del suo amico e mentore Casanova, Lorenzo viene presentato al maestro Salieri, compositore prediletto dell’Imperatore e conosce così Wolfgang Amadeus Mozart. Intravedendo l’opportunità di frenare l’ascesa di Mozart, Salieri spinge Mozart a prendere questo sconosciuto libertino come suo librettista. La natura stessa di Lorenzo, invece, sarà fonte di ispirazione per una delle sue opere più audaci e potenti: Don Giovanni.

    1. scheda
  • Io sono l'amore

    Casa dei Recchi. Specchi, fiori, denaro e freddezza. Emma e Tancredi, i loro figli, Elisabetta, Edoardo, Gianluca, i compagni e promessi sposi, i nonni, la genealogia e le future generazioni celebrano, tra le camere e i corridoi, i giardini innevati, le grandi cucine di Villa Recchi, passaggi di consegne, avvicendamenti alla guida dell'impresa strategie familiari e consolidamenti. Consolidamenti progressivi di ruoli sempre più raggelati dalla consapevolezza della classe di appartenenza, la grande borghesia industriale lombarda. Estraneo a quel mondo Antonio giovane cuoco poco avvezzo al compromesso, condensa emozioni in piatti che non hanno diritto di cittadinanza nella trattoria di famiglia. Emma e Antonio, due creature inorganiche agli universi in cui gravitano. La passione che li porta in rotta di collisione . Spezzando i legami e mettendo entrambi in diretto contatto con la natura. Da cui Antonio trae vita per le sue creazioni, da cui Emma ha preso le distanze costruendo una nuova identità. Altissimo il prezzo da pagare. Una sola possibilità di redenzione: l'amore.

    1. foto
    2. scheda
  • Io sono Li
    23 settembre 2011

    Shun Li (Zhao Tao) lavora in un laboratorio tessile della periferia romana per ottenere i documenti e riuscire a far venire in Italia suo figlio di otto anni. All’improvviso viene trasferita a Chioggia, una piccola città isola della laguna veneta per lavorare come barista in un’osteria. Bepi (Rade Sherbedgia), pescatore di origini slave, soprannominato dagli amici “il Poeta”, da anni frequenta quella piccola osteria. Il loro incontro è una fuga poetica dalla solitudine, un dialogo silenzioso tra culture diverse, ma non più lontane. È un viaggio nel cuore profondo di una laguna, che sa essere madre e culla di identità mai immobili. Ma l’amicizia tra Shun Li e Bepi turba le due comunità, quella cinese e quella chioggiotta, che ostacolano questo nuovo viaggio, di cui forse hanno semplicemente ancora troppa paura.

    1. foto
    2. scheda
  • I primi della lista
    11 novembre 2011

    È il primo giugno del 1970, Pisa è l'epicentro di Lotta Continua e nel movimento studentesco girano voci su un colpo di stato imminente, i più esposti temono di essere presi nel sonno. Tra loro Pino Masi, cantautore star dell'epoca, autore de “La ballata del Pinelli”. Con Masi ci sono i liceali Renzo Lulli e Fabio Gismondi. Il cantante propone ai ragazzi di scappare. Così i tre si mettono in viaggio. Presto si scatenano una serie di equivoci, a partire dall’incontro inquietante con colonne di militari dirette a Roma (per la festa della Repubblica del 2 giugno). Roan Johnson racconta una storia vera, successa a Pisa una quarantina di anni fa, prima che lui nascesse. Il film, dal sapore documentaristico, nasce da un soggetto di Renzo Lulli, uno dei protagonisti di questa avventura amaramente accattivante. A fine film i protagonisti eseguiranno un brano dal vivo.

    1. scheda
  • I vestiti nuovi dell’imperatore

    Napoleone, non sopportando più la monotona vita a S. Elena, grazie a un complotto lascia sull'isola un sosia, il marinaio Eugène Lenormand, e torna a Parigi vestendo i panni di questi. Il piano prevede che il sosia venga smascherato come impostore e che l'imperatore una volta a Parigi possa reclamare il trono. Ma le cose non andranno così e il destino serba a Napoleone un'ennesima sfida.

    1. scheda
  • I Viceré
    9 novembre 2007

    Liberamente ispirato al romanzo omonimo di Federico De Roberto. Sicilia, metà dell’Ottocento. La dominazione borbonica sta per terminare e con essa tutto un mondo è in dissoluzione e deve fare i conti con l’imminente nascita dello Stato Italiano. Consalvo, ultimo erede degli Uzeda, la famiglia dei Viceré di Spagna, dalle esequie della zia Teresa all’età adulta è testimone e protagonista della perpetua guerra della sua casata nella corsa al potere e alla ricchezza. E per raggiungere il loro scopo i componenti della famiglia, ognuno con la sua complessa personalità, non esitano a mettere in atto intrighi, lotte e misteri. Primo fra tutti il principe Giacomo, padre di Consalvo, un uomo superstizioso e tirannico, interessato più al patrimonio familiare che all’amore per i propri cari. Riprese effettuate a palazzo Chigi di Ariccia e in Sicilia. Vincitore di 4 David Donatello e 2 Nastri d’Argento.

    1. scheda
  • Johan Padan a la descoverta de le Americhe

    Johan Padan, bergamasco, è un sempliciotto, un uomo qualunque, ma è anche bugiardo ed egoista, un uomo pronto a tutto pur di sopravvivere. Noi lo troviamo a Venezia, dove è innamorato di una ragazza accusata di stregoneria. Quando le guardie la arrestano, lui riesce a fuggire e per una serie di combinazioni si ritrova a Siviglia. Qui si susseguono altri casi più o meno fortuiti che lo faranno imbarcare per le Nuove Indie. In seguito ad una rovinosa tempesta, Johan si risveglierà sulle coste della Florida, in mezzo agli Indios. All'inizio la convivenza non è semplice, poi però con grande furbizia, il nostro eroe riesce a conquistare la fiducia e la stima di tutta la popolazione. Viene addirittura nominato sciamano del villaggio e guiderà gli Indios alla rivolta contro gli Spagnoli che occupano le loro terre e li rendono schiavi.

    1. scheda
  • Là-Bas

    Castel Volturno, circa trenta chilometri da Napoli. È il 18 settembre 2008. Un commando di camorristi irrompe in una sartoria di immigrati africani. Sparano all’impazzata un centinaio di proiettili, ammazzando sei ragazzi di colore e ferendone un altro gravemente. Yssouf (Kader Alassane), un giovane immigrato, ha deciso quella stessa sera di chiudere i conti con suo zio Moses (Moussa Mone). L’uomo che lo ha convinto a venire in Italia. Promettendogli un futuro da onesto artigiano e trasformandolo invece nel cinico gestore di un giro milionario di cocaina. Invischiati nella loro storia, un altro ragazzo africano, Germain, finito per caso nel luogo della strage; la sua ragazza Asetù (Fatima Traore), che quella stessa sera canta in pubblico una canzone di Miriam Makeba; Suad (Esther Elisha), una prostituta che Yssouf sogna di riscattare dai suoi padroni. Ambientata nella “più africana tra le città europee” (Roberto Saviano), Là-Bas è una storia dove fiction e verità confondono i propri percorsi. Il romanzo criminale di un ragazzo dei nostri tempi, intrapreso e vissuto per il solo gusto della sopravvivenza.

    1. scheda
  • L'amore è imperfetto

    “Io non rinuncio più a niente. L’amore però, quello non me lo invento più. Mi prendo quello che viene, senza più regole, anche se non so cos’è.”
    Elena, 35 anni, è una donna bella ed elegante, con i piedi per terra e un bel lavoro in una casa editrice.
    Da molto tempo non crede più nell’amore. Alcuni anni prima, quando era ancora studentessa e viveva con la sua amica Roberta, credeva invece nell’amore assoluto. E l’aveva trovato in Marco, un bellissimo e giovane fotografo con cui era presto andata a convivere.
    Ma il suo ‘principe azzurro’ aveva un segreto e, quando Elena lo scopre, tutto il mondo le crolla addosso.
    Nonostante abbia appena scoperto di aspettare un bambino, non vuole più né Marco, né quel figlio.
    Otto anni dopo, un banale incidente cambia e stravolge totalmente la vita di Elena.
    Due nuovi incontri la porteranno oltre ogni regola sentimentale ed erotica. Ettore è un affascinante 50enne francese. E’ l’amore adulto, quello in cui l’eros è sia fisico che mentale.
    Adriana è una diciottenne senza regole né freni inibitori: la trasgressione che cancella ogni razionalità.
    Elena si lascia travolgere da queste nuove passioni. Le due storie l’aiuteranno ad accettare l’imperfezione dell’amore e a ritrovare se stessa.

    Guarda le interviste ai protagonisti>>

    1. trailer
    2. scheda
  • L'amore buio
    3 settembre 2010

    Alla fine di una domenica di sole, mare, tuffi e pizza, quattro ragazzini, approfittano di Irene, anche lei adolescente. Uno di loro, Ciro 16 anni, la mattina dopo va a denunciare sé e gli altri. Vengono condannati a due anni di reclusione. Irene e Ciro, da lontano (l’uno dal carcere di Nisida, e l’altra dalla casa meravigliosa dove vive con la famiglia in una delle zone belle della città), quasi senza accorgersene, lentamente cominceranno un irresistibile avvicinamento. Quei due mondi, così opposti e diversi, finiranno con l’attrarsi, incontrarsi, fondersi.

    1. foto
    2. scheda
  • L'arbitro
    12 settembre 2013

    L’Atletico Pabarile, la squadra più scarsa della terza categoria sarda, viene umiliata come ogni anno dal Montecrastu, la squadra guidata da Brai, arrogante fazendero abituato a vessare i peones dell'Atletico in quanto padrone delle campagne. Il ritorno in paese del giovane emigrato Matzutzi rivoluziona gli equilibri del campionato e l'Atletico Pabarile comincia a vincere una partita dopo l'altra, grazie alle prodezze del suo novello fuoriclasse. Le vicende delle due squadre si alternano con l'ascesa professionale di Cruciani, ambizioso arbitro ai massimi livelli internazionali, nonché con la sottotrama di due cugini calciatori del Montecrastu, coinvolti in una faida legata ai codici arcaici della pastorizia. Mentre Matzutzi riesce a riconquistare Miranda, l'amore della sua infanzia, l'arbitro europeo Cruciani si lascia coinvolgere in una vicenda di corruzione che lo porterà in un attimo dalle stelle alle stalle: viene infatti colto in flagrante ed esiliato per punizione negli inferi della terza categoria sarda.

    1. scheda
  • L'aria del lago
    11/04/2008

    A Bellano, sul ramo lecchese del lago di Como, Amleto Selva si accasa sposando Ortelia, figlia del defunto macellaio. Ma il matrimonio si rivela avaro di soddisfazioni, soprattutto da un certo punto di vista. Così Amleto inizia a frequentare il dott. Durini, medico condotto del paese e animatore di una combriccola di amici che, del tutto indifferenti all’affermarsi del fascismo, si danno alla bella vita e alla frequentazione del bordello di Lecco. Quella vita da vitelloni di periferia andrà incontro a un amaro finale, mentre il rombo minaccioso della seconda guerra mondiale comincia a farsi sentire.

    1. scheda
  • L'aria salata
    5 gennaio 2007

    Fabio, un educatore nel penitenziario romano di Rebibbia, ritrova per caso all’interno del carcere suo padre, Luigi Sparti, che è stato condannato per omicidio e sembra fingere di essere epilettico per ottenere la semi-libertà.
    I due non si sono più visti da quando Fabio aveva sei anni perché Luigi, condannato per avere ucciso un uomo, aveva preferito non incontrare più la moglie e i figli.
    Ora il padre è completamente ignaro del legame che lo unisce a Fabio e che, invece, nonostante sia pieno di risentimento nei suoi confronti, decide di aiutarlo ad ottenere il regime di semi-libertà. Quando però scopre che il padre spaccia droga all’interno dell'istituto penale si scontra con lui e gli rivela la sua vera identità. Padre e figlio iniziano allora un confronto che li porterà a confidarsi le reciproche sofferenze vissute negli anni di lontananza...

    1. scheda
  • L'estate di Martino

    L'estate del 1980 è un'estate di sangue, contrassegnata dalla tragedia di Ustica del 27 giugno e dall'attentato nella stazione di Bologna del 2 agosto: tragici episodi che fanno da sfondo alla storia di Martino e del capitano Clark, un militare americano. Un rapporto che nasce e cresce attraverso l’insegnamento del surf e dal quale ognuno dei due imparerà ad affrontare i propri fantasmi. Teatro dell’azione è una bellissima spiaggia, il cui accesso è vietato perché sotto il controllo della Nato. La storia di questa amicizia si intreccia con la favola di "Dragut", un principe che ha sfidato il mare per amore: dovrà recarsi oltre l’arcobaleno, nelle profondità del mare, e trovare una giara magica. Se ci riuscirà il mondo non conoscerà più il dolore delle morti violente.

    1. scheda
  • L'industriale
    13 gennaio 2012

    Il quarantenne Nicola (Pierfrancesco Favino) è proprietario di una fabbrica sull’orlo del fallimento di una Torino nebbiosa e notturna, immersa nella grande crisi economica che soffoca tutto il paese. Ma è orgoglioso, tenace. Ha deciso di risolvere i suoi problemi senza farsi scrupoli. Sua moglie Laura (Carolina Crescentini, che aveva già lavorato con Montaldo in I demoni di San Pietroburgo) è sempre più lontana, ma Nicola non fa nulla per colmare la distanza che ormai li separa. Assediato dagli operai che lo pressano per conoscere il loro destino, Nicola avverte che qualcosa sta turbando l’unica certezza che gli è rimasta: il matrimonio. Ma invece di aprirsi con Laura comincia a sospettare di lei e a seguirla di nascosto. Tutto precipita. Nicola annaspa e tira fuori il peggio di sé. Poi tutto sembra tornare a posto: l’azienda, il matrimonio, il successo sociale. Ma l’uomo ha più di un segreto da nascondere e il ritratto sociale prende sfumature dostoevskijane.

    1. trailer
    2. scheda
  • L'intervallo

    Un ragazzo, una ragazza rinchiusi in un enorme edificio abbandonato di un quartiere popolare. L’uno deve sorvegliare l’altra. Lei è la prigioniera, lui è obbligato dal capoclan di zona a fare da carceriere. Malgrado la giovane età, ambedue sono troppo cresciuti. Veronica si comporta da donna matura e spregiudicata, Salvatore da ometto che deve badare al lavoro e alla tranquillità. Così, di fronte alla violenza di quella reclusione, i due giovani hanno reazioni diverse: Veronica scalpita e si ribella; Salvatore è più remissivo e accomodante, non si sa se per paura o per realismo. Sono entrambe vittime ma è come se ognuno desse la colpa all’altro della propria reclusione. Col passare delle ore, però, l’ostilità tra i due si trasforma in un’inevitabile intimità, fatta di scoperte e di confessioni reciproche. Tra le mura di quel luogo isolato e spaventoso, Veronica e Salvatore trovano il modo di riaccendere i sogni e le suggestioni di un’adolescenza messa troppo in fretta da parte. I due ragazzi vivono così un improvviso intervallo dalle loro esistenze precocemente adulte, tentati alla fine di trasformare quella fuga fantastica in una vera evasione prima che la banda venga a presentare a Veronica il proprio verdetto. Un racconto d’amore spezzato, di poesia calpestata, per narrare le difficoltà di essere adolescenti nella periferia violenta di una metropoli contemporanea. Il primo film “fiction" di Leonardo Di Costanzo, talento del cinema del reale europeo. Scritto con Mariangela Barbanente e Maurizio Braucci, autore di punta della nuova narrativa italiana e sceneggiatore, oltre ad altri, dei film Gomorra e Reality di Matteo Garrone.

    1. scheda
  • L'intrepido
    05 settembre 2013

    Immaginiamo che esista un nuovo mestiere e che si chiami “rimpiazzo”. Immaginiamo che un uomo senza lavoro lo pratichi ogni giorno, questo mestiere. E dunque che lavori davvero oltre misura e che sia un uomo a suo modo felice. Lui non fa altro che prendere, anche solo per qualche ora, il posto di chi si assenta, per ragioni più o meno serie, dalla propria occupazione ufficiale. Si accontenta di poco, il nostro eroe, ma i soldi non sono tutto nella vita: c’è il bisogno di tenersi in forma, di non lasciarsi andare in un momento, come si dice, di crisi buia. Immaginiamo poi che esista un ragazzo di vent’anni, suo figlio, che suona il sax come un dio e dunque è fortunato perché fa l’artista. E immaginiamo Lucia, inquieta e guardinga, che nasconde un segreto dietro la sua voglia di farsi avanti nella vita. Ce la faranno ad arrivare sani e salvi alla prossima puntata?

    1. scheda
  • L'ultimo Pulcinella
    13/03/2009

    Michelangelo, attore, interprete della storica maschera di Pulcinella, lascia Napoli per Parigi: la sua ex moglie gli ha rivelato che il figlio Francesco, braccato dalla camorra in quanto testimone di un omicidio, ha trovato asilo nella banlieue della capitale francese, ospite dell’amica Cecilia. A Parigi l’uomo riconquista la fiducia di Francesco. E, grazie a Marie, un’attrice anche lei in esilio, riutilizza un vecchio teatro dove può coronare il sogno di mettere in scena un vecchio soggetto inedito di Roberto Rossellini, che immaginava un Pulcinella parigino fuggito dalla Napoli borbonica dopo la morte di Masaniello. Grazie al coinvolgimento attivo di Cecilia, che ha una forte ascendenza politica sui giovani del quartiere, molto diversi per origini etniche, la Napoli degli umili e degli oppressi, della vitalità e della miseria, riprende di nuovo vita sul palcoscenico.

    1. foto
    2. scheda
  • L'ultimo terrestre

    La storia si svolge durante l’ultima settimana prima dell’arrivo di una civiltà extraterrestre sulla Terra. Un arrivo annunciato dai governi, una notizia da seconda serata che non ha entusiasmato nessuno. Gli extraterrestri arrivano in un paese stanco e disilluso, in una crisi economica conclamata e gravissima. La gente risponde alla venuta degli extraterrestri con una reazione razzista “adesso ci ruberanno il lavoro, come hanno fatto i cinesi prima di loro!” o con interpretazioni mistico religiose tra le più strampalate. Ma noi non raccontiamo la storia di un popolo, seguiamo invece la vita di Luca Bertacci (Gabriele Spinelli), un uomo con enormi problemi di relazione, un uomo che, abbandonato dalla madre quando era piccolo, è cresciuto nell’odio per le donne. Nella diffidenza e soprattutto nell’incapacità di provare sentimenti. Questa chiusura emotiva ne ha fatto un emarginato senza passioni e senza sogni. Luca spende la sua vita tra il lavoro, barista in una sala bingo, i rari pranzi con il padre che ogni volta rinnova il suo dolore per l’abbandono della madre “quella femmina maledetta…”, e un’attrazione segreta e inconfessabile per la sua vicina di casa. Un sentimento che Luca non può e non vuole permettersi e che cerca di reprimere in ogni modo. L’arrivo degli extraterrestri cambierà tutto e assumerà sempre di più le caratteristiche di una vera e propria “rivelazione” per il nostro protagonista. Questi alieni, che nella forma e l’atteggiamento sono tanto simili ai “grigi” di Incontri ravvicinati, ma che si distinguono soprattutto per la loro capacità di sapere ” cosa è Bene e cosa è Male”, agiscono ai margini della vicenda modificando la vita di Luca, innescando eventi che lo porteranno a scoprire una verità inaspettata e sconvolgente, fino a dargli una nuova possibilità di vita e una speranza di felicità. Difficile al termine della storia non pensare che questi extraterrestri con il loro arrivo tanto simile ad un “giudizio universale” siano venuti sulla Terra solo per lui. Come un regalo

    1. scheda
  • L'uomo che verrà
    22 gennaio 2010

    Inverno, 1943. Martina ha 8 anni, vive alle pendici di Monte Sole, non lontano da Bologna, è l'unica figlia di una famiglia di contadini che, come tante, fatica a sopravvivere. Anni prima ha perso un fratellino di pochi giorni e da allora ha smesso di parlare. Nel dicembre la mamma rimane nuovamente incinta. I mesi passano, il bambino cresce nella pancia della madre e Martina vive nell'attesa del bimbo che nascerà mentre la guerra man mano si avvicina e la vita diventa sempre più difficile. Nella notte tra il 28 e il 29 settembre 1944 il piccolo viene finalmente alla luce. Quasi contemporaneamente le SS scatenano nella zona un rastrellamento senza precedenti, che passerà alla storia come la strage di Marzabotto.

    1. trailer
    2. foto
    3. scheda
  • 24/01/2003

    Luca, 15 anni, è in coma dopo le complicazioni sorte in seguito ad un’operazione. I genitori non trovano alcuna speranza per il figlio: né un centro in Italia che possa e voglia accoglierlo, né aiuto da parte del mondo scientifico. Improvvisamente si ritrovano immersi in un mondo a loro sconosciuto, quello di avere il proprio ragazzo in coma e non sapere che fare.

    1. scheda
  • L’amore imperfetto

    Sergio, trentenne di Genova, lavora in un supermercato. Sua moglie Angela è spagnola e da sola in ospedale partorisce un bambino, cui i medici già in precedenza avevano diagnosticato una grave malformazione mortale. I genitori tuttavia hanno voluto farlo nascere per contrarietà all'aborto, e lo hanno chiamato Miguel Juan come un altro bambino miracolato dalla Vergine del Pilar di Saragozza. Dopo aver deciso di donare al momento opportuno gli organi del bambino, Sergio, che non ha la fede della moglie, si lascia andare alla disperazione. Intanto nel supermercato una giovane dipendente si è suicidata, dopo uno stupro. Il commissario Sironi, incaricato delle indagini, interroga anche Sergio, che la sera prima aveva accompagnato a casa la ragazza, e finisce per restare coinvolto nella situazione di Miguel.

    1. scheda
  • L’angelo della spalla destra

    Villaggio di Asht, Tagikistan. Da dieci anni Halima non vede il suo unico figlio, Khamro. La donna, anziana, è sola e vive in povertà: se dovesse morire, la sua bara non potrebbe neanche attraversare la porta, troppo stretta. Dieci anni prima, Khamro aveva ordinato una bella porta lavorata a 2 battenti, ma aveva lasciato precipitosamente il villaggio, lasciando la porta incompiuta, con un solo battente già montato. Sconvolta dall’idea che la sua bara venga fatta passare miseramente al di sopra della porta della sua casa e non degnamente tra i due battenti, Halima si risolve, aiutata da Rizaev, sindaco del villaggio, a far tornare suo figlio facendo credere di essere in punto di morte…

    1. scheda
  • L’avvocato De Gregorio

    Napoli. Un’aula della Pretura ai nostri giorni. L’anziano avvocato in disarmo De Gregorio, che vive ai margini del Palazzo di Giustizia e sembra ormai avere in odio il mondo intero, è chiamato a difendere un cocchiere, parte lesa in un incidente d’auto che ha provocato la morte del cavallo: un giovanotto fresco di laurea, difensore della società assicuratrice, lo fa a pezzi in poche mosse. Per De Gregorio si tratta dell’ennesimo scacco professionale. Ma la sera stessa l’uomo rinasce a nuova vita , appassionandosi ad un drammatico caso di lavoro nero. Riacquista così la sua dignità e la voglia di combattere contro le ingiustizie: controllando a fatica il tremore dell’emozione, De Gregorio in tribunale avanza verso il tavolo dell’accusa, fissa il Presidente, i giudici, la folla e poi, con voce forte, inizia la sua arringa…

    1. scheda
  • L’educazione fisica delle fanciulle

    Turingia, tra fine ‘800 e inizio ‘900. Sei ragazze sedicenni sono ospiti fin dall’infanzia in un lussuoso collegio dove apprendono danza, musica e buone maniere sotto la guida di istitutrici intransigenti e severe. Le regole sono rigide, si lavora duramente ed è vietato ogni contatto con l’esterno, ma l’ambito premio è prendere parte alla fine al più prestigioso balletto di tutto il paese e, per la migliore, diventare l’etoile. Un mondo ordinato e severo, ma apparentemente sereno, dove le fanciulle, che sono cresciute insieme, vivono una vita a contatto con la natura – tra un laghetto, una cascata e il parco – nuotano, giocano, si divertono anche. Ma dietro l’apparenza si nasconde ben altra realtà, gelosamente custodita dall’ambigua direttrice e solo vagamente intuita da Vera, la meno ingenua delle fanciulle, che pagherà caro il suo desiderio di capire.

    1. scheda
  • L’eletto
    15 giugno 2007

    Laura Siprien, una scienziata francese, ha paura di essere sul punto di perdere la ragione. Da alcune settimane è preda di strane allucinazioni che la mettono in uno stato di angoscia da cui non riesce a venire fuori. Realtà e sogno si mescolano e Laura inizia a chiedersi chi sia realmente suo figlio e da dove venga.
    Sul busto del bambino da qualche giorno è apparso uno strano segno. Quando viene rapito, pochi giorni prima del suo settimo compleanno, Laura inizia a cercarlo con ogni mezzo a sua disposizione.
    La attende un viaggio al limite del mondo e del fantastico, in cui può succedere di tutto...
    Ispirato al romanzo “Le concile de pierre” di Jean-Christophe Grangé, edito in Italia da Garzanti.

    1. scheda
  • L’Enfer
    09/06/2006

    Parigi, Anni ’80. Un uomo, appena uscito di prigione, viene lasciato dalla moglie. Tra i due scoppia una violenta lite sotto gli occhi delle tre figlie, testimoni del dramma che ne scaturirà. Ai giorni nostri, Sophie, Celine e Anne, le tre sorelle ormai adulte vivono ciascuna la propria vita. I legami familiari sono inesistenti. Sophie, la più grande, è sposata con Pierre, un fotografo con il quale ha avuto due figli. La coppia è in crisi. Anne, la più giovane, studentessa di architettura, ha una relazione con Frederic , uno dei suoi professori. Celine è sola ed è l’unica ad occuparsi della madre, che vive in una casa per anziani. All’improvviso, un giovane uomo, Sebastian, entra in contatto con Celine: è affascinante e sembra intenzionato a sedurla. La sorprendente rivelazione che Sebastian farà a Celine causerà il riavvicinamento tra le tre sorelle, le aiuterà ad accettare il passato e forse a vivere pienamente il presente.

    1. scheda
  • L’estate del mio primo bacio

    E’ l’estate del 1987. Camilla Randone, tredicenne di famiglia facoltosa in villeggiatura all’Argentario, è convinta che quella sarà l’estate del suo primo bacio, a tutti i costi. Ed ecco che il destino le mette davanti una magnifica preda: Adelmo Franci, diciassettenne locale ingaggiato per pulire la piscina della villa di famiglia. Fra telefonate anonime, bugie e ricatti, Camilla, ancora immatura ma dalla personalità già molto complessa, si troverà a manipolare il docile Adelmo creando le migliori condizioni per quel primo agognato bacio, che però tarda ad arrivare. E mentre lei si macera nei patimenti amorosi e la radio suona “Sembra un angelo caduto dal cielo” – proprio quello che si sente Camilla - a casa Randone anche gli adulti attraversano momenti delicati: come la mamma Giovanna, che ha deciso di scrivere un romanzo autobiografico e che è così distratta nei confronti della figlia; come il papà Agostino, alle prese con la sua giovane amante e incapace di risolvere la sua situazione con Giovanna. Nessuno si accorge dei primi goffi ma teneri passi da donna di Camilla nell’estate del suo primo vero grande amore…

    1. scheda
  • L’inverno
    08/02/2002

    Leo, scrittore di romanzi in crisi, e Marta, allestitrice in una galleria d'arte, vivono assieme ma tra loro non c'è passione né dialogo. Lui è chiuso in una indifferente afasia, mentre lei dà sfogo ai suoi traumi familiari attraverso la logorrea. I due conoscono Gustavo, un ricco cinquantenne, e la sua giovane moglie Anna. Gustavo, fedifrago impenitente, fa subito avance a Marta la quale, però, non le ricambia. Anna, da parte sua, fa in modo di diventare amica di Marta e, nel contempo, sta addosso a Leo. Questi, sconfortato per le risposte negative arrivate dall'editore, permette ad Anna di leggere il suo nuovo libro. Leo e Anna si baciano appassionatamente, ma lui subito dopo si tira indietro. Marta, che nel frattempo ha cominciato a parlare con uno psichiatra, comincia a sospettare una tresca tra Leo e l'amica. Anna trova un nuovo editore per il libro di Leo, a patto però di portare dei cambiamenti. Leo affronta Anna, dichiarandole tutto il suo disprezzo, ma litiga anche con Marta che è convinta del suo tradimento.

    1. scheda
  • L’isola
    30/05/2003

    La storia di Turi e Teresa, figli di un pescatore di una piccola isola siciliana, si svolge lungo l’arco di un anno. L’adolescenza dei due fratelli s’intreccia con la vita dell’isola: il lavoro, la fatica, i rituali e le abitudini. Attraverso i turbamenti, le emozioni, i nuovi amori, i conflitti, nel passare delle stagioni, i due fratelli navigano verso un inevitabile cambiamento.

    1. scheda
  • L’ora di punta
    7 settembre 2007

    Filippo Costa è un giovane agente della Guardia di Finanza. É un ragazzo pieno di ambizione, per cui cerca di tenersi distante dagli altri colleghi.
    Molto determinato, pensa di poter fare strada all’interno del corpo di cui fa parte, ma quando comincia a conoscere i meccanismi della corruzione e ad esserne coinvolto, capisce di poter mirare ancora più in alto.

    L'incontro con Caterina, una donna più grande di lui, ma molto bella, colta ed elegante, stravolge la sua vita.
    Caterina si innamora di lui e si offre di aiutarlo attraverso le sue conoscenze nel mondo dell’alta finanza. Filippo comincia l’ascesa in un mondo che prima guardava solo da lontano ma ad ostacolare il suo successo c’è la perdurante passione per la sua precedenza ragazza, che già una volta non aveva accettato un suo tradimento, e varie difficoltà nel lavoro che lui non aveva previsto...

    1. scheda
  • L’ora di religione (Il sorriso di mia madre)

    Ernesto è un affermato pittore, illustratore di favole per bambini, separato dalla moglie Irene, padre del piccolo Leonardo, al quale è profondamente legato. Apprende da un misterioso Don Pugni, segretario dell’altrettanto enigmatico Cardinal Piumini, che vogliono fare santa sua madre. Ernesto resta colpito dalla notizia, non solo perché si rende conto di essere stato tenuto all’oscuro di tutto dalla sua famiglia, ma anche perché la vicenda contrasta con il suo mondo di artista e di uomo libero e ateo. Le pressioni e le iniziative affinché partecipi al processo di beatificazione si accentuano. I conflitti esplodono. Il ricordo della madre apre una vertigine che lo spinge a rielaborare il passato e a vivere diversamente il presente.

    1. scheda
  • L’uomo di vetro
    16 giugno 2007

    Scritto da Heidrun Schleef, ormai veterana della sceneggiatura, con Salvatore Parlagreco, autore del libro omonimo (1996), è ispirato alla storia di Leonardo Vitale che nei primi anni Settanta fu il primo mafioso a collaborare con la giustizia, rompendo il muro di omertà che in Sicilia era - e in forme diverse continua a essere - una legge non scritta più forte di quelle dello Stato.
    Dopo le sue confessioni tra il 1972 e il 1973, furono una trentina gli arresti tra cui alcuni eccellenti collusi con Cosa Nostra.

    Intanto Leonardo, fragile e sconvolto dalla paura, è stato rinchiuso in una clinica psichiatrica. Conveniva a tutti: meglio pazzo ma vivo, ma come credere alle verità di un pazzo? Al processo dura condanna a lui per due omicidi ed assoluzione per gli altri.
    Scontati 11 anni di manicomio criminale, nel 1984 fu rilasciato. Vitale scopre la vita nel momento in cui si libera, sapendo di andare incontro a morte certa, quella sancita da vendetta di mafia che purtroppo non tarda a venire.

    1. scheda
  • L’uomo nero
    4 dicembre 2009

    Gabriele Rossetti torna in un paesino della Puglia per l’estremo saluto al padre morente, Ernesto. Le ultime parole dell’anziano risvegliano in lui il ricordo di un episodio lontano nel tempo.
    Siamo negli anni Sessanta. Gabriele è un bambino vivace. Suo padre è il capostazione della ferrovia locale, la mamma, Franca, insegna lettere alla scuola media. I tre non vivono da soli. Con loro c’è anche zio Pinuccio, il fratello di Franca, un giovane sotto i trenta, scapolo, con una redditizia drogheria sul corso.

    La vita del piccolo Gabriele scorrerebbe alla perfezione, se non fosse per gli sbalzi di umore del padre. Ernesto infatti è uno scontento. Ha sicuramente un certo talento, - l’uomo dipinge, da ragazzo avrebbe voluto fare il liceo artistico, cosa che suo padre gli aveva impedito - ma non riesce a raggiungere i risultati che sogna. Per di più l’ambiente paesano si accanisce, soprattutto per bocca di due rappresentanti del ceto colto, il Professor Venusio e l’Avvocato Pezzetti, contro la sua vocazione artistica. I due lo considerano un dilettante che farebbe meglio a dedicarsi al suo lavoro di capostazione e alla famiglia, piuttosto che perdere tempo con colori e pennelli. E in questo modo gli avvelenano la vita.

    Le tensioni di Ernesto si riversano sulla moglie Franca, sul tran tran domestico. Gabriele, perciò, cerca conforto presso lo zio Pinuccio. Il giovane commerciante infatti, concreto, scanzonato e un po’ vitellone, ottimo maestro di allegre malizie, appare agli occhi del piccolo molto più seducente di quel “pesantone” del padre. Senza contare che Gabriele ha un altro suo segreto punto di fuga: le evasioni visionarie a cui fa ricorso grazie ad una fantasia accesissima, che gli permette di vedere anche quello che agli altri rimane nascosto.

    Il tempo dell’infanzia scorre, così, pieno di sorprese e Gabriele, stretto tra i giochi con i compagni, le incomprensioni con il padre mitigate dalla dolcezza severa della mamma e la fascinazione di zio Pinuccio, diventerà parte di una storia familiare il cui senso vero, tuttavia, gli sfuggirà.
    Solo quando il Gabriele adulto dovrà occuparsi della sepoltura del vecchio genitore e passerà la notte nella casa della sua infanzia, scoprirà una verità fino ad allora inimmaginata che modificherà profondamente la prospettiva da cui ha sempre guardato suo padre.

    1. scheda
  • La bestia nel cuore

    Sabina ha una vita normale. È abbastanza soddisfatta del suo lavoro e del rapporto con suo marito Franco. Ultimamente però degli incubi spaventosi hanno cominciato a disturbarla e quasi nello stesso tempo scopre di essere incinta. Per gradi si ricorda della sua infanzia in una famiglia severa della classe media. Ma un grande segreto è nascosto all'interno del suo cuore, nella parte più remota della sua memoria. Sabina decide di mettersi in contatto con Daniele, suo fratello, che vive e insegna in un’università negli Stati Uniti, per provare a capire che cosa è accaduto nel loro passato. Qual è il segreto? È determinata per portare chiarezza e serenità nella sua vita. In ultimo riesce a liberarsi dalla sua "bestia nel cuore".

    1. scheda
  • La casa sulle nuvole

    Due fratelli, Michele e Lorenzo, profondamente diversi per carattere, vivono in una grande casa nei pressi di Roma. Quando scoprono che la loro abitazione è stata regolarmente venduta dal legittimo proprietario, il padre Dario, che non vedono da più di dieci anni, decidono di rintracciarlo. L’uomo si trova in Marocco, dove si è rifatto una vita non priva di ombre, frequentazioni poco pulite e debiti contratti. I figli vengono così a contatto con una cultura nuova e complessa come quella magrebina e con un genitore per il quale provano sentimenti contrastanti. Il viaggio è l’occasione per guardarsi in faccia, per venire a patti con il perdono, per riconoscere l’indissolubilità dei legami di sangue.

    1. foto
    2. scheda
  • La citta' ideale
    11 aprile 2013

    Michele Grassadonia è un fervente ecologista. Molto tempo fa ha lasciato Palermo per trasferirsi a Siena, che lui considera, tra tutte, la città ideale. Da quasi un anno sta portando avanti un esperimento nel suo appartamento: riuscire a vivere in piena autosufficienza, senza dover ricorrere all’acqua corrente o all’energia elettrica. In una notte di pioggia, Michele rimane coinvolto in una serie di accadimenti dai contorni confusi e misteriosi. Da questo momento in poi, la sua esperienza felice di integrazione gioiosa nella città ideale comincerà a vacillare.

    1. scheda
  • La febbre
    01/04/2005

    Mario Bettini, geometra di provincia, è un giovane ricco di idee, entusiasta della vita. Ha in cuore un sogno: aprire un locale con i propri amici. Per quel locale sarà disposto a vivere una porzione di vita provvisoria, accettando di indossare panni diversi dai suoi. Tutto il suo entusiasmo, le sue idee, i suoi progetti, saranno vissuti di colpo dal mondo che lo circonda come una malattia contagiosa da curare con urgenza. S’imbatterà così nella comica vita della burocrazia, fatta di bassi profili, trucchi, sotterfugi, mediocrità e umiliazioni. Solo l’amore e la poesia della vita saranno in grado di trasformare il sogno del suo locale in quello di un paese libero, dove si viene valutati per le proprie capacità, dove non penare per vedersi riconosciuti i propri diritti. Nell’interesse di tutti. Un paese finalmente capace di riconoscere e rifiutare il talento della mediocrità.

    1. foto
    2. scheda
  • La felicità non costa niente

    Sergio è un brillante architetto. Ha una moglie che lo ama, un'amante giovane, amici che gli vogliono bene, un'impresa di costruzioni avviata ed una vita agiata ed invidiabile. Ma un giorno un incidente d'auto lo costringe a fermarsi a riflettere sulle contraddizioni e le ipocrisie di cui è fatta la sua esistenza. Sergio lascia all'improvviso tutto e tutti, e scivola lentamente in una vita completamente diversa e solitaria. Il bisogno di risposte interiori lo porta a vagabondare in un labirinto tra l'onirico e il reale, che si dipana tra il suo appartamento ormai semivuoto e le strade notturne di Roma. È in questo vagabondaggio che il suo percorso incrocia quello di Sara; Sergio scambierà per vero amore un sentimento intenso ma fugace che lo lascerà di nuovo solo e prigioniero della sua utopica ricerca. Unico suo compagno di strada, e ultimo legame con il passato, resterà allora Gianni, un manovale suo dipendente. Sarà proprio lui, con la sua semplicità, a guidare i passi di Sergio verso la vera meta di questo lungo viaggio: la felicità.

    1. scheda
  • La fine è il mio inizio

    Al termine della sua vita densa di avvenimenti, il grande viaggiatore, appassionato giornalista e autore di libri di successo, Tiziano Terzani, si ritira a vivere con sua moglie nell’appartata casa di famiglia in Toscana. Vede chiaro in se stesso, è preparato a chiudere il cerchio della sua vita. Convoca a sé il figlio Folco, che vive a New York. Gli vuole raccontare la storia della propria vita, l’infanzia e la giovinezza a Firenze, i tre decenni trascorsi come corrispondente dall’Asia per il Corriere della Sera e Repubblica, e infine lo sconvolgente viaggio dentro sé stesso, quando a causa del cancro si congeda dal giornalismo e si apre a esperienze spirituali in Asia. Tre anni presso un grande saggio nell’isolamento dell’Himalaya diventano per lui l’esperienza decisiva. Gli rendono possibile guardare alla morte pacatamente. Ora Tiziano vorrebbe trasmettere queste esperienze al figlio Folco. Attraverso i dialoghi tra i due nascono momenti di grande intimità e si possono sciogliere vecchie tensioni tra padre e figlio. Dopo la morte del padre, Folco sparge le sue ceneri al vento dei monti della Toscana settentrionale. E pubblicherà il libro come suo padre gli aveva chiesto: “La fine è il mio inizio”.

    1. scheda
  • La gente che sta bene
    30 gennaio 2014

    Dopo il successo di Benvenuto Presidente, Claudio Bisio torna nei panni di un vero “bastardo”. L’Avvocato Umberto Borlone è uno che ce l’ha fatta e ormai non guarda più in faccia nessuno. Per lui crisi, tasse e precarietà sono solo un altro titolo di giornale. Quello che conta sono i ricevimenti, le interviste, il successo ad ogni costo. Ad un passo dal trionfo, però, quel mondo così perfetto inizia sgretolarsi e a mostrare tutti i suoi risvolti oscuri. Ma l’avvocato Borlone non cederà tanto facilmente la sua fetta di paradiso e in una lotta sempre più frenetica per riconquistare il suo posto sulla vetta, si troverà a colpire e a essere colpito, a tradire e a essere tradito in un percorso imprevedibile sull’orlo del precipizio che, in una spirale davvero tragicomica, tra battute fuori luogo e donne fatali, squali e insidie, inganni e batoste, lo porterà alla scoperta di un nuovo se stesso.

    1. trailer
    2. scheda
  • La giusta distanza
    20 ottobre 2007

    In un piccolo paese del Nord-Est, alle foci del Po, ha luogo la controversa relazione tra Hassan, un meccanico tunisino, onesto lavoratore stimato e rispettato dai suoi compaesani, e Mara, una giovane supplente che ha accettato l’incarico di insegnante a tempo determinato mentre è in attesa di partire per un progetto di cooperazione in Brasile.
    Testimone degli avvenimenti che vedono protagonisti i due amanti è Giovanni, un giovane aspirante giornalista, amico di Hassan, costretto a fare i conti con i suoi sentimenti di amicizia e con il dovere di cronaca.

    1. scheda
  • La kriptonite nella borsa

    Ogni famiglia ha i suoi segreti, ma alcuni fanno più ridere di altri. Napoli, 1973. Peppino Sansone (Luigi Catani) ha 9 anni, una famiglia affollata e piuttosto scombinata e un cugino più grande, Gennaro, che si crede Superman. Le giornate di Peppino si dividono tra il mondo folle e colorato dei due giovani zii Titina (Cristiana Capotondi) e Salvatore (Libero De Rienzo), fatto di balli di piazza, feste negli scantinati e collettivi femminili, e la sua casa dove la mamma (Valeria Golino) si è chiusa in un silenzio incomprensibile e il padre (Luca Zingaretti) cerca di distrarlo regalandogli pulcini da trattare come animali da compagnia. Quando però Gennaro muore, la fantasia di Peppino riscrive la realtà e lo riporta in vita, come se il cugino fosse effettivamente il supereroe che diceva di essere. È grazie a questo amico immaginario, a questo Superman napoletano dai poteri traballanti, che Peppino riesce ad affrontare le vicissitudini della sua famiglia e ad accostarsi al mondo degli adulti.

    1. scheda
  • La mafia uccide solo d'estate

    Crescere e amare nella Palermo della mafia. Un racconto lungo vent'anni attraverso gli occhi di un bambino, Arturo, che diventa grande in una città affascinante e terribile, ma dove c'è ancora spazio per la passione e il sorriso. "La mafia uccide solo d'estate" è, infatti, una storia d'amore che racconta i tentativi di Arturo di conquistare il cuore della sua amata Flora, una compagna di banco di cui si è invaghito alle elementari e che vede come una principessa. Sullo sfondo di questa tenera e divertente storia, scorrono e si susseguono gli episodi di cronaca accaduti in Sicilia tra gli anni '70 e '90. Un modo nuovo di raccontare la mafia. Un film che dissacra i boss e restituisce l'umanità dei grandi eroi dell'antimafia. Un sorriso ironico e mai banale sugli anni terribili degli omicidi eccellenti.

    1. trailer
    2. scheda
  • La masseria delle allodole

    É la saga dei due fratelli Avakian che, facendo scelte di vita differenti, preparano due destini tragicamente opposti di vita e di morte, per i loro figli.
    Il fratello maggiore, Assadour, lascia l’Armenia da ragazzo per andare a studiare medicina a Venezia. Diventa un medico di successo a Padova, si sposa con una nobildonna e ha due figli.
    Il fratello più tranquillo, Aram, legato alle tradizioni familiari, nella sua farmacia nel villaggio natale in Anatolia, fa conoscere le novità occidentali, ma la sua numerosa famiglia incarna i valori e la cultura del popolo armeno.

    Dopo molti anni di lontananza, nel 1915 i due fratelli combinano una rimpatriata: Assadour con la famiglia si prepara a tornare in Anatolia con due automobili, carico di doni e di nostalgia. Aram arreda con eleganza la “masseria delle allodole”, la villa in campagna, preparando per tutti loro un’accoglienza memorabile.
    Ma l’incontro con questi familiari italiani non avverrà mai. Si scoprirà più tardi, infatti, che sono stati coinvolti nell’orrendo genocidio perpetrato sugli armeni dai turchi, alleati dei tedeschi, nel corso della Prima Guerra Mondiale.

    1. scheda
  • La meglio gioventù
    20 giugno 2003

    Le vicende di una famiglia italiana dagli albori degli anni Sessanta fino ai giorni nostri. Al centro della storia due fratelli, Nicola e Matteo, che vivono inseparabilmente gli anni della adolescenza fino a quando l’apparire nella loro esistenza di una ragazza con gravi problemi psichici cambierà le cose…

    Operazione-fiume “nostalgia” tentata per la nostra tv dagli sceneggiatori Stefano Rulli e Sandro Petraglia, un po’ come per il nostro cinema furono “Una vita difficile” di Dino Risi nel ‘61, scritta da Rodolfo Sonego, e “C’eravamo tanto amati” di Ettore Scola nel ‘74, scritto da Age & Scarpelli.

    1. scheda
  • La nostra vita

    Claudio è un operaio edile di trent’anni che lavora in uno dei tanti cantieri della periferia romana. E’ sposato, ha due figli, ed è in attesa del terzo. Il rapporto con sua moglie Elena è fatto di grande complicità, vitalità, sensualità. All’improvviso, però, questa esistenza felice viene sconvolta: Elena muore e Claudio non è preparato a vivere da solo. Rimuove il dolore e sposta il suo lutto nella direzione sbagliata: pensa solo a sfidare il destino, e a dare ai figli e a se stesso quello che non hanno avuto finora: il benessere, i soldi, i capricci, le vacanze, in una parola le “cose”. Per risarcire la sua famiglia, si caccia in un affare più grosso di lui e quando capisce che da solo non può farcela, si vede costretto a rivolgersi agli unici di cui si fida: la sorella troppo materna, il fratello timido e imbranato, il pusher vicino di casa.

    1. foto
    2. scheda
  • La passione
    24 settembre 2010

    Gianni Dubois, un regista emergente di 50 anni, che da molto tempo non fa un film, ha finalmente la possibilità di dirigere una giovane stella della tv ma non riesce a farsi venire in mente una storia. Si ritrova, dopo varie vicissitudini, a trascorrere una settimana in Toscana nel tentativo di mettere in piedi la rappresentazione di una Via Crucis vivente. Questo lo porterà a perdere un’occasione molto importante ma nello stesso tempo capirà se stesso e gli altri e grazie ad un ultimo colpo di scena riuscirà per una volta a combinare qualcosa di buono.

    1. foto
    2. scheda
  • La pecora nera

    «Il manicomio è un condominio di santi. So’ santi i poveri matti asini sotto le lenzuola cinesi, sudari di fabbricazione industriale, santa la suora che accanto alla lucetta sul comodino suo si illumina come un ex-voto. E il dottore è il più santo di tutti, è il capo dei santi, è Gesucristo». Così ci racconta Nicola i suoi 35 anni di «manicomio elettrico», e nella sua testa scompaginata realtà e fantasia si scontrano producendo imprevedibili illuminazioni. Nicola è nato negli anni Sessanta, «i favolosi anni Sessanta», e il mondo che lui vede dentro l’istituto non è poi così diverso da quello che sta correndo là fuori – un mondo sempre più vorace, dove l’unica cosa che sembra non potersi consumare è la paura.

    1. trailer
    2. foto
    3. scheda
  • La scoperta dell'alba
    10 gennaio 2013

    Roma, 1981: il Professor Mario Tessandori viene ucciso con sette colpi di rivoltella da due brigatisti, nel cortile dell’università e sotto gli occhi di tutti. Muore tra le braccia di Lucio Astengo, suo amico e collega. Poche settimane dopo, Lucio Astengo scompare nel nulla.
    Siamo nel 2011. Caterina e Barbara Astengo, che avevano sei e dodici anni quando è scomparso il padre, mettono in vendita la casetta al mare della famiglia, oramai abbandonata da tempo. La casa è piena di ricordi di un’infanzia interrotta dalla sparizione del papà, di una famiglia spezzata e mai più ricomposta. In un angolo, c’è un vecchio telefono ancora attaccato alla presa. È uno di quei telefoni con la rotella, che fa nostalgia solo a guardarlo: Caterina solleva la cornetta e scopre che dà segnale di libero. Il fenomeno è inspiegabile, la linea è staccata, prova a fare dei numeri ma il telefono rimane muto… poi, quasi per gioco, le viene in mente di provare a fare il numero della loro casa di città di trent’anni prima.
    Questa volta, dall’altra parte sente squillare: le risponde una voce di bambina. È lei, a dodici anni, una settimana prima della scomparsa del papà. Il destino le ha dato una seconda occasione: se non per salvare il padre, almeno per scoprire la verità.

    1. trailer
    2. scheda
  • La seconda notte di nozze

    Puglia immediato dopoguerra: Giordano Ricci è un omone dalla barba ispida che smina i campi di Torre Canne. Nessuno si oppone a questa sua attività perché a causa di “certe malinconie passate a cui i medici non hanno saputo trovare rimedio neanche con la scossa” Giordano è da tutti considerato un malato di mente – in quanto tale più sacrificabile di una persona sana. Le uniche a preoccuparsi sono le vecchie zie che gestiscono la fabbrica di confetti di famiglia. La vita di Giordano cambia all’improvviso con l’arrivo di una lettera da Bologna. La mittente è sua cognata Lilliana, vedova di suo fratello da pochi mesi, amata segretamente durante l’adolescenza. Giordano, felice, non esita ad invitarla nella grande masseria di Torre Canne suscitando le ire delle zie...

    1. scheda
  • La siciliana ribelle

    Una mattina di novembre del 1991, una ragazzina di diciassette anni con lo zainetto della scuola sulle spalle si presenta al Procuratore di Palermo per vendicare gli assassini del padre e del fratello, entrambi mafiosi. Per la prima volta una ragazzina di famiglia mafiosa si ribella apertamente all’organizzazione tradizionalmente maschilista. Da questo momento, i giorni di Rita sono contati. Come tutte le altre donne di mafia siciliane, Rita dovrebbe piegarsi alla legge del silenzio. Ma Rita non è come le altre. Rinnegata e minacciata dal paese e persino dalla madre, Rita è costretta ad esiliarsi clandestinamente a Roma. Trova nel Procuratore anti-mafia una figura paterna che la sostiene, s’innamora di un ragazzo, riscopre la voglia di vivere. Ma gli eventi precipitano e Rita ancora una volta dovrà scegliere il suo destino.

    1. trailer
    2. foto
    3. scheda
  • La stanza del figlio

    Giovanni Sermonti fa lo psicoanalista. Abita ad Ancona con la moglie Paola e due giovani figli: adora il suo lavoro e la sua famiglia. E' piuttosto scosso dalla notizia che suo figlio avrebbe rubato, insieme a un compagno di liceo, un prezioso fossile. Una domenica mattina riceve la telefonata di un paziente che sta male: cambia i suoi programmi per andarlo a trovare e rinuncia a passare la mattinata col figlio. Andrea va a fare un'immersione con gli amici e muore per un'embolia. Comincia così il lungo travaglio della famiglia, il lutto, le incomprensioni, i diversi modi di rapportarsi alla tragedia. Ma un giorno arriva una lettera della fidanzatina di Andrea...

    1. scheda
  • La stella che non c’è

    Una delegazione cinese arriva in Italia per rilevare un grande impianto da un’acciaieria in disarmo. Vincenzo Buonavolontà, manutentore specializzato nei controlli delle macchine, è convinto che l’altoforno in vendita non sia in buone condizioni e vuole ostinatamente trovare il guasto perchè non succedano, com’è già accaduto, incidenti gravi agli operai che dovranno manovrarlo. Vincenzo scopre il difetto dell’impianto quando però i cinesi sono già ripartiti con tutto il carico per il loro Paese. Non ci pensa due volte: vola a Shanghai per consegnare di persona la centralina idraulica modificata che permetterà all’altoforno di funzionare perfettamente. Ma lo aspetta una brutta sorpresa: l’azienda cinese che aveva comprato l’impianto lo ha già rivenduto ad altri, il capo della delegazione che Vincenzo aveva conosciuto in Italia è passato a nuovi incarichi e, soprattutto, nessuno sa o vuole dire dove sia finito l’altoforno... Inizia così l’odissea di Vincenzo Buonavolontà in una Cina che non somiglia affatto all’immagine che ne aveva da lontano. Accompagnato da Liu Hua, una ragazza poco più che ventenne, studentessa di italiano e guida volenterosa quanto inesperta, Vincenzo percorre in lungo e in largo il grande Paese alla ricerca del “suo” impianto. Da una città all’altra seguendo la via del Fiume Azzurro e poi su fino alla Mongolia meridionale, il viaggio si colora di scoperte, emozioni, rabbia, scontri. Ma è un percorso di conoscenza eccezionale, nel quale gioca un ruolo chiave proprio la giovane Liu Hua che, dietro il suo viso tenero, nasconde qualche segreto...

    1. scheda
  • Last minute Marocco
    13 aprile 2007

    Sergio è un bio-architetto. Dopo essersi separato dalla moglie Valeria, vive con il figlio diciassettenne Valerio che ha preferito abitare da lui per sfuggire alle ossessive premure materne.
    Valerio, invece del solito raduno estivo in montagna, decide di unirsi a tre amici che stanno per partire per il Marocco: Andrea, diviso tra le canne e la ricerca di ragazze da sedurre a tutti i costi, Giacomo, appassionato di musica marocchina gnawa e mai andato a letto con una ragazza, e Samir, simpatico marocchino, che si finge idraulico con genitori e parenti, ma che in realtà si guadagna da vivere a Roma come piccolo spacciatore di hashish.
    Valeria non tarda a scoprire che cosa è accaduto e costringe Sergio a partire per il Marocco.

    1. scheda
  • La terra degli uomini rossi - Birdwatchers

    Mato Grosso do Sul, Brasile. I fazendeiro conducono la loro esistenza ricca e annoiata. Possiedono campi di coltivazioni transgeniche che si perdono a vista d'occhio e trascorrono le serate in compagnia dei turisti venuti a guardare gli uccelli. Ai limiti delle loro proprietà, cresce il disagio degli indios che di quelle terre erano i legittimi abitanti. Costretti in riserve, senza altra prospettiva se non quella di andare a lavorare in condizioni di semi schiavitù nelle piantagioni di canna da zucchero, moltissimi giovani si suicidano. A scatenare la ribellione è proprio un suicidio. Guidati da un leader, Nádio, e da uno sciamano, un gruppo di Guarani-Kaiowá si accampa ai confini di una proprietà per reclamare la restituzione delle terre. Due mondi contrapposti si fronteggiano. Si fanno una guerra prima metaforica e poi reale. Ma non cessano mai di studiarsi. A provare la “curiosità dell'altro” sono soprattutto i giovani. Una curiosità che avvicinerà il giovane apprendista sciamano Osvaldo alla figlia di un fazendeiro…

    1. trailer
    2. foto
    3. scheda
  • La tigre e la neve

    Attilio è un poeta, e anche docente di poesia in una università per stranieri a Roma. Siamo nel 2003, La guerra in Iraq non è ancora scoppiata, anche se si comincia già a respirarla. Attilio sembra vivere in un mondo tutto suo, in una dimensione letteraria, incantato dalla voce alta e sublime dei poeti che ama di più. È un artista piuttosto conosciuto, ha da poco pubblicato una raccolta dal titolo La tigre e la neve, un libro apprezzato dagli appassionati. Le vicende del mondo sembrano solo sfiorarlo, si è innamorato di una donna che tutte le notti sogna di sposare. Si chiama Vittoria e purtroppo non vuol sapere niente di lui. Anzi si spazientisce di fronte alle allegre blandizie di quel poeta testardo e così totalmente e irragionevolmente innamorato di lei. Attilio la insegue, le fa la posta, le promette felicità eterna, si stende davanti a lei come un tappetino. Ma Vittoria, niente, non vuol saperne. Anche lei si occupa di letteratura, ma da studiosa, sta infatti scrivendo la biografia del più grande poeta iracheno il quale, dopo aver abitato a Parigi per tantissimi anni, adesso torna a Bagdad, nella sua vecchia casa, perché, nel caso in cui la guerra scoppiasse, vorrebbe trovarsi insieme ai suoi concittadini. Vittoria e Attilio lo incontrano per un momento a Roma...

    1. scheda
  • Lavagne
    01/09/2000

    Trasportando di villaggio in villaggio delle grandi lavagne sulla schiena, alcuni insegnanti attraversano i sentieri rocciosi di una remota regione iraniana del Kurdistan. Mentre sono alla ricerca di studenti, un gruppo di elicotteri passa rombando nel cielo e li spinge a mettersi al riparo. Reeboir, uno degli insegnanti, allontanatosi dal gruppo, incontra degli adolescenti che trasportano merce di contrabbando attraverso la frontiera tra Iran e Iraq. Lui cerca di fermarli, spiegando loro l'importanza di saper leggere e scrivere. Nessuno però si mostra veramente interessato: il tempo stringe e loro in quella zona rischiano la vita. Un altro insegnante, Said, prende un sentiero diverso. Arriva in un villaggio desolato dove alle sue proposte i pochi abitanti rispondono con la stessa indifferenza. Deciso a non scoraggiarsi, Said va ancora avanti e incontra un gruppo di circa cento persone, soprattutto anziani con una giovane, Halaleh, e un bambino. Stanchi, affamati e alcuni in salute precaria, i vecchi devono raggiungere la loro terra nativa dove poter morire in pace. Il padre della giovane, ora vedova, spera che la figlia si risposi prima che lui muoia. Said, che l'ha seguita a lungo, accetta di diventare il marito.

    1. scheda
  • La vita che vorrei

    Stefano è un attore affermato. Il controllo, una certa freddezza di sentimenti e di modi, sembrano caratterizzarlo profondamente. Si direbbe che finora soltanto il lavoro lo abbia davvero assorbito. Proprio ora deve cominciare un film in costume, una storia d’amore ambientata nell’Ottocento. La protagonista femminile dovrebbe essere interpretata da Chiara, una brava attrice, legata a Stefano da un rapporto di profonda amicizia. Invece il giorno del provino con il regista, al posto di Chiara, Stefano trova una sconosciuta: Laura, una ragazza di trent’anni, intensa, spontanea, disordinata, che finora non ha fatto quasi nulla nel cinema e con un passato che le rende difficile credere davvero in se stessa. Ad accrescere la diffidenza e insieme l’attrazione di Stefano, è l’immediatezza di Laura, quel suo modo di mischiare tutto, di confondere realtà e finzione, vita e rappresentazione. Tuttavia quello che Stefano e Laura non riescono a dirsi nella vita può talvolta essere detto sul piano della rappresentazione, e cioè proprio nel film in costume che stanno girando.

    1. scheda
  • Le chiavi di casa

    Gianni, un uomo giovane, un uomo come tanti, dopo anni di rifiuto, incontra per la prima volta, su un treno che va a Berlino, suo figlio Paolo, quindicenne con gravi problemi, ma generoso, allegro, esuberante. La storia di una felicità inaspettata e fragile: conoscersi e scoprirsi lontani da casa. Il loro soggiorno in Germania e poi un imprevisto viaggio in Norvegia fanno nascere tra i due un rapporto fatto di scontri, di scoperte, di misteri, di allegria.

    1. scheda
  • Le ombre rosse
    4 settembre 2009

    Un intellettuale di fama mondiale viene invitato nel centro sociale “Cambiare il mondo”, creato nei locali fatiscenti di un vecchio cinema romano. L’uomo resta profondamente colpito dal fermento e dalla vita che anima questo luogo. Da una intervista rilasciata alla “Tv di strada” nasce casualmente un’idea rivoluzionaria: da questi luoghi giovanili così vitali possono svilupparsi delle realtà socialmente e culturalmente innovative. L’idea raccoglie l’entusiasmo generale e diventa un progetto destinato a creare grande clamore mediatico. Si apre un caso internazionale. Tutti si mobilitano e vogliono cavalcare l’occasione. Ma quel fermento vitale che tanto aveva colpito l’intellettuale viene ben presto stravolto, fatto oggetto di diatribe e scontri tra le diverse anime della sinistra. Fino allo smarrimento.

    1. trailer
    2. foto
    3. scheda
  • Le parole di mio padre

    Alla morte di suo padre, Zeno conosce Giovanni Malfenti, un gallerista ricco e furbo, padre di quattro figlie. Fra il ragazzo che ha perso suo padre, dopo varie incomprensioni e parole mai dette, e il padre che non ha avuto un figlio maschio si crea un legame stretto e di complicità, giocato in parte nelle relazioni amorose tra Zeno e le varie figlie dell'uomo. La confusione dei sentimenti porterà in ultimo Zeno a risolvere il rapporto con la memoria del padre e a prendere finalmente parte all’esistenza.

    1. scheda
  • Lezione 21
    17/10/2008

    Mondrian Killroy è un professore universitario inglese, eccentrico e geniale. Non è chiara la sua disciplina. Mal tollerato dalla comunità accademica, il professor Killroy era invece adorato dagli studenti, che ancora ne ricordano le bizzarre e geniali lezioni. In particolare, ha assunto nel tempo un valore quasi mitico quella che è stata tramandata col titolo di "Lezione 21". Risaliva agli anni in cui il professore si era dedicato alle opere d'arte sopravvalutate: ed era interamente consacrata alla Nona sinfonia di Beethoven. In un'ora e mezza, il professor Mondrian Killroy vi distruggeva il capolavoro beethoveniano, con una cura particolare nello smascherare l'Inno alla Gioia. Come tutti i professori, anche Mondrian Killroy aveva un'allieva che era la sua pupilla: si chiamava Martha. Martha è l'unica persona al mondo che sa come e dove è finito Mondrian Killroy. Sa che è andato a vivere in un bowling abbandonato, in una bizzarra comunità di homeless. Lei sostiene che non si può capire nulla della Lezione 21 se non si è entrati in quel bowling.

    1. trailer
    2. foto
    3. scheda
  • Lezioni di volo
    16 marzo 2007

    Pollo e Curry hanno diciotto anni, sono stati bocciati entrambi all’esame di maturità, e stanno sempre insieme. Curry è stato adottato, da piccolissimo, dall’India. E così, per evitare ritorsioni familiari alla bocciatura, escogita il grandioso raggiro di fare leva sul senso di colpa dei genitori adottivi ed estorcere un viaggio in India coinvolgendo il suo amico, che ha una famiglia più ostica, ebrea, intagliata nei doveri.
    Ma l’India non è un posto piacevole, nemmeno segregati nel circuito turistico dei grandi alberghi.
    In quella terra magica incontreranno Chiara, una dottoressa di ‘Médecins sans Frontières’.
    L’incontro segna per loro il momento dell’iniziazione nell’età adulta. Nel vivere anche le prime emozioni d’amore, impareranno come “spiccare il volo”.

    1. scheda
  • Lista civica di provocazione

    Tre amici, Oreste, Orazio e Oronzo, tre piccoli imprenditori con un grande sogno: aprire un ristorante a Cuba con la collaborazione delle loro fidanzate. Partecipano alla gara di appalto per la ristrutturazione del palazzetto dello sport della loro città, ma vengono esclusi con vari pretesti nonostante i molteplici ed ingenui tentativi di "corruzione". Decidono un sorta di vendetta: formare una lista civica per le imminenti elezioni comunali e presentare Orazio come candidato sindaco.

    1. scheda
  • Lo spazio bianco
    18 ottobre 2009

    Maria aspetta una bambina, non è incinta più ma aspetta lo stesso. Aspetta che sua figlia nasca, o muoia. E se c’è una cosa che Maria non sa fare è aspettare. E’ per questo che i tre mesi che deve affrontare, sola, nell’attesa che sua figlia Irene esca dall’incubatrice, la colgono impreparata. Abituata a fare affidamento esclusivamente sulle proprie forze e a decidere con piena autonomia della propria vita, Maria si costringe ad un’ apnea passiva che esclude il mondo intero, si imprigiona nello spazio bianco dell’attesa. Ma questo sforzo di isolamento doloroso consuma anche l’ultimo filo di energia a disposizione: la bolla di solitudine in cui Maria si è rinchiusa è messa a dura prova e alla fine esplode. E’ necessario che Maria salvi se stessa per riuscire a salvare la bambina. Non c’è che una soluzione: consentire al mondo di irrompere nella propria esistenza e concedersi il privilegio di ritornare a vivere. E così inventarsi la forza per accompagnare Irene alla nascita.

    1. trailer
    2. foto
    3. scheda
  • Luce dei miei occhi

    Antonio è un autista di auto a noleggio gentile ed onesto. Vive per motivi di lavoro in una grande città da cui progetta continuamente di scappare e in cui si trova talmente a disagio da perdersi in fantasticherie su un eroe marziano, Morgan. Quando incontra Maria, una giovane donna alle prese con un negozio di surgelati ed una figlia da gestire, però le cose cambiano. Innamoratosi della ragazza, Antonio cerca di renderle la vita meno complicata, aiutandola in segreto ad estinguere il debito che ha contratto con Saverio, un losco figuro, per avviare la sua attività. Riuscirà Maria, presa com'è dai suoi problemi economici e familiari, ad accorgersi del suo innamorato? E soprattutto, ne ricambierà il sentimento?

    1. scheda
  • Vincent è un saldatore, che lavora in una fabbrica in città e vive a un'ora e mezza di distanza in un soffocante paesino dove l'unico diversivo possibile è parlare dei fatti degli altri. Sua madre, che è stata una ballerina e una cantante molto bella, ormai vive solo di ricordi. Vincent, stufo di tutto, un giorno va a trovare suo padre e decide di fare la stessa cosa che un giorno fece lui. Prende il treno e va a Venezia, dove un suo amico, Carlo, saldatore come lui, fa la sua stessa vita. Vincent prende un traghetto e va altrove. Dopo alcuni mesi torna al suo villaggio dove tutto è rimasto uguale e lui riprende la solita vita.

    1. scheda
  • Machan
    12/09/2008

    Sri Lanka. Manoj e Stanley cercano di tirarsi su a vicenda dopo che la loro ultima richiesta di visto è stata respinta. Il barista Manoj è affranto poiché il suo sogno di vivere e lavorare nel magnifico Occidente continua ad essergli negato, mentre l’amico di una vita Stanley, venditore ambulante di frutta a Colombo, non ce la fa più a tirare avanti, oberato da pesantissimi debiti, due zie pazze e un fratello minore che sta imboccando la strada del crimine. I due scoprono per caso un bando di gara per partecipare ad un torneo di palla a mano in Baviera, che ai loro occhi appare come un dono del Cielo. E anche se nessuno di loro ha la più pallida idea di cosa sia la palla a mano, inviano in fretta e furia una scheda di ammissione fasulla e ben presto un variegato mix di amici e colleghi, creditori e poliziotti, vanno ad allargare le fila dell’improbabile Nazionale di Palla a Mano dello Sri Lanka. Il sogno di lasciarsi alle spalle la povertà e di cominciare una nuova vita prende il sopravvento mentre si dirigono tutti insieme verso l’ambasciata tedesca per ottenere il magico visto…

    1. scheda
  • Ma che ci faccio qui!

    Alessio ha 18 anni e un grande sogno: attraversare l’Europa con i suoi due amici più cari. L’estate è alle porte e lui ha studiato l’itinerario alla perfezione. Purtroppo l’uscita dei quadri riserva una bruttissima sorpresa: bocciato ! E la reazione dei suoi genitori sarà irremovibile: lui non potrà più partire. Ma la punizione è insopportabile per Alessio, che decide di fuggire con il motorino, pronto a raggiungere i suoi amici con ogni mezzo e ad ogni costo. Una serie di coincidenze lo costringerà tuttavia a fermarsi più del voluto sul litorale romano, dove lavorerà suo malgrado in uno stabilimento balneare gestito da una famiglia a dir poco sui generis. Ad attenderlo nel corso della sua estate ci saranno una serie di prove del fuoco: scapperà, tornerà, incontrerà improbabili compagni di viaggio, verrà sedotto e spezzerà cuori a sua volta. Soprattutto, imparerà presto a capire che viaggiare non è solo una questione di chilometri.

    1. scheda
  • Magnifica presenza

    Pietro ha 28 anni, arriva a Roma dalla Sicilia con un unico grande sogno: fare l’attore!
    Tra un provino e l’altro sbarca il lunario sfornando cornetti tutte le notti.
    E’ un ragazzo timido, solitario e l’unica confusionaria compagnia è quella della cugina Maria, praticante in uno studio legale dalla vita sentimentale troppo piena.
    Dividono provvisoriamente lo stesso appartamento legati da un rapporto di amore e odio in una quotidianità che fa scintille.
    Ma arriva il giorno in cui Pietro trova, finalmente, una casa tutta per sé, un appartamento d’epoca, dotato di un fascino molto particolare e Pietro non vede l’ora di cominciare la sua nuova esistenza da uomo libero.
    La felicità dura solo pochi giorni: presto cominciano ad apparire particolari inquietanti.
    E’ chiaro che qualcun altro vive insieme a lui.
    Ma chi?
    L’appartamento è occupato, ospiti non previsti disturbano la sua tanto desiderata privacy… Sono misteriosi, eccentrici, elegantissimi, perfettamente truccati.
    Si scatenano mille ipotesi e mille tentativi di sbarazzarsi di queste ingombranti presenze, finché poco a poco lo spavento iniziale lascia il posto alla curiosità, alla seduzione reciproca, ad emozioni comuni che creano un legame profondo tra i coinquilini forzati.
    Con loro Pietro condivide desideri e segreti, crede in loro e loro credono in lui come nessun altro fuori da quella casa…

    1. trailer
    2. scheda
  • Mai Stati Uniti
    3 gennaio 2013

    MAI STATI UNITI è la storia di Antonio (Vincenzo Salemme), un cameriere rovinato dalla passione per il gioco, Angela (Ambra Angiolini), una segretaria single divorata dall'ansia e dagli attacchi di panico, Nino (Ricky Memphis) un ex meccanico, divorziato e senza più lavoro, Carmen (Anna Foglietta) una precaria votata unicamente allo shopping e all'apparenza, Michele (Giovanni Vernia) un giovanotto ingenuo cresciuto in uno zoo.
    Tra di loro, a parte i guai, i cinque hanno ben poco in comune, anzi non si conoscono proprio. Ma vengono uniti da un notaio, e soprattutto dal destino, grazie all'eredità di un padre mai conosciuto e di cui nessuno di loro sospettava l'esistenza. Erano fratelli e non lo sapevano!
    Adesso, per incassare l'eredità, tutti insieme devono portare le ceneri del padre negli United States of America e spargerle in un lago dell'Arizona.

    In bilico tra commedia e verità, tra disavventure e confronti umani, tra feroci litigate e improvvise tenerezze, tra divertimento e sentimento, inizia così il curioso viaggio oltreoceano di questa "strana famiglia" e dei suoi componenti, che finora non sono Mai Stati Uniti...

    1. trailer
    2. scheda
  • Ma quando arrivano le ragazze?

    Gianca e Nick sono due ventenni bolognesi che si conoscono nel 1994 a Perugia durante lo stage per giovani musicisti di Umbria Jazz. Entrambi sognano una carriera: Gianca suonando il sax e cercando di corrispondere alle aspettative di un padre che ha abbandonato le sue velleità artistiche per diventare un affermato commercialista, Nick dedicandosi alla sua tromba come per una sorta di rivincita su una situazione familiare squallida ed affettivamente arida. Nasce un’amicizia fondata sul contrasto tra due mondi ma unita dalla comune passione. Il gruppo musicale che Gianca e Nick metteranno in piedi con gli squinternati fratelli Maramotti e con l’astronomo Marcello, il Joy Spring Quartet, attorno a cui ruotano le presenze femminili di innumerevoli e più o meno stabili fidanzate, servirà da rampa di lancio per il talento naturale di Nick, che rapidamente lo porterà lontano da Bologna e dagli amici.

    1. scheda
  • Maradona - La mano de Dios

    L’idolo argentino Diego Armando Maradona, nato in una borgata alla periferia di Buenos Aires, sin da bambino rivela un talento smisurato per il gioco del calcio e ben presto viene inserito tra le fila dei giocatori di importanti squadre giovanili fino alla convocazione con la nazionale Under 17 che vince il campionato mondiale.
    Dalla squadra del Boca Juniors, al Barcelona, al Napoli, alla vittoria con la nazionale Argentina, la carriera di Maradona è una sequela di trionfi sui campi di calcio che lo trasformano in un mito ma vanno di pari passo con una vita privata fatta di eccessi.

    1. scheda
  • Mare nero
    25/08/2006

    Un delitto, un fatto di cronaca come tanti. Per Luca, ispettore di polizia alle prese con il trasloco della sua compagna che ha deciso di andare a vivere insieme a lui, in principio è solo una chiamata di servizio in un momento inopportuno. Ma Luca si dedica al suo lavoro con scrupolo ed è dotato di una sensibilità che lo distingue dal cinismo disinvolto dei suoi colleghi. È anche per questo che Veronica si è legata a lui con uno slancio che le ha fatto accettare con entusiasmo - a lei, francese - l’idea di trasferirsi in Italia. Il loro è un amore ancora giovane, che forse non ha affrontato grandi prove, ma mostra già i connotati di un legame molto forte, esclusivo. Quella chiamata, però, porta Luca ad occuparsi di un caso che subito lo turba e lo coinvolge più di qualsiasi altro in passato: una ragazza di nome Valentina, bellissima e poco più che adolescente, è stata uccisa in circostanze misteriose nella sua casa di studentessa fuori sede. Per l’ispettore comincia un’indagine che travalica i confini dell’impegno professionale e si insinua fra le pieghe della sua vita privata, nelle zone d’ombra del suo rapporto con Veronica.

    1. scheda
  • Mar Nero
    30/01/2009

    Due donne vivono insieme, nella stessa casa, alla periferia di Firenze. Gemma è un’anziana da poco rimasta vedova. Angela, la badante, è una giovane rumena da pochissimo in Italia. Entrambe sole, si cercano inconsapevolmente e , giorno dopo giorno, si aprono l’una all’altra. Gemma rivede nella vicenda di Angela la sua gioventù nell’Italia del dopoguerra e rivive, attraverso la determinazione della ragazza a mettere da parte i soldi per avere un bambino, la sua vita fatta di sacrifici per far studiare il figlio Enrico. Angela e Gemma, inizialmente così diverse, si scoprono simili e si legano in un rapporto apparentemente idilliaco. Finché non irrompe, violento, un tragico imprevisto: il marito di Angela, rimasto in Romania, scompare. Le due donne partono insieme, ognuna alla ricerca della propria verità.

    1. scheda
  • Marpiccolo
    6 novembre 2009

    Paolo VI, zona sud di Taranto. Un quartiere fatto di strade rotte, di autobus che non passano, di case prefabbricate, con la sagoma minacciosa dell’ILVA con i suoi veleni da una parte e dall’altra il profilo liquido del “marpiccolo”. Un quartiere dove non c’è niente, e dove quel che c’è è abusivo o illegale. Un quartiere al limite. E anche Tiziano è un ragazzo al limite. A scuola ci va poco e male, ha alle spalle una famiglia con molti problemi, fa lavoretti per Tonio, il boss locale, e sogna soltanto d’andarsene via. Per lui il futuro sembra segnato. E quando finisce al carcere minorile, pare non esserci più nessuna speranza. Ma Tiziano non è solo: intorno a lui De Nicola, l’educatore, la Costa, la professoressa d’Italiano, Stella, la sua ragazza, Lucia, la sua sorellina, e Maria, sua madre. E persino Franco, suo padre, in apparenza lontano e ostile. Tutti hanno fiducia in lui, non si lasciano demoralizzare, perché credono che Tiziano abbia una possibilità. È questa umanità dolente, buffa e contraddittoria che salva Tiziano. Ci saranno scelte difficili, tradimenti e riappacificazioni. Dolore e amore.

    1. scheda
  • Maschi contro femmine

    Coppie in crisi, coppie da farsi. Walter, allenatore di pallavolo e neopapà ha una relazione extraconiugale con un’avvenente giocatrice della sua squadra. Nicoletta, impiegata in una multinazionale, è tradita dal marito e per questo si rifugia dal figlio Andrea che divide la casa con amici, uno dei quali “gigoleggia” con lei; tenta la chirurgia plastica prima di venire conquistata dal collega Renato, uomo di altri tempi. Diego, tombeur de femmes con improvvisi problemi di disfunzione erettile, riesce alla fine a mettersi con la severa vicina di casa, una infermiera ed ecologista in favore delle balene della Groenlandia.

    1. scheda
  • Matrimoni e altri disastri

    La quarantenne Nanà (Margherita Buy) vive a Firenze dove gestisce una piccola libreria insieme all’amica svampita Benedetta (Luciana Littizzetto). Oppressa da una famiglia ultraborghese e delusa da un grande amore finito male, Nanà vive sola con il gatto Marcel e un ospite invadente, uno squinternato filmmaker svedese accampato oramai da mesi nel suo salotto; inoltre dà ripetizioni a Leonardo, intrattabile adolescente moderno, figlio di Benedetta. Da troppo tempo single, Nanà non ha nessuna intenzione di dare una svolta alla propria esistenza. Non vuole arricchirsi affermandosi professionalmente e ha rinunciato a trovare l’uomo della sua vita, pur essendo segretamente innamorata del narcisissimo e avventuroso romanziere Bauer (Mohammad Bakri), che la sfrutta per piccole collaborazioni. Sarà in occasione del matrimonio della giovane sorella Beatrice (Francesca Inaudi), manager impiegata nell’azienda vinicola di famiglia, con il simpatico arrampicatore Alessandro (Fabio Volo), che Nanà dovrà stravolgere le proprie abitudini e distruggere ogni certezza. A partire all’organizzazione delle nozze, assurdamente affidata alla super-single Nanà allergica ai matrimoni, si dipanerà una serie irresistibile di esilaranti situazioni. Colpi di scena imprevisti e scoperte inaspettate porteranno Nanà ad aprire gli occhi sulla propria condizione e a desiderare di cambiarla.

    1. trailer
    2. foto
    3. scheda
  • Miele
    1 maggio 2013

    Irene ha trentadue anni, è una ragazza come tante, vive da sola e ha delle storie occasionali. Da tre anni ha deciso di dedicare la propria vita a persone in cerca di aiuto, assistendole e alleviandone le sofferenze anche quando arrivano a decisioni estreme: per questo il suo nome in codice è Miele. Un giorno, però, si trova a fare in conti con Grimaldi e il suo male invisibile…

    1. trailer
    2. scheda
  • Mine vaganti
    12 Marzo 2010

    "Non farti mai dire dagli altri chi devi amare, e chi devi odiare. Sbaglia per conto tuo, sempre". È il monito che l'anziana nonna rivolge al nipote Tommaso rientrato a casa da Roma deciso ad affermare le proprie scelte personali anche a costo di scontrarsi con la famiglia. Quella di Tommaso, il figlio minore dei Cantone proprietari di un pastificio in Puglia, è una famiglia numerosa e stravagante. In casa c'è molta attesa per il suo ritorno: la nonna ribelle e intrappolata nel ricordo di un amore impossibile, la mamma Stefania, amorosa ma soffocata dalle convenzioni borghesi, il padre Vincenzo deluso nelle aspettative sui figli, la zia Luciana a dir poco eccentrica, la sorella Elena che rifugge un destino da casalinga, il fratello Antonio da affiancare nella nuova gestione del pastificio di famiglia. Insieme a loro Alba, la cui strada incrocia professionalmente quella dei Cantone. Non mancano però sorprendenti rivelazioni e colpi di scena. Ed anche per questo il soggiorno di Tommaso dovrà protrarsi ben più a lungo del previsto…

    1. trailer
    2. foto
    3. scheda
  • Mio cognato

    Bari, gli anni Duemila. Toni e Vito, uomini molto diversi tra loro, sono cognati e vanno poco d’accordo. Toni è un quarantenne navigato e facilone che attorno alle sue attività di piccolo imprenditore conduce un’esistenza sempre di corsa e senza orari, mentre Vito, che ha sposato la sorella di Toni, ha qualche anno di meno, un impiego qualsiasi e una vita ordinaria. Intervenuto con la moglie Anna alla cerimonia di battesimo del figlio di Toni, Vito subisce il furto della sua automobile nuova. Compromesso il buon esito della festa, Toni si offre, indotto dalla sorella e visibilmente a malincuore, di andare a cercare l’automobile del cognato. Da parte sua, e pur di ritrovare la vettura, Vito è disposto a mettere da parte l’orgoglio e farsi aiutare dall’antipatico parente acquisito. Inizia così per i due, a bordo dell’auto di grossa cilindrata di Toni, un viaggio attraverso i più vari ambienti metropolitani, in una notte apparentemente senza fine, durante la quale Vito scopre un’altra città, governata da codici a lui sconosciuti e dei quali Toni pare avere invece assoluta padronanza. Nell’attraversare la notte gomito a gomito i due cognati imparano a diffidare di meno l’uno dell’altro, e all’alba del nuovo giorno paiono ormai camminare con lo stesso passo. Ma, nell’indifferenza della città che lentamente si risveglia, un’amara sorpresa ancora li attende.

    1. scheda
  • Mio figlio

    In un teatro, durante le prove. Nella semioscurità della sala, due donne. Una che sta per diventare madre, l’altra che madre lo è stata. Suo figlio, Luigi, è l’autore del testo. Luigi non c’è più. Una forma di distrofia lo ha portato via a poco più di trent’anni. Adesso a Mary tocca un compito preciso: continuare a farlo vivere. Attraverso le parole che l’attore recita sul palcoscenico, attraverso il suo stesso racconto. Attraverso il sorriso di una madre orgogliosa di suo figlio.

    1. scheda
  • Mi piace lavorare – Mobbing

    L’azienda in cui lavora Anna come segretaria è stata comprata da una multinazionale. Il giorno della festa aziendale Anna è l’unica fra tutti gli impiegati a non essere salutata dal nuovo direttore. Inesorabilmente il “gruppo” si scatena contro di lei. Anna viene lasciata sola al tavolo della mensa aziendale, nessuno la invita più a prendere il caffè, il suo posto di lavoro viene “inavvertitamente” occupato. I suoi tentativi di recuperare un ruolo utile vengono umiliati e viene mandata a sorvegliare il lavoro degli operai nei magazzini, secondo una logica aziendale di mettere gli uni contro gli altri. Alla fine non regge più e scoppia: esaurimento nervoso, malattia.

    1. scheda
  • Miracolo a Sant'Anna

    Quattro soldati neri americani della 92ª Divisione “Buffalo Soldiers” dell’esercito statunitense – interamente composta da militari di colore – rimangono bloccati in un piccolo paese al di là delle linee nemiche, separati dal resto dell’esercito, dopo che uno di loro ha rischiato la vita per trarre in salvo un bambino italiano. Asserragliati sulle montagne toscane con i tedeschi da un lato ed i superiori americani incapaci di gestire gli eventi dall’altro, i soldati riscoprono una dimenticata umanità tra gli abitanti del paese, insieme ad un gruppo di partigiani e grazie all’innocenza ed al coraggio del bambino italiano, il cui affetto dona loro un segnale di speranza per riuscire ad andare avanti. Mentre il dramma della II Guerra Mondiale infuria, italiani, americani e tedeschi imparano il vero significato di amicizia e coraggio, in questa storia che dimostra cosa siano in grado di fare l’amore ed il potere dello spirito.

    1. trailer
    2. foto
    3. scheda
  • Mi rifaccio vivo
    9 maggio 2013

    Chi può dire di non aver avuto un nemico nella vita? Biagio Bianchetti ne ha uno sin dai tempi della scuola, Ottone Di Valerio, il classico figlio di papà. Ottone è sempre arrivato primo in tutto, coprendo di insuccessi e ridicolo il malcapitato Biagio. Così, in seguito all’ennesima sconfitta, pensando di mettere finalmente un punto alle sue disgrazie, Bianchetti decide di farla finita. Ma una volta trapassato, scopre che per una buona azione compiuta in vita, ha diritto a un bonus: potrà tornare sulla terra per una settimana, e così dimostrare di essere un uomo migliore. Sebbene a Biagio non importi nulla di dare una svolta positiva al proprio destino, accetta, convinto che finalmente potrà distruggere la felicità del suo antagonista e per far questo sceglie di incarnarsi in Dennis Rufino, un super manager nelle cui mani Ottone ha consegnato le sorti della sua azienda. Ciò che Biagio non mette in conto è che, una volta a fianco del suo rivale, vedrà come dietro all’immagine di uomo vincente si celi invece una persona insicura, fragile e che non diversamente da lui è a un passo dalla rovina. Sarà così che Biagio inaspettatamente si ritroverà a battersi per salvare la vita dell’altro, salvando così anche la propria.

    1. trailer
    2. scheda
  • 09 maggio 2013

    Chi può dire di non aver avuto un nemico nella vita? Biagio Bianchetti ne ha uno sin dai tempi della scuola, Ottone Di Valerio, il classico figlio di papà. Ottone è sempre arrivato primo in tutto, coprendo di insuccessi e ridicolo il malcapitato Biagio. Così, in seguito all’ennesima sconfitta, pensando di mettere finalmente un punto alle sue disgrazie, Bianchetti decide di farla finita. Ma una volta trapassato, scopre che per una buona azione compiuta in vita, ha diritto a un bonus: potrà tornare sulla terra per una settimana, e così dimostrare di essere un uomo migliore. Sebbene a Biagio non importi nulla di dare una svolta positiva al proprio destino, accetta, convinto che finalmente potrà distruggere la felicità del suo antagonista e per far questo sceglie di incarnarsi in Dennis Rufino, un super manager nelle cui mani Ottone ha consegnato le sorti della sua azienda. Ciò che Biagio non mette in conto è che, una volta a fianco del suo rivale, vedrà come dietro all’immagine di uomo vincente si celi invece una persona insicura, fragile e che non diversamente da lui è a un passo dalla rovina. Sarà così che Biagio inaspettatamente si ritroverà a battersi per salvare la vita dell’altro, salvando così anche la propria.

    1. scheda
  • Missione di pace
    28 ottobre 2011

    Il Capitano Vinciguerra (Silvio Orlando) guida un manipolo di soldati in una missione nei Balcani per catturare un criminale di guerra, latitante dalla fine del conflitto nella ex Jugoslavia. Quello che il Capitano Vinciguerra non può immaginare è di dover affrontare la sua missione a fianco del suo peggior nemico: suo figlio, un agguerrito pacifista. In questa situazione di avventurosa convivenza, tra mangiatori di orsi e partite di risiko, carri armati fuori controllo, sogni di rivoluzione e Che Guevara (Filippo Timi) in crisi, padre e figlio affronteranno la loro guerra personale. Note di regia C’è una coppia male assortita che si nutre di un’ antica avversione. Sandro Vinciguerra è un autoritario ufficiale dell’esercito, mentre Giacomo (Francesco Brandi) è suo figlio, incasinato e radicalmente pacifista. Quando Giacomo arriva nel campo militare (che si trova a Grz, regione immaginaria dei Balcani) dove il padre lavora in una missione di pace, è come un virus che porta scompiglio. Distrugge tutto ciò che suo padre costruisce, ostacola la sua carriera e fa crollare la sua autorità. La confusione di Giacomo è totale: i suoi discorsi sono un guazzabuglio di suggestioni, la sua guida morale è un Che Guevara confuso e decisamente in crisi. Ma è dal suo comportamento caotico che nasce la risoluzione della missione del padre. Il criminale di guerra è ispirato a quei criminali ancora latitanti, dopo tanti anni dalla fine della guerra, nella ex Jugoslavia. Ce lo siamo immaginato ormai stanco, costretto alla macchia da una fuga senza speranza, disposto a contrattare la sua resa con il primo che ha il buon senso di parlarci. I personaggi sono senza direzione, tutti delle zucche vuote che hanno bisogno di un’autorità fuori di loro. La loro difficoltà è capire il senso delle cose che fanno, perché hanno perso i sentimenti e non sanno più dove cercarli. Giacomo finisce per trovare un gruppo di persone con le quali portare inaspettatamente a termine la sua missione. Il mondo del padre e quello del figlio si contaminano e, anche se solo per un attimo, davanti a loro si svela qualcosa di nuovo.

    1. scheda
  • 03/03/2006

    Musikanten è un programma televisivo di successo curato da Marta, bella e single, assieme al suo collega Nicola. Marta presenta al direttore di rete un nuovo programma. Si tratta di un progetto che mira a coinvolgere studiosi di varie discipline, che hanno in comune l'obiettivo di aprirsi a settori normalmente definiti non scientifici. Da qui la ricerca dei vari personaggi. L'incontro con uno di questi, uno sciamano che vive isolato in una strana casa costruita dentro una roccia, conduce Marta a sottoporsi a un esperimento di "ipnosi regressiva". L'esperimento rivela a Marta che forse, in una vita precedente, lei era il principe Lichnowsky, amico e mecenate di Beethoven. La donna, uscendo dall’ipnosi, scopre che ha avuto luogo un colpo di stato globale.

    1. scheda
  • Nati stanchi
    01/03/2002

    Salvo e Valentino sono due giovani siciliani che articolano la loro vita tra la piazza del paese, gli amici, le fidanzate e l’attività in cui concentrano il massimo impegno: partecipare a più concorsi possibili in giro per l’Italia cercando di sostenere le prove nel peggior modo possibile. Insomma il concorso visto soltanto come occasione per interrompere la routine quotidiana e per sfuggire qualche giorno alla stretta morsa delle eterne fidanzate. Il loro punto di vista è fuori da ogni logica consueta, la loro filosofia si basa su un punto di vista inattaccabile: “E’ giusto che la gente lavori, ma se andiamo tutti a lavorare al bar chi ci va? Nessuno! Questo è mettere in ginocchio l’economia della nostra regione, perché la nostra è un’economia basata sul bar!”.

    1. scheda
  • Nemmeno in un sogno

    Affascinato dalla tivù italiana, il pastore Ahmet lascia lo sperduto altopiano di una remota regione asiatica alla volta del bengodi che raccontano i nostri spot pubblicitari. Tra i suoi bagagli: una capra, un ombrello e una misteriosa valigetta appioppatagli dagli scafisti. Negli occhi ha naturalmente il miraggio di un’altra vita, anche se il suo italiano si riduce quasi tutto a slogan. Dopo l’avventuroso approdo su una spiaggia pugliese, la sua prima vera accoglienza tocca al villaggio vacanze Magic Club, dove neanche a farlo apposta la giornata è scandita da appuntamenti che ricordano quelli dei palinsesti televisivi e dove il gran finale è riservato alla convention di Milliardaire e del suo patron Umberto Virgili. Il clandestino Ahmet ci casca dentro come un topo nel formaggio e i suoi grani di pastorale saggezza conquistano la bionda Vale. Ma la valigetta scatena sulle sue tracce due malavitosi da fumetto, Zicarico ed Eraclio. E Ahmet, dopo un momento di gloria, viene rispedito a casa, a raccontare di quel lontano meraviglioso paese, proprio come in una favola.

    1. scheda
  • Nessuna qualità agli eroi

    Visto così, seduto di fronte al medico, il quarantenne Bruno Ledeux dà di sé l’idea di un uomo non più giovane e non ancora vecchio. Le labbra marcate esprimono calma e riserbo. Lo sguardo tradisce invece qualcosa di inafferrabile, inquieto: la diagnosi è chiara, non lascia alcun margine al dubbio. Bruno non potrà mai avere figli. Inchiodato ad essere solo e sempre figlio, il percorso di Bruno comincia qui. Non dice niente di quella diagnosi ad Anne, la sua amatissima moglie. Non le dice niente neppure del grosso debito che ha contratto con Giorgio Neri, un vero e proprio usuraio che si nasconde dietro il rassicurante ruolo di direttore di banca. Anne adesso è tutta la sua vita. Una vita italiana costruita lontano dal suo passato svizzero. Un passato senza affetto e senza ricordi, di una famiglia assoggettata ad un padre, famosissimo artista. Tutto sembra sopito nella sua memoria adesso. Come un fiume che scorre tranquillo, ignaro di tutte le correnti sotterranee che lo agitano nel profondo. Però le correnti a volte risalgono in superficie. Imprevedibilmente. Il responsabile in questo caso si chiama Luca. Non ha niente in comune con Bruno eppure qualcosa sembra piano piano accomunare questi due perfetti estranei. Luca nasconde molte cose di sé e sembra sapere tutto di Bruno, anche del suo segretissimo debito economico. È semplice. Il ragazzo non è che il figlio di Giorgio Neri, l’usuraio, che proprio in quei giorni, scompare misteriosamente...

    1. scheda
  • Nessuno mi può giudicare

    La trentacinquenne ALICE vive in una bella villetta di Roma nord, ha un marito, un figlio di 9 anni e tre domestici extra-comunitari. La sua caratteristica principale è la superficialità ma annovera tra le sue qualità anche l’antipatia e il classismo. La sua vita sembra un sogno dorato ma si rivelerà ben presto un incubo. Suo marito, imprenditore nel ramo dei sanitari, muore in un incidente e lei rimane sul lastrico con un debito fortissimo da saldare e con lo spauracchio che i servizi sociali le portino via il figlio.

    A questo punto Alice e suo figlio FILIPPO lasciano i quartieri alti e sono costretti ad andare a vivere in periferia, nel palazzo del cameriere AZIZ. Bel trauma! Alice deve inventarsi qualcosa per salvare la sua vita e quella del figlio e l’unico modo possibile per guadagnare molto denaro in poco tempo è fare il mestiere più antico del mondo. Si informa su internet e si fa dare una mano da una escort di professione: EVA, una trentenne bellissima apparentemente superficiale e cinica. Sarà lei a introdurre Alice nel mondo che conta. Alice avrà a che fare con artisti, politici, imprenditori, personaggi sportivi e tutta la vasta gamma di clienti tipici delle signorine d’alto bordo. Certo all’inizio è molto dura perché Alice, oltre a non essere sexy, è anche una vera imbranata e non ha proprio le caratteristiche per fare “il mestiere”, poi però la donna si tappa il naso e spinta dal bisogno si butta a capofitto nella sua missione.

    Ma la storia racconta anche i percorsi delle brave persone, quelle che lottano onestamente per la dignità, che lavorano seriamente e che mandano avanti il paese. In particolare GIULIO, gestore di un Internet Point di fronte alla nuova casa di Alice, ha la fortuna/sfortuna di incontrare Alice. I due inizialmente si evitano perché troppo diversi ma poi cominciano ad apprezzarsi e si innamorano tra le strade di una periferia che ai loro occhi diventa sempre più allegra. Giulio è uno di sani principi che odia le bugie e l’ipocrisia. E’ normale quindi che andrà in crisi quando scoprirà che Alice fa la escort e gli ha raccontato un sacco di bugie. Il film non racconta solo le storie di Alice, Eva e Giulio ma è una storia corale, raccontata da tanti personaggi più o meno bizzarri che abitano nel quartiere. Un affresco di quell’Italia a due facce, piena di solidarietà ed amicizia e allo stesso tempo strabordante di contraddizioni.

    C’è LIONELLO, portiere del palazzo, che sfoggia quel razzismo italico un pò qualunquista. E’ politicamente scorretto in tutto ciò che dice ed è il monumento al tipico italiano becero dal cuore d’oro.

    Ci sono ENZO e TIZIANA, quarantenni sposati ma senza figli che fanno del buon vicinato una ragione di vita.

    C’è AZIZ, cameriere pakistano dal cuore grande, l’unico che aiuta Alice nel momento peggiore.

    C’è BIAGIO, che lavora nell’internet point e soffre per amore perché la sua fidanzata SOFIA l’ha tradito con un giocatore di rugby… peraltro neanche titolare.

    C’è tutto un mondo di cinesi, cingalesi, indiani, magrebini, sudamericani… gli italiani di prima generazione, quelli che per fortuna ancora non possono permettersi di pagare 1.500 euro per passare una notte con una escort.

    Alice è una donna piegata dalla vita, costretta ad accettare l’inaccettabile… nel suo piccolo è eroica. Una di quelle donne che vale la pena di raccontare. Il film analizza in chiave comica la generazione del compromesso, quella che non ha scelta e deve prendere decisoni estreme per tirare a campare. Una fotografia divertente dell’Italia di oggi dove le notizie di attualità spesso superano incredibilmente ogni immaginazione.

    NESSUNO MI PUÒ GIUDICARE è una commedia sentimentale ma anche una grande storia di amicizia e di solidarietà. Per ridere e per riflettere.

    1. trailer
    2. scheda
  • Niente puo' fermarci
    13 giugno 2013

    Quattro ragazzi, un’auto rubata, un viaggio – e un sogno – unico, che li porterà a vivere un’esperienza irripetibile. Il narcolettico Mattia (Guglielmo Amendola), l'internet-dipendente Augusto (Emanuele Propizio), l'ossessivo compulsivo Leonardo (Federico Costantini) e Guglielmo (Vincenzo Alfieri), affetto da sindrome di Tourette, si incontrano a Villa Angelika, dove hanno deciso di ricoverarsi per curare i loro disturbi. Ma l’estate è lunga e si prospetta noiosa in clinica, così i quattro decidono di lasciarsi tutto alle spalle, rubare la macchina del direttore, e partire alla volta di Ibiza. Il loro viaggio on the road li porterà a vedere posti nuovi, conoscere Regina (Maria Chiara Augenti), una ragazza in fuga da una storia d’amore finita male, superare i propri limiti e scoprire nuove sensazioni. I genitori, sulle loro tracce, all’inizio molto preoccupati, si renderanno ben presto conto di quanto invece siano orgogliosi dei loro figli, unici nelle loro “stranezze”.

    1. trailer
    2. scheda
  • Nina
    18 aprile 2013

    Il film racconta la storia di una ragazza alla soglia dei trent'anni, di nome Nina, con una grande passione per la Cina, la dote del canto e un amore appena appena sbocciato. E' estate e Nina rimane in una Roma completamente deserta a custodire il cane, il criceto e l'acquario di un amico. Incontra per caso Ettore, un bambino un po' misterioso, che ha le chiavi di tutti gli appartamenti del palazzo ma che non si sa bene da dove viene. I due si legano moltissimo ed Ettore, che è un bambino molto saggio e intuitivo, aiuterà Nina a prendere la decisione della sua vita: partire o no per la Cina, il suo grande sogno.

    1. scheda
  • Nine
    22/01/2010

    NINE è un musical che racconta la vita del famoso regista Guido Contini alle prese con uno dei momenti più drammatici della sua ispirazione creativa. A complicare ulteriormente la situazione le numerose e bellissime donne che gli gravitano attorno: la moglie, il premio Oscar Marion Cotillard, l'amante, il premio Oscar Penelope Cruz, la sua musa creativa, il premio Oscar Nicole Kidman, la confidente e collaboratrice, il Premio Oscar Judi Dench, un'avvenente giornalista di moda, Kate Hudson, e la madre, il premio Oscar Sophia Loren.

    1. foto
    2. scheda
  • Noi 4
    20 marzo 2014

    Il 13 giugno è una giornata qualsiasi, ma anche una giornata diversa da tutte le altre. Oggi Giacomo, il figlio più piccolo di Ettore e Lara, ha gli orali degli esami di terza media. Se fosse un’altra famiglia, questa sarebbe l’occasione per stare tutti insieme a incoraggiare e sostenere il ragazzino. Non è però il caso dei nostri quattro, perché il padre e la madre di Giacomo e la sorella ventenne Emma, insieme non riescono proprio a stare. Perciò questa giornata funziona su di loro come un reagente chimico, che li manda in subbuglio. Si incontrano (e si scontrano) più volte fra loro. Eppure non possono fare a meno di cercarsi…

    1. trailer
    2. scheda
  • Noi credevamo
    12 novembre 2010

    Davanti alle teste mozzate dei leggendari banditi Capozzoli, promotori di una rivolta repressa nel sangue dall'esercito borbonico, Domenico, Salvatore e Angelo, poco più che adolescenti, giurano di consacrare la propria vita alla causa della libertà e dell'indipendenza dell’Italia. Qualche anno più tardi, abbandonato il Cilento, i tre giovani amici si affiliano alla Giovine Italia di Giuseppe Mazzini, raggiungono Parigi, dove hanno modo di conoscere l'affascinante principessa Cristina di Belgiojoso, fervente patriota, ma anche paladina dei diritti delle donne e dell'istruzione del popolo, e infine partecipano al tentativo di assassinare Re Carlo Alberto e ai moti savoiardi del 1834. Il fallimento di entrambe le missioni marca una profonda crisi nei tre giovani patrioti, acuendo le differenze di classe che già in partenza rendevano diversi Angelo e Domenico, di ceto nobiliare, da Salvatore, umile figlio del popolo. Liberamente ispirato a vicende storiche realmente accadute e al romanzo di Anna Banti "Noi credevamo" edito da Mondadori.

    1. scheda
  • No man’s land
    28/09/2001

    Nel 1993, durante la guerra in Bosnia, due soldati, Ciki e Nino, uno bosniaco e uno serbo, si ritrovano bloccati tra le due linee nemiche, nella terra di nessuno. Mentre Ciki e Nino cercano un modo per uscire da quella bizzarra situazione, un coraggioso sergente delle NU va ad aiutarli, malgrado gli sia stato ordinato di non intervenire. La stampa lo segue, trasformando una notizia giornalistica in un incidente internazionale. In un’atmosfera carica di tensione, rimanendo a distanza dalle diverse parti coinvolte nel conflitto e con la stampa internazionale che aspetta una decisione, Ciki e Nino cercano disperatamente di negoziare le loro vite in mezzo alla follia della guerra.

    1. scheda
  • Non pensarci

    Stefano Nardini suona da quando aveva cinque anni e passo dopo passo ecco che dal conservatorio è finito col diventare una piccola star del punk rock indipendente. Ma i tempi delle sue foto in copertina sono passati e adesso a trentasei anni si guarda intorno: suona con dei ventenni invasati, a casa non ha più né fidanzata né letto dove dormire, gli è rimasta giusto una chitarra e un’auto con le portiere che non si aprono. Insomma è venuto il momento anche per lui di cercare un riparo, tornare dalla famiglia che non vede da tempo, riflettere. Ma a casa trova tutt’altro. Il padre, reduce da un infarto, gioca a golf; la mamma segue seminari di ‘tecniche sciamaniche’; Michela, la giovane sorella, ha lasciato tutto per dedicarsi al lavoro con i delfini in un parco acquatico e poi Alberto, il fratello maggiore, che ha tutta su di sé la ‘terribile’ responsabilità della fabbrica di ciliegie sotto spirito di famiglia. Preso quasi da subito in contropiede da una serie di rivelazioni e scoperte famigliari per lui sempre più incredibili, Stefano si ritrova suo malgrado costretto ad occuparsi assurdamente e a modo suo di tutti. E alla fine è forse proprio in questo modo che, dopo tanto tempo e senza accorgersene, finisce con l’occuparsi di se stesso.

    1. trailer
    2. foto
    3. scheda
  • Notte prima degli esami

    In una colorata estate degli anni ’80 Luca e i suoi amici si preparano ad affrontare i temuti esami di maturità. Ma invece di studiare riescono a collezionare un’incredibile serie di buffe disavventure. A cominciare è proprio Luca che, travolto da insolito coraggio, rovescia su Martinelli, il professore di lettere più bastardo della storia dell’umanità, una micidiale collezione di insulti e accuse. 10 secondi dopo scopre che Martinelli sarà il nuovo membro interno agli esami! E come se non bastasse, poche ore dopo, Luca si innamora di una esuberante coetanea conosciuta ad una festa, Claudia. 10 secondi dopo scopre che è fidanzata con un ragazzo con 20 Kg di muscoli più di lui! Luca però non si perde d’animo e comincia una spasmodica ricerca dell’amata. Di lei conosce solo il nome ma ignora la cosa più importante... che è la figlia dell’odiato professor Martinelli. Nei giorni seguenti, mentre i suoi amici invece di aiutarlo, non fanno altro che procurare guai, Luca cerca inutilmente di recuperare la stima di Martinelli.

    1. scheda
  • Notturno bus
    11 maggio 2007

    Leila è una ragazza che sfrutta il suo fascino per abbordare e rapinare uomini dall’aspetto danaroso; Franz è un autista d’autobus annoiato e depresso, con il vizio del gioco ed un mare di debiti.
    Un assurdo scherzo del destino fa incrociare le loro strade, e da lì in avanti dovranno vedersela con tutti gli altri personaggi di questo brutto pasticcio: con Titti, minaccioso energumeno che dà la caccia a Franz per riscuotere i debiti di gioco; con Garofano e Diolaiuti, due improbabili agenti dei servizi segreti che danno la caccia a un documento molto compromettente; ma anche con Matera, uomo di fiducia di un certo politico che sta per fare il suo tempo.
    Sono diversi Franz e Leila, molto diversi, ma forse riusciranno lo stesso a fare fortuna insieme, da qualche parte in Sudamerica.

    1. scheda
  • Nowhere
    01/03/2002

    Siamo negli anni Ottanta in un paese latinoamericano. Il dittatore di turno ha ideato un piano sinistro per giustificare la permanenza dei militari al potere. I suoi servizi segreti sequestrano un gruppo di oppositori formato da: uno studente appassionato di boxe, un cuoco omosessuale, un professore disilluso, un operaio amante del bolero e un barbiere che preferisce il tango. Dietro l’ordine del dittatore i prigionieri vengono condotti in una vecchia stazione ferroviaria sperduta nel deserto, chiamata “Nessun Posto”, e affidati alla sorveglianza di un plotone di soldati non meno spaesati dei detenuti in quei solitari paesaggi. Ma anche lì i prigionieri riescono a salvaguardare il calore e il senso lucido dell’esistenza. Con l’aiuto di uno strano avventuriero, chiamato il Gringo, che preferisce l’intelligenza dell’ironia alla vigliaccheria del cinismo, di un uomo del deserto che è un attivo militante della resistenza e di una bella ragazza che fa della lotta clandestina una sorta di continuo omaggio a un compagno ucciso, i prigionieri progettano una fuga che si rivelerà indimenticabile tanto per gli oppressori che per coloro che conoscono il vero e inquietante spirito della libertà.

    1. scheda
  • Nuovomondo

    Sicilia. Inizi del Novecento. Una decisione cambierà la vita di una famiglia intera: lasciarsi il passato alle spalle e iniziare una vita nuova nel Nuovo Mondo. Salvatore vende tutto: la casa, la terra, gli animali, per portare i figli e la vecchia madre dove ci sarà più lavoro e più pane per tutti. Una sottile e allo stesso tempo fitta atmosfera di mistero avvolge l’intero viaggio. Dai riti prima della partenza, alle cure che Donna Fortunata, la madre di Salvatore, riserva agli abitanti del villaggio affetti da strane patologie, riconducibili ad arcane presenze e spiriti, che da sempre accompagnano la vita dei contadini siciliani. Salvatore è uno delle migliaia di emigranti italiani che mettono in gioco tutto. Non è un eroe, è un uomo semplice, non va in cerca di grandi fortune, né di gloria, ma è guidato da una lucida consapevolezza che lo spinge ad affrontare il lungo e pericoloso viaggio attraverso l’oceano, per giungere a New York agli albori del XX secolo. Un lavoro e una casa per i suoi familiari sono il suo unico obiettivo.

    1. scheda
  • Occhi di cristallo

    Un pericoloso assassino, pezzo dopo pezzo, costruisce il suo sanguinoso disegno di morte. Negli occhi delle vittime, il riflesso della sua macabra e oscura via di liberazione. L’ispettore Amaldi non ha scelta. Per fermare quell’uomo deve sconfiggere i suoi fantasmi e ripercorrere le tappe di una dolorosa scia di sangue. Una folle corsa contro e attraverso il tempo. Perché l’orrore ha sempre radici nel passato.

    1. scheda
  • Ogni maledetto Natale
    27 novembre 2014

    Massimo e Giulia si innamorano a prima vista, senza sapere quasi nulla l'uno dell'altra. Quando, dopo pochi giorni di frequentazione, Giulia invita Massimo a trascorrere il Natale a casa sua, il ragazzo inizialmente rifiuta, perché per lui quella ricorrenza è "il momento più spaventoso dell'anno". Ma la nostalgia di Giulia lo convince ad accettare l'invito della ragazza, e Massimo si ritrova a trascorrere la vigilia con i Colardo, un gruppo di boscaioli del viterbese che sembrano essere rimasti fermi all'età della pietra, quanto a grazie sociali.

    1. scheda
  • Only God Forgives
    23 maggio 2013

    Julian sta scappando dalla polizia britannica. Gestisce a Bangkok un club di Thai Boxe che fa da copertura a un centro per lo smistamento della droga. Anche se è rispettato dal mondo criminale, nel profondo del suo cuore sente che alla sua vita manca qualcosa. Incontra un poliziotto in pensione, l'Angelo della Vendetta, e scopre di dover affrontare le piaghe del suo passato.

    1. scheda
  • Operazione rosmarino

    Larsen ha tre passioni: fumare il rosmarino, Radio Misfit e le corse con la sua auto ”riveduta e abartizzata” con cui spera di vincere il suo storico avversario Nuvola. Il suggerimento “di cogliere l’attimo” dato ad Aldone, suo radioascoltatore, pescivendolo e spogliarellista, travolgerà Larsen ed il suo amico/meccanico Polifemo nel folle inseguimento di Silvia, moglie del suo capo, fuggita proprio con Aldone. Tra “focosi” compagni di viaggio, sinistri castelli, inventori eccentrici e clonazioni provvidenziali, in un susseguirsi di colpi di scena e gag esilaranti, il nostro riuscirà finalmente a portare a termine...... l’”operazione rosmarino”!

    1. scheda
  • Opopomoz
    05/12/2003

    Durante la Vigilia di Natale, tre diavoletti vengono inviati sulla Terra per scegliere un essere umano disposto ad impedire la nascita di Gesù. La scelta cade sul piccolo Rocco di Napoli che, geloso per la futura nascita del fratellino, farebbe qualsiasi cosa pur di restare figlio unico.

    1. scheda
  • Ora o mai più

    Giugno 2001. David è uno studente dell'ultimo anno di Fisica della più prestigiosa università italiana, la Normale di Pisa. Curriculum ineccepibile e media vertiginosa, David vive in una dimensione parallela fatta di pensieri sui massimi sistemi e scarsi rapporti con le cose quotidiane. Il giorno del suo ultimo esame, David incrocia nei corridoi dell'università Viola, una ragazza che gli lascia un volantino e si allontana. Senza pensarci la segue e si ritrova catapultato dentro un'assemblea del collettivo studentesco. Da quel momento, per la prima volta nella vita, per David comincia la stagione delle domande e delle scelte: che fare? Andarsene dall'assemblea o rischiare di non dare l'esame? E più avanti ancora, rinunciare a Viola o tradire Luca, che sta con lei ed è diventato il più caro dei nuovi amici? Cos'è meglio? Farsi guidare dalla razionalità o seguire soltanto le emozioni? Passando attraverso momenti di commedia e momenti drammatici, occupazioni, sgomberi e impegno sociale, in pochi mesi David percorre un cammino alla scoperta delle passioni, e vive un'educazione sentimentale che alla fine di tutto, come se fosse uscito da una centrifuga, lo lascerà stordito, pieno di traumi, e soprattutto pieno di vita.

    1. scheda
  • Ovunque sei

    Una giovane coppia sta consumando le ultime energie di un amore che dura da anni. Hanno una bambina, una bella casa. Lui, Matteo, lavora sulle ambulanze, lei, Emma, è un chirurgo. Entrambi esercitano nello stesso ospedale. La tensione per Matteo è alta ed Elena, una giovane volontaria che fa esperienza di pronto soccorso, sembra una promessa di tregua, in una Roma notturna continuamente a rischio. Emma dal canto suo, dopo un’operazione drammatica, cede malvolentieri, tra disgusto e piacere, a Leonardo, primario cinico e affascinante. Quando la notte sta per finire Leonardo lascia l’ospedale in auto per tornare a casa, Matteo attraversa Roma in ambulanza per raggiungere l’ospedale: i due veicoli all’improvviso si scontrano, l’ambulanza vola nel Tevere. Matteo ed Elena riemergono lontano dal luogo dell’incidente, disorientati. La violenza dell’esperienza li ha ulteriormente legati. Il giovane medico naturalmente sa di dover tornare a casa, dalla moglie e dalla figlia, ma non sa lasciare Elena nemmeno per un minuto. Tuttavia Matteo dovrà andare fino in fondo alla sua passione per Elena, se vorrà capire quanto ha amato ed ama sua moglie e portare finalmente a compimento il suo destino.

    1. scheda
  • Padroni di casa

    Le cose non sono mai ciò che sembrano. E nemmeno le persone. Cosimo (Valerio Mastandrea) ed Elia (Elio Germano) sono due piastrellisti di Roma incaricati dal cantante Fausto Mieli (Gianni Morandi) di ripavimentare la terrazza di casa. Cantante di grande successo, Fausto ha scelto di ritirarsi dalle scene in seguito a una grave malattia della moglie Moira (Valeria Bruni Tedeschi) costretta su una sedia a rotelle. Nonostante le grandi manifestazioni di affetto, è evidente che tra Fausto e Moira c’è qualcosa che non va. La coppia vive ritirata dal mondo in un angolo all’apparenza paradisiaco dell’Appennino tosco-emiliano. Per sostenere la promozione turistica, Fausto ha accettato di tornare ad esibirsi in pubblico.
    Anche Elia e Cosimo non sembrano ciò che sono. Cosimo, il fratello maggiore, ha alle spalle storie difficili che l’hanno segnato in profondità. Elia, pur amando il fratello, ne subisce la presenza come un limite. La piccola comunità accoglie sin da subito i due fratelli con grande diffidenza, come due stranieri. E se Elia tenta di comportarsi in maniera estremamente professionale, Cosimo non può fare a meno di cedere al fascino del divo Fausto Mieli. Poco alla volta le diffidenze fra i due fratelli e il resto del paesino si acuiscono. Elia inizia a frequentare una ragazza del posto, scatenando la gelosia di un ragazzo che la corteggia.
    Cosimo, invece, fraintendendo un complimento di Fausto, si scontra con il suo committente. Per placare l’umiliazione che ne consegue si reca nel bar del paese e beve più del dovuto. Nel frattempo, mentre il giorno del concerto e del grande ritorno di Fausto si avvicina, il lavoro di Elia e Cosimo è ben lontano dall’essere terminato. Le tensioni fra il cantante e la moglie immobilizzata aumentano, proprio come i conflitti fra i due fratelli e il resto del paese. Quando poi Cosimo è involontariamente testimone di una cosa che non avrebbe dovuto vedere, le reazioni dei “padroni di casa” non si fanno più attendere. Le cose non sono mai ciò che sembrano. Nemmeno le persone.

    GUARDA I VIDEO:
    RCC - Padroni di casa - Anteprima - I protagonisti>>
    RCC - Padroni di casa - Anteprima - Il pubblico>>
    Padroni di casa - Clip 1>>

    Padroni di casa - Clip 2>>
    Padroni di casa - Clip 3>>

    1. trailer
    2. scheda
  • Pa-ra-da
    19/09/2008

    L’amicizia tra una banda di ragazzini tra i tre e i sedici anni e il giovane clown franco algerino Miloud, poco più che ventenne. I bambini vivono da straccioni, come randagi, dormono nel sottosuolo di Bucarest, nelle grandi condotte dove passano i tubi per il riscaldamento e sopravvivono con furtarelli, accattonaggio e prostituzione. Sono bambini fuggiti dagli orfanotrofi o dalla povertà di famiglie indifferenti o disperate, bambini che vivono ammassati nel sottosuolo, nella rete dei canali, su cartoni e materassi putridi, in ambienti sporchi e soffocanti. Miloud coltiva il folle sogno di entrare in contatto con questi ragazzi diffidenti e induriti dalla loro drammatica esperienza di scontri, violenze, lutti, pedofilia e droga. Usa il suo carisma e la sua testardaggine per penetrare il muro di sospetto con cui si difendono e per tirarli fuori dalla loro condizione e portarli a una vita dignitosa. Insegnando le attività circensi e clownesche e riportandoli alla luce del sole, dà loro la speranza in un’esistenza futura.

    1. trailer
    2. foto
    3. scheda
  • Parlami d'amore
    14/02/2008

    Sasha è un ragazzo di venticinque anni che si affaccia timidamente sul mondo. E’ cresciuto a Borgo Fiorito, una comunità di recupero per tossicodipendenti, lontano dalla vita vera. A Borgo Fiorito ha conosciuto Benedetta, una ragazzina sua coetanea, figlia di uno dei benefattori esterni, che ogni domenica andava in visita nella comunità, portandogli una ventata di quel mondo vero che a lui sembrava negato. E inevitabilmente, Sasha si è innamorato di Benedetta. Ora, diventato adulto, Sasha è uscito per la prima volta dalla comunità. Non c’è nient’altro che Benedetta nei suoi pensieri. Nicole è una donna che ha passato la quarantina. Bella, intelligente, ironica. Nicole ha sposato Lorenzo e ha fatto di tutto per dimenticare il suo passato. Ha soffocato i suoi sentimenti. Ha cancellato dalla sua visuale ogni sorpresa. Ma la vita è prepotente. Costringe Sasha e Nicole - complice uno spaventoso incidente d’auto – a uscire allo scoperto. E mentre Nicole aiuta Sasha a conquistare Benedetta, la vita comincia a scorrere fluente, prepotente. Senza regole. Senza ubbidire ai programmi e ai sogni…

    1. trailer
    2. foto
    3. scheda
  • Passione sinistra
    18 aprile 2013

    Nina è cresciuta a pane e politica. Idealista, integralista e decisamente di sinistra, crede in quello che fa ed è convinta del fatto che si possa lottare per un mondo migliore. Vive con Bernardo, giovane intellettuale e scrittore di imminente - ma non ancora conclamato – successo: uno destinato a fare la giovane promessa per tutta la vita. Niente di più diverso da Giulio, erede di una famiglia di industriali, che più arrogante e qualunquista non si può. Uno che l’idea del mondo migliore non lo sfiora neppure. Non a caso è fidanzato con Simonetta, una simpatica biondezza che ogni tanto inciampa persino sui congiuntivi. Ma Nina e Giulio casualmente si incontrano. Ed è odio a prima vista. Esattamente il tipo di uomo che lei disprezza, che ha sempre disprezzato. Esattamente il tipo di donna che lui ignora, che ha sempre ignorato. Mondi diversi, pensieri diversi, ideali (o non ideali) diversi, se non fosse che il confine fra odio e amore è molto labile e basta poco a ridisegnare la geometria sentimentale di due coppie apparentemente solide. Perché quando la passione li travolge (una passione inquietante, dice lei, una passione…sinistra!) sembra che ogni presunta certezza venga distrutta ed ogni differenza azzerata, tanto da rischiare di sconvolgere le loro esistenze. Ma è proprio vero che in amore niente regole? Nina e Giulio non lo sanno, ma di certo non si fermeranno prima di scoprirlo.

    1. trailer
    2. scheda
  • Passione- Un'avventura musicale

    L'attore e regista americano John Turturro torna dietro la macchina da presa dopo il musical “Romance & Cigarettes” (2005) per un documentario sulla musica napoletana nel quale offre una panoramica su alcuni dei più interessanti musicisti partenopei, dando voce a grandi personaggi come Peppe Barra, Lina Sastri, gli Avion Travel, Massimo Ranieri, Fiorello e molti altri.

    1. scheda
  • Passo a due

    Beni, studente dell’Accademia di danza di Tirana vive in Italia da più di un anno. Con altri quattro ballerini viene truffato da una donna che promette di farli ballare nei più importanti teatri europei. La realtà è una cantina dove vivono quasi sequestrati e lasciati liberi di uscire solo per esibirsi in squallidi spettacoli di danza di provincia. Ma Beni è un tipo combattivo. Si iscrive a un’audizione, conosce una ragazza, riesce a scappare dallo scantinato. Da subito Beni deve affrontare una montagna di difficoltà: non può partecipare allo spettacolo tv per il quale è stato scelto perché non ha il permesso di soggiorno, la ragazza di cui s’innamora non lascerà mai il fidanzato per lui, infine una donna potente che gli promette lavoro, carriera e l’agognato permesso di soggiorno lo coinvolge in una storia che rischia di mandarlo davvero fuori strada. Al momento giusto, sostenuto dalla grande passione per la danza ritrova la forza di lottare per realizzare il suo sogno: diventare un grande ballerino.

    1. scheda
  • Paz!
    22/02/2002

    Siamo a Bologna alla fine degli anni '70. In un appartamento, in Via Emilia Ponente 43, convivono senza mai incontrarsi, ma solo sfiorandosi, tre personaggi: Pentothal, Enrico Fiabeschi e Massimo Zanardi, detto Zanna. Questo è il racconto di 24 ore nella vita di questi ragazzi: dalle quattro del mattino all'alba del giorno successivo, storie di mondi paralleli che convivono nello stesso spazio, cominciando e finendo alla stessa ora. Pentothal è un meridionale ventenne, studente e fumettista, che lavora pochissimo e studia ancor meno, traumatizzato dall’abbandono della sua fidanzata. Enrico Fiabeschi, studente fuoricorso, si fa mantenere dalla fidanzata Anna, che lavora e alla quale chiede sempre soldi. Infine c’è Massimo Zanardi, studente liceale, accusato, insieme a due amici, di aver crocifisso Galileo, l’amato gatto della preside Corona.

    1. scheda
  • Pazze di me
    24 gennaio 2013

    Andrea, unico maschio in un'ingombrante famiglia tutta al femminile (sono sette: mamma, tre sorelle, nonna, badante e cane, rigorosamente femmina), ha finalmente incontrato Giulia, la donna della sua vita.
    Poiché nessuna delle precedenti fidanzate è mai sopravvissuta al deflagrante impatto con le invadenti e devastanti femmine, al povero Andrea sembra che l'unico modo per sopravvivere sia quello di mentirle e spacciarsi per orfano. Ma le sette mine vaganti sono in agguato e l'inganno cade presto. Comincia così per il malcapitato Andrea un buffo percorso ad ostacoli per salvare la sua relazione.
    Fino a quando resisterà la povera Giulia?

    1. trailer
    2. scheda
  • Per sempre
    26/09/2003

    La vita di Giovanni, affascinante penalista di grido, è costellata di successi professionali e conquiste extraconiugali. Viene però sconvolta dall’improvvisa intrusione di Sara, bella e spregiudicata professionista abituata – per gioco e per rivalsa – a conquistare uomini che le vengono presto a noia. L’amore appassionato spinge Giovanni ad abbandonare la famiglia, ma per paura di un legame stabile Sara decide di lasciarlo. L’uomo cade quindi in un grave stato di prostrazione fisica e psichica, corrispondente ad una patologia denominata “graffio dell’anima”. Ricoverato in una clinica specializzata, nonostante le attente cure di un’equipe medica in cui spicca la figura di uno psicologo, Doddoli. Giovanni perde velocemente interesse per la vita, non assimila più il cibo, e dopo una disperata fuga notturna dalla clinica, muore. Addolorato dalla sconfitta umana e professionale, Doddoli si impegna a risalire alla causa scatenante del “graffio”: rintraccia quindi Sara, la quale inizia un percorso a ritroso nella memoria, che la porta a rivivere i momenti più intensi, passati con Giovanni.

    1. scheda
  • Piano, solo
    21 settembre 2007

    Luca Flores, nato a Palermo nel 1956 ma vissuto in Mozambico per otto anni, da bambino non si stancava di ascoltare ripetutamente un vecchio disco che lui chiamava “il disco del mondo”. Si trattava delle “Quattro stagioni” di Antonio Vivaldi che lo hanno spinto a dedicarsi alla musica.
    Dopo il diploma al Conservatorio di Firenze si è dedicato al jazz ed è riuscito a imporsi sulla scena internazionale arrivando a suonare con Chet Baker e Dave Holland.
    Ma la sua vita personale era stata devastata quando da bambino aveva assistito alla morte della madre avvenuta in un incidente stradale del quale in qualche modo si sentiva colpevole.
    La sua estrema sensibilità, che riusciva ad esprimere così bene attraverso la musica, non gli ha permesso però di superare il dolore che continuava a vivere in maniera così straziante da esprimersi con la malattia mentale, quella che lo portava a compiere su di sé atti autolesionistici.
    Nel 1995, dopo l’'incisione del suo ultimo disco, Luca Flores ha scelto, non ancora quarantenne, di mettere da solo la parola fine alla sua vita.

    1. scheda
  • Private
    28/12/2004

    Docente di letteratura inglese in Palestina, Mohammed vive con la moglie e i cinque figli in una casa situata tra un villaggio palestinese e un insediamento israeliano. L'abitazione finisce per subire gli attacchi incrociati delle parti in lotta, diventando un sito altamente strategico. L'esercito israeliano decide di occuparla ma, nonostante l'invasione dei soldati israeliani, Mohammed si rifiuta categoricamente di abbandonarla. Fedele ai principi della non violenza, è convinto che si possa trovare un'intesa.

    1. scheda
  • Quale amore

    Un giovane uomo, Andrea, uccide sua moglie Antonia, famosa pianista che abdicò alla propria carriera artistica per amore. In un grande aeroporto internazionale bloccato da una tempesta di neve, Andrea, dopo aver scontato una parte della sua pena in un manicomio criminale in Svizzera, ed in viaggio verso gli Stati Uniti dove incontrerà i suoi figli per la prima volta dopo l'uxoricidio, narra ad uno sconosciuto compagno di viaggio la sua travagliata vicenda. Rampollo di una ricca e potente famiglia dell'alta finanza internazionale, e destinato a lavorare anch'egli nello stesso campo, Andrea scopre la passione e l'amore durante un concerto. Antonia, la pianista, lo folgora per la sua bellezza. Ma anche per come riesce a trascinare i sentimenti dei suoi ascoltatori con la musica. La decisione di sposarla è immediata, nonostante l’opposizione della madre. E poi vengono tre figli, le preoccupazioni per la salute non perfetta di uno di loro, il calo della passione, la routine matrimoniale. Antonia si sente troppo costretta nel ruolo di madre, vorrebbe riprendere la sua vita, fatta soprattutto di creatività, di musica. Incontra un talentoso violinista Daniel Chavarria, riprende a suonare, riprende a vivere. Ma per Andrea questo mutamento è l'avverarsi della sua più grande paura: sua moglie non gli appartiene più, forse lo tradisce. Per chi come lui ha concepito l'amore coniugale come un vincolo che non ammette defezioni, non c'è che un'unica soluzione, uccidere la moglie, per preservare la purezza del loro amore. Un omicidio che non è frutto di un raptus, ma di una lucida e aberrante necessità di certezze assolute.

    1. scheda
  • Qualunquemente
    21 gennaio 2011

    Perché Cetto La Qualunque torna in Italia dopo una lunga latitanza all'estero? E’ stata una sua scelta? O qualcuno trama nell’ombra? Con lui arrivano anche una bella ragazza di colore ed una bambina di cui non riesce a ricordare il nome: la sua nuova famiglia. Al ritorno in patria Cetto ritrova il fidato braccio destro Pino e la famiglia di origine: la moglie Carmen e il figlio Melo. I vecchi amici lo informano che le sue proprietà sono minacciate da un’ inarrestabile ondata di legalità che sta invadendo la loro cittadina. Le imminenti elezioni potrebbero avere come esito la nomina a sindaco di Giovanni De Santis, un “pericoloso” paladino dei diritti. Così, Cetto, dopo una lunga e tormentata riflessione in compagnia di simpatiche ragazze, non ha dubbi e decide di “salire in politica” per difendere la sua città. La campagna elettorale può cominciare…

    1. trailer
    2. scheda
  • Quando la notte

    Tra le montagne un uomo e una donna s'incontrano. Manfred è una guida, chiusa e sprezzante; Marina una giovane madre in vacanza col suo bambino. Una notte, succede qualcosa tra Marina e il suo piccolo: da quel momento Manfred si metterà sulle tracce di una verità inconfessabile che Marina ha nascosto a tutti, anche al marito. Nel frattempo i due, con un desiderio e una rabbia mai provati prima, scopriranno la radice di un legame potente che non possono controllare ne' vivere.

    Sceneggiatura di Cristina Comencini, Doriana Leondeff

    1. scheda
  • Quando sei nato non puoi più nasconderti

    Sandro, un ragazzo di dodici anni, appartiene a una famiglia bresciana benestante. Il padre – Bruno - è un piccolo imprenditore, la madre – Lucia - lavora anch’essa in ditta, nell’amministrazione. Durante una crociera in barca a vela nel Mediterraneo, Sandro cade in mare. Quando gli altri se ne accorgono e tornano indietro, non riescono più a trovarlo; con orrore si rendono conto che il bambino deve essere affogato. Invece è riuscito a salvarsi. Ormai giunto allo stremo delle forze, Sandro viene avvistato da un barcone di migranti clandestini. Sfidando la rabbia degli scafisti che vorrebbero tirare dritto, qualcuno si tuffa e lo tira a bordo. È Radu, un ragazzo rumeno di diciassette anni che viaggia in compagnia della sorella minore, Alina. È l’inizio per Sandro di un avventuroso viaggio di ritorno verso l’Italia. L’incontro con gli altri passeggeri – l’eterogeneo gruppo di extracomunitari, gli scafisti, i due ragazzi rumeni di cui diventa amico - offre a Sandro l’occasione di scoprire un mondo completamente diverso e di misurare la propria capacità di adattamento. Finalmente la nave riesce a raggiungere l’Italia, Sandro può riabbracciare i genitori. Ma qualcosa dentro di lui è cambiato; il viaggio lo ha messo alla prova. Misuratosi con la solitudine, la paura, le aspettative e le disillusioni, Sandro è ora oltre la “linea d’ombra” che separa l’adolescenza dal mondo degli adulti. Una volta varcata la soglia, nulla sarà più come prima.

    1. scheda
  • Questione di cuore

    I cuori di Alberto e Angelo “ingrippano” nella stessa notte. Così dice Angelo, giovane carrozziere di ex borgata, ex sottoproletario, un ex tutto diventato qualcosa che Alberto, sceneggiatore di successo, bravo e matto, rumoroso e squilibrato come un rinoceronte, non capisce. Diventano amici in sala di rianimazione stabilendo un legame istantaneo, profondo. Ma che tendono ad occultare dietro lo scherzo e la risata, come quando si è adolescenti e si vivono rapporti camerateschi. Una volta fuori dall’ospedale diventano indispensabili l’uno all’altro. Alberto, che vive un rapporto conflittuale con la sua fidanzata, s’installa nella casa di Angelo, al Pigneto. Lì trova una famiglia già formata, nel cui equilibrio non è facile inserirsi. Ma Angelo ha in mente per lui qualcosa, un bellissimo dono segno di fiducia e richiamo alla responsabilità.

    1. trailer
    2. foto
    3. scheda
  • Questione di punti di vista

    Alla vigilia della tournée estiva, il proprietario e fondatore di un piccolo circo muore improvvisamente. Nel tentativo di salvare la stagione, la compagnia decide di rivolgersi a Kate, la figlia maggiore, che, nella sorpresa generale, decide di mettere tra parentesi le proprie attività e unirsi a loro malgrado abbia abbandonato il circo da una quindicina di anni. Il caso mette sulla sua strada un italiano – Vittorio - che, incuriosito dalla personalità di Kate e attratto dalla vita del circo, decide di seguirli per qualche tempo. A poco a poco Vittorio si inserisce nella vita della compagnia, sino a valicare il confine e entrare nello spettacolo. Si sforza soprattutto di scoprire il segreto di Kate: perché un tempo abbia abbandonato il circo, e perché abbia ora accettato di tornare… Alla fine della tournée ognuno riprenderà la propria strada. Ma, quale strada?

    1. trailer
    2. foto
    3. scheda
  • Radio West

    Tre soldati italiani che con motivazioni diverse hanno deciso di indossare la divisa e poi di partire volontari per il Kosovo si trovano, nello svolgimento del loro dovere quotidiano, a confronto con la sofferenza e il dolore di una guerra fratricida di cui, da occidentali, non riescono ad afferrare il senso. In una guerra non-guerra, in una missione di Peace Keeping, devono affrontare esperienze limite e prendere decisioni che trasformano radicalmente il loro modo di essere e di agire. A causa di un imprevisto durante una missione di routine, nell'arco di un giorno e di una notte, i tre soldati si vedranno completamente coinvolti e costretti a lottare per la propria sopravvivenza, nel tentativo di aiutare una giovane donna in fuga di cui non sanno nulla.

    1. scheda
  • Razza Bastarda
    18 aprile 2013

    Roman è un pusher rumeno arrivato in Italia trent'anni fa con la madre e un panino con la maionese. Devoto alla Madonna Nera, a cui lo lega un voto, prega ogni giorno per suo figlio e per il suo futuro, che sogna radioso e lontano dalla periferia. Nicu ha pochi anni e tanta vergogna delle sue origini, che nasconde alla sua ragazza. Invadente e chiassoso, Roman (soprav)vive per Nicu, spacciando coca e affidandosi in terra alla benevolenza e alle conoscenze di un avvocato scaltro, che qualche anno prima gli aveva evitato la galera. Sulla strada si accompagna con Geco, socio in affari pugliese, che media la relazione padre e figlio. Nicu ama suo padre ma cerca confronto e riconoscimento lontano da lui e sulla terrazza di Talebano, un tossicodipendente che vanta una cultura spicciola. Affascinato dall'allure maledetto dell'amico, Nicu decide di sfidare il padre allo stesso gioco, comprando droga e rivendendola a un sedicente 'professore'. Inconsapevole e immaturo, finisce per mettersi nei guai e per compromettere gli affari del genitore, segnandone il destino. Tutto è nero e vive di estremi nella provincia di Latina, dove un padre, abbruttito dalla vita e dalle scelte fatte che lo assediano attraverso una madre disperata e recriminante, si prende cura di suo figlio. Litigioso e impetuoso, il padre di Alessandro Gassman testimonia un affetto costante, assiduo e testardo dentro un mondo opaco e materiale, frequentato da biechi avventori che minacciano ogni giorno l'equilibrio fragile del suo mondo. Un mondo che confida nella legge e nella preghiera per aprire alla sua prole le porte della cultura e del benessere. Ma affrancarsi dagli spacci dell'inferno non è facile, richiede un sacrificio e ha un prezzo altissimo per chi viene dall'Est a tentare con una manciata di polvere i figli di una nazione ospitante e respingente.

    1. scheda
  • Reality
    28 settembre 2012

    Luciano è un pescivendolo napoletano che per integrare i suoi scarsi guadagni si arrangia facendo piccole truffe insieme alla moglie Maria. Grazie a una naturale simpatia, Luciano non perde occasione per esibirsi davanti ai clienti della pescheria e ai numerosi parenti. Un giorno, spinto dai familiari, partecipa a un provino per entrare nel “Grande Fratello”. Da quel momento la sua percezione della realtà non sarà più la stessa.

    RCC - Reality - La presentazione del film>>
    "Reality" a Cannes - Guarda il video>>

    1. trailer
    2. scheda
  • Riparo
    18/01/2008

    Di ritorno da una vacanza romantica in Tunisia, Anna e Mara si rendono conto che un giovane immigrato si è infilato nella loro automobile e ne ha approfittato per superare la frontiera. Anis, attratto dall’Europa come migliaia di suoi coetanei, è in cerca di una vita migliore. Poco dopo il loro incontro casuale, aiutato dal desiderio inespresso di Anna di avere un figlio, Anis si ritrova accolto a casa delle due donne. Mara, che fa l’operaia nella fabbrica della famiglia di Anna, diffida di lui e mal sopporta la sua intrusione in casa, ma ciò nonostante i tre sembrano trovare un fragile ritmo domestico. Il mondo esterno mina la stabilità di questa famiglia per caso: Anna deve sopportare la fredda disapprovazione della madre, Mara il disprezzo del padre morente e Anis tenta di adattarsi alla sua nuova vita mentre prova a capire come sia possibile che due donne senza marito dormano nello stesso letto. La morte del padre di Mara rompe l’equilibrio precario e la dolce intraprendenza di Anis causa una catena di gelosie e sospetti che portano Anis a perdere il paradiso appena conquistato.

    1. scheda
  • Romanzo di una strage

    Milano, 12 Dicembre 1969. Alle ore 16.37 in piazza Fontana un'esplosione devasta la Banca Nazionale dell'Agricoltura, ancora piena di clienti. Muoiono diciassette persone e altre ottantotto rimangono gravemente ferite. Nello stesso momento, scoppiano a Roma altre tre bombe, un altro ordigno viene trovato inesploso a Milano.
    E' evidente che si tratta di un piano eversivo. La Questura di Milano è convinta della pista anarchica, ci vorranno molti mesi prima che la verità venga a galla rivelando una cospirazione che lega ambienti neonazisti veneti a settori deviati dei servizi segreti.

    La strage di Piazza Fontana inaugura la lunga stagione di attentati e violenze degli anni di piombo. Nel corso di 33 anni vari processi si susseguono nelle più varie sedi, concludendosi con sentenze che si smentiscono a vicenda. Alla fine tutti risulteranno assolti, la strage di piazza Fontana per la giustizia italiana non ha colpevoli.

    1. trailer
    2. scheda
  • Rosa Funzeca

    Rosa Funzeca è una prostituta da più di vent'anni, che decide di cambiare vita avendo messo sapientemente da parte un po' di soldi. Acquista una bancarella di dolci e fiori in un mercato rionale della periferia di Napoli e finalmente può andare a riprendersi suo figlio Fernando dall'istituto di preti dove è cresciuto. Lo iscrive ad una scuola serale, trovandogli anche un lavoro regolare in un cantiere. Cominciano con entusiasmo una nuova vita, ma gli affari non vanno bene ed in poco tempo Rosa è costretta a ritornare sulla strada. Il rapporto con il figlio prende una piega amara, il ragazzo non và a lavorare e non frequenta la scuola, vivendo anche lui, come la madre, la strada. Nasce e si dipana violentemente il conflitto con la madre, un rapporto d'amore e d'odio che spingerà verso un epilogo tragico a sorpresa.

    1. scheda
  • Ruggine
    2 settembre 2011

    Siamo in una città del nord Italia alla fine degli anni settanta. Durante una calda estate in un quartiere di periferia abitato da immigrati meridionali e del nord est, in una piccola babele linguistica, la banda capitanata dal siciliano Carmine passa il tempo tra giochi e scontri con altre piccole bande. Giocano a fare gli adulti per sentirsi grandi, soprattutto nel loro luogo mitico, il loro regno, il Castello, due vecchi silos arrugginiti sui quali col tempo si sono accatastati rottami e ferraglia. Quell’estate, un nuovo medico arriva nel quartiere: il dottor Boldrini (Filippo Timi), un elegante e aristocratico signore. La gente della zona, socialmente assai più modesta, prova soggezione e ammirazione per il medico. Solo Carmine e i suoi piccoli amici, Sandro, Cinzia, Betta, Andrea e Tonio, si renderanno drammaticamente conto della reale natura di quest’uomo. Quando il dottore rapirà la sorellina di Carmine, Rosalia, per “mangiarsela“, lo scontro con il Male sarà inevitabile. Tre decenni più tardi, lontano da quell’estate, tre adulti alle prese con il quotidiano delle loro vite. Sono Carmine (Valerio Mastandrea), Sandro (Stefano Accorsi) e Cinzia (Valeria Solarino). Il primo passa la sua giornata al bar a bere, a perdere tempo, ad inveire contro il mondo tutto il suo rancore. Il secondo è nel suo piccolo e disordinato appartamento insieme al figlio di 5 anni e, invece di lavorare, si lascia trascinare in un gioco infantile, la caccia al “Drago Nero”. La terza è impegnata in un consiglio di classe di scuola media, un appuntamento caratterizzato dal torpore della routine. Improvvisamente e in modi diversi, l’eco di quell’estate violenta entrerà inesorabile nelle loro vite apparentemente normalizzate.

    1. scheda
  • Sacro Gra
    26 settembre 2013

    Un nobile piemontese e sua figlia laureanda, assegnatari di un monolocale in un moderno condominio ai bordi del Raccordo, si intrattengono con forbite disquisizioni su tutto e nulla cercando di far passare il tempo e il caldo, costretti come sono negli spazi angusti della loro temporanea situazione abitativa. Un botanico, come un mago Merlino armato di pozioni chimiche e sonde sonore, cerca il rimedio per liberare le palme dall’invasione delle larve divoratrici capeggiate dal devastante Punteruolo rosso che sta minacciando la sua intera oasi adagiata ai bordi del Raccordo, quando l’ansa della più lunga autostrada urbana sembra confondersi con l’agro pontino, tra campi d’erba e greggi di pecore. Un principe moderno di mattina fa ginnastica con un sigaro in bocca sul tetto del suo castello che sorge come d’incanto ai margini di una periferia informe a un’uscita del Raccordo, trasformandolo come per magia in bed&breakfast, in sala convegni, in set per il cinema e la televisione e talvolta, nelle domeniche di festa, in teatro dove vanno in scena fiabe in costume per gli occhi increduli di grandi e piccini. Come fosse un astronauta del primo soccorso con la sua divisa fosforescente su di un’autoambulanza luminosa, un barelliere del 118 presta servizio sull’anello autostradale riscaldando infreddoliti barboni caduti in una canale di scolo, medicando giovani amanti della velocità con la macchina accartocciata lungo il guardrail, rianimando misconosciuti infartati e coccolando un’anziana donna nelle cucina della sua casa solitaria. Un anguillaro, tra gli ultimi romani di sette generazioni, vive sul fiume Tevere all’ombra di una serie di cavalcavia navigando e pescando, ora come allora, con i suoi occhi d’argento vivo dispensando ai curiosi capitati la sua antica e saggia filosofia di vita. Lontano dai luoghi canonici di Roma, il Grande Raccordo Anulare si trasforma in collettore di storie a margine di un universo in espansione.

    1. scheda
  • Sangue
    05/05/2006

    Stella è una giovane donna che crede di avere le idee molto chiare. Ha un obbiettivo e sa che lo raggiungerà: entrare nel mondo dei grandi dalla porta principale. Nelle sue tasche nasconde un segreto, il biglietto d'aereo che la porterà lontano. Lontano dal padre e dal dolore per la morte di sua madre. Stella è forte, intelligente, ambiziosa, bella, molto bella: Iuri le dice sempre che è "sconvolgente e definitiva". Iuri è suo fratello maggiore. Ha passato metà della sua vita sui libri; l'altra metà a pensare a come rendere la sua vita degna di un libro. E' intenso, generoso, completamente paranoico e ha un difficile rapporto con le autorità: professori, poliziotti, e in particolare suo padre. Iuri è completamente e dunque infelicemente innamorato di Stella.

    1. scheda
  • Sanguepazzo
    23/05/2008

    L’alba del 30 aprile 1945, cinque giorni dopo la Liberazione, vennero trovati nella periferia di Milano i cadaveri di Osvaldo Valenti e Luisa Ferida, giustiziati poche ore prima dai partigiani. Coppia celebre nella vita oltre che sullo schermo, Valenti e Ferida erano stati due divi di quel cinema dei “telefoni bianchi” che il fascismo aveva incoraggiato, incarnando quasi sempre personaggi ribaldi e negativi. Anche la loro vita privata era dominata dal disordine; entrambi cocainomani e, si diceva, sessualmente promiscui. Dopo l’armistizio dell’8 settembre 1943, quando il paese si spaccò in due e i tedeschi da alleati si trasformarono in esercito d’occupazione, Valenti e Ferida risalirono al Nord e aderirono alla Repubblica di Salò, ultima incarnazione della follia mussoliniana. Si stabilirono prima a Venezia, dove girarono fortunosamente qualche film, poi a Milano dove - arruolati in una banda di torturatori - si dettero alla borsa nera. Il Comitato di Liberazione pretese una punizione esemplare. Così calò il sipario su quei due attori un tempo celeberrimi; Valenti nel ruolo del villain, Ferida in quello della donna perduta. Chissà che alle dicerie che li rovinarono non abbiano contribuito proprio i film che ne avevano costruito la leggenda, proprio i personaggi riprovevoli tante volte incarnati sullo schermo.

    1. trailer
    2. foto
    3. scheda
  • Santa Maradona

    Andrea ha 27 anni, una laurea, alcune fidanzate, molte speranze e zero prospettive di uscire da quel pantano di giorni tutti uguali che separa la fine degli studi dall'ingresso nel dorato mondo del lavoro. Accanto a sé ha due amici del cuore: il coinquilino Bart, un chiacchierone sfaticato e attaccabrighe; e Lucia , italo-indiana dalla vita sentimentale travagliatissima. La vita di Andrea scorre placida, con le speranze che si esauriscono una ad una, fino all'incontro con la bella Dolores: un'improvvisa e appassionata storia d'amore che darà ad Andrea la voglia e le possibilità di inventarsi un futuro in cui le cose che non ci piacciono si possono cambiare.

    1. scheda
  • Scialla!
    18 novembre 2011

    Un padre ed un figlio che non si conoscono – tutti e due a loro modo borderline - sono costretti ad una convivenza forzata di alcuni mesi, durante i quali impareranno molte cose l’uno dall’altro. Bruno Beltrame (Fabrizio Bentivoglio) ha tirato i remi in barca, e da un bel po’. Del suo antico talento di scrittore è rimasto quel poco che gli basta per scrivere su commissione "i libri degli altri", le biografie di calciatori e personaggi della televisione (attualmente sta scrivendo quella di Tina (Barbora Bobulova), famosa pornostar slovacca divenuta produttrice di film hard); la sua passione per l’insegnamento ha lasciato il posto ad uno svogliato tran-tran di ripetizioni a domicilio a studenti altrettanto svogliati, fra i quali spicca il quindicenne Luca, ignorante come gli altri, ma vitale ed irriverente. Un bel giorno la madre del ragazzo si fa viva, come un fantasma dal passato, con una rivelazione che butta all’aria la vita di Bruno: Luca (Filippo Scicchitano) è suo figlio, un figlio di cui ignorava l’esistenza.. Non solo: la donna è in procinto di partire per un lavoro di sei mesi da cooperante in Africa, e il ragazzo non può e non vuole certo seguirla laggiù. La donna chiede a Bruno di ospitare a casa sua il ragazzo, e di prendersi cura di lui, ma senza rivelargli la sua vera identità. Inizia così una convivenza improbabile fra l’apatico ex-professore e l’inquieto adolescente, sei mesi durante i quali Luca si troverà a confrontarsi con una figura maschile adulta e Bruno, suo malgrado, non potrà fare a meno di prendersi cura di quel figlio segreto, che oltretutto sembra destinato ad infilarsi in un grosso guaio…

    1. trailer
    2. foto
    3. scheda
  • Scontro di civiltà per un ascensore a Piazza Vittorio

    Roma. La Piazza Vittorio del titolo è il cuore dell’Esquilino, storico quartiere romano, residenza borghese della burocrazia di fine Ottocento. Circondato dalla Roma più turistica e mondana, la sua vicinanza alla stazione centrale ne ha fatto negli anni, come in tutte le metropoli del mondo, un variegato luogo di approdo e stratificazione etnica e culturale.
    In un vecchio palazzo umbertino si snodano le vicende di un eterogeneo gruppo di inquilini, una piccola “folla multietnica” segnata da forti differenze culturali, di provenienza, di religione, di modi di intendere la vita.
    Nell’ambiente chiuso del palazzo e del condominio si consuma lo “scontro di civiltà” in cui tali differenze emergono prepotentemente nel quotidiano e diventano malintesi, piccole prevaricazioni, diffidenze.
    Le storie dei personaggi seguono i propri percorsi, incrociandosi l’un l’altra in ragione di una condivisione forzata dello spazio, del quartiere, del palazzo e del suo ascensore, puntualmente all’origine di tante dispute condominiali. Ognuno di questi personaggi esprime la sua solitudine, il suo male di vivere, offrendo uno spaccato, della sua esperienza di vita, le sue riflessioni e i suoi sentimenti.
    Chi cerca l’ispirazione per una fotografia, chi il cane improvvisamente smarrito, chi convive con le proprie rinunce, chi con la malavita locale, chi con le ruggini burocratiche a cui devono sottostare gli extracomunitari.
    Una morte improvvisa rompe il già instabile equilibrio condominiale. Tutti possono essere potenziali assassini e tutti si trovano a incolparsi l’un l’altro. Saranno loro, tutti insieme, allontanando per un momento ogni contrasto, a svelare al commissario il nome dell’assassino, al posto di quell’unico testimone che però non può parlare: l’ascensore.

    1. trailer
    2. scheda
  • Scusate se esisto!
    20 novembre 2014

    Serena Bruno proviene da un paesino abruzzese, è laureata in architettura con il massimo dei voti, ha un master e conosce molte lingue straniere. Lavora a Londra, dove il suo talento e la sua dedizione sono adeguatamente apprezzati. Ma la nostalgia di casa è tanta, e Serena decide di tornare in Italia: naturalmente a Roma non trova un impiego nemmeno lontanamente paragonabile a quello che aveva in Inghilterra, e si arrabatta facendo tre lavori ben al di sotto delle sue capacità e competenze - arredatrice presso il Paradiso della cameretta, designer di cappelle funerarie per ricchi cafoni, e cameriera in un ristorante di lusso.

    1. scheda
  • Segui le ombre

    E' il 1946. La guerra è solo un' eco lontana in un paese immerso nella costa del napoletano, dove viene mandato il brigadiere Gatta. Dovrà risolvere una serie apparentemente disarticolata di omicidi e ingiustizie. Ricostruirà una storia frammentaria e stratificata. Una catena di delitti coperti e insabbiati, di morti inspiegabili e di silenzi che corrono lungo gli anni, una cittadina che si regge sul dolore e sul rancore. Tante storie che si mescolano, tante vite e troppe morti. Il romantico senso di giustizia del brigadiere Gatta, la sua determinazione e la sua tenacia, si scontrano contro il muro di gomma dell' indifferenza.

    1. scheda
  • Semana Santa

    A Siviglia, durante i preparativi per la Settimana Santa, lo sdegnoso Quemada e lo schivo Torillo, due poliziotti locali, insieme a Maria Delgado, una detective arrivata da Madrid, devono risolvere il mistero di una serie di omicidi commessi a colpi di 'banderillas' da un misterioso killer che sembra appartenere alla confraternita dei Penitenti. All'inizio non ci sono indizi, ma poi un uomo parla a Maria di un luogo spaventoso chiamato 'La soledad'.

    1. scheda
  • Senza arte né parte

    Il Premiato Pastificio Tammaro chiude la fabbrica e tutta la squadra di operai si ritrova disoccupata. Tra questi c’è Enzo, sposato con Aurora e i loro due figli piccoli, poi Carmine e infine Bandula, immigrato indiano, dotato di sorprendente abilità manuale. La moglie del proprietario eredita una collezione d’arte contemporanea e ne affida ai tre la custodia. Spinti dalla disperazione e dalla voglia di riscatto decidono di provare a rifare alcune di quelle opere. Parte una truffa in grande stile che li porterà a vivere la più incredibile avventura della loro vita. La sceneggiatura è di Fabio Bonifacci e Giovanni Albanese

    1. scheda
  • Sette ottavi

    Torino, 1940. Massimo–vent’anni-ha la passione della musica jazz ed è un discreto pianista. Segue di nascosto i gruppi musicali che eseguono sotto falso nome i brani americani proibiti dal Regime. Dopo una feroce lite con suo padre conosce Alberto Molaien - pianista della band di Gio’ Cervi, star del jazz italiano - e inizia a studiare musica insieme a lui. Ma una notte il ragazzo viene prelevato dalle camicie nere e si ritrova con Molaien, Cervi e altri sventurati in un carcere gestito dai fascisti. Durante la prigionia, per tre lunghissimi anni,Massimo cresce come persona e come musicista, pur tentando sempre di avvicinarsi a Gio’ Cervi, sempre distaccato dagli altri nella sua creazione: compone brani che quest’ultimo nemmeno legge. E’ il 1943: il carcere viene ora controllato da un distaccamento della Wermacht. Un giorno all’alba i detenuti musicisti vengono portati insieme ad altri verso destinazione ignota. Nel viaggio di trasferimento il ragazzo sottopone al giudizio del suo idolo Cervi il brano che lui sta componendo da tre anni. Il gruppo viene portato in un piazzale dove li attende un plotone di esecuzione. Massimo consegna a Giò Cervi lo spartito del suo brano scritto con il tempo insolito di sette ottavi. Un attimo prima che la benda gli copra la vista, Cervi lo legge e riconosce il talento del ragazzo, che piange di gioia. Gli uomini cadono sotto i colpi dei fucili; uno spartito viene portato via dal vento mentre risuonano le note di un brano jazz. In sette ottavi.

    1. scheda
  • Signorinaeffe
    18/01/2008

    Ogni famiglia ha il suo cavallo dato per vincente. I Martano, una famiglia operaia di origine meridionale trapiantata a Torino, hanno Emma. Emma è impiegata alla Fiat in un settore nuovo, quello informatico. Ora sta per laurearsi in matematica ed è prossima a sposare Silvio, un dirigente dell’azienda torinese, vedovo, con una figlia. E’ il settembre 1980, la Fiat annuncia che licenzierà quindicimila operai. Ha inizio il lungo, durissimo sciopero che durerà 35 giorni. Nel clima di scontro senza quartiere tra azienda e classe operaia, Emma è sempre più attratta da un giovane militante che lavora alle presse, Sergio. E per tutta la durata dello scontro la ragazza vive un’intensa ma breve storia d’amore che toglie senso alla sua faticosissima ascesa sociale e la spinge a rompere con la famiglia, a rompere con l’uomo che vuole sposarla. In pochi giorni Emma consumerà drammaticamente l’esperienza più importante della sua vita.

    1. trailer
    2. foto
    3. scheda
  • Solo Dio perdona
    30 maggio 2013

    Membro di una potente famiglia criminale, Julian (Ryan Gosling) gestisce un club di pugilato in Thailandia, come copertura per il traffico di droga. Quando suo fratello maggiore Billy (Tom Burke) uccide brutalmente una prostituta, le autorità si rivolgono ad un poliziotto in pensione, Chang (Vithaya Pansringarm), che opera basandosi su un’ idea di giustizia molto personale. La punizione per Billy è la morte. Intanto per recuperare il corpo del figlio arriva a Bangkok Crystal (Kristin Scott Thomas), madre di Julian e Billy e capo di una potente organizzazione criminale. La donna, addolorata e furiosa, ha un unico obiettivo: progettare e consumare una spietata vendetta contro coloro che si sono macchiati del sangue di suo figlio. Chang è il primo della lista…

    1. trailer
    2. scheda
  • Something good
    7 novembre 2013

    Un piccolo villaggio nella regione dello Yunnan, in Cina Una giovane donna, Xiwen, perde il suo unico bambino, Shitou, che muore avvelenato da un alimento adulterato. Nello stesso momento, dall’altra parte del mondo, Matteo lavora per conto del gruppo Feng, una multinazionale con sede ad Hong Kong che, fra molti altri affari, traffica cibo contraffatto nel mondo. Per evitare l’arresto da parte delle autorità italiane e cinesi che gli stanno dando la caccia, Matteo fugge dall’Italia riuscendo a salvare dal sequestro un prezioso carico di alimenti adulterati del gruppo Feng. Poche settimane dopo, a Hong Kong, il fondatore e presidente dell’omonimo gruppo, Mr. Feng, nomina Matteo responsabile del traffico internazionale di alimenti: inizia una scalata al successo senza scrupoli. Hong Kong, tempo dopo Matteo è a un passo dalla nomina ad amministratore delegato del gruppo Feng dopo una lunga serie di successi. È proprio in questo momento di massimo prestigio che Matteo incontra Xiwen. Il trafficante di cibi adulterati e la donna che a causa di quel traffico ha perso un figlio, si conoscono per caso nel ristorante che lei ha aperto in memoria del bambino, per compiere una personale battaglia per l’autenticità degli alimenti. Entrambi ignorano la verità che l’altro nasconde e non immaginano che quell’incontro sconvolgerà le loro vite. Quella stessa notte, qualcuno, stanco di vivere nella sua ombra, mette in atto un piano per incastrarlo. Matteo è accusato di triplice omicidio e Xiwen è l’unica in grado di fornirgli un alibi. Convinta della sua innocenza mente per lui, mentre Matteo, colpito da quella donna, a sua insaputa salda per lei tutti i debiti del piccolo ristorante. Mentre l’uomo cerca di allontanare da sé i sospetti della polizia e di capire chi ci sia dietro il complotto, il suo rapporto con Xiwen si approfondisce. Fra i due, che dovrebbero essere destinati all’odio reciproco, divampa un amore più grande del caos che li circonda. Ma quando le rispettive verità vengono allo scoperto, entrambi si trovano a dover scegliere fra difendere il proprio passato o rischiare una strada nuova insieme...

    1. trailer
    2. scheda
  • Song'e Napule
    17 aprile 2014

    Napoli, oggi. Paco, diplomato al conservatorio, è un pianista di razza ma disoccupato. A Napoli si sente un pesce fuor d’acqua. Non riuscendo a trovare un lavoro che sia nelle sue corde, viene raccomandato al Questore Vitali. Presto, si ritrova agente della Polizia di Stato e, per la sua totale inettitudine, viene relegato a compiere servizio presso il deposito giudiziario. Un giorno si imbatte suo malgrado nel commissario Cammarota: uomo d’azione dai modi spicci, senza mezzi termini coinvolge Paco in una delicata operazione di polizia volta a rintracciare l’inafferrabile e sanguinario O’ Fantasma, un boss camorrista che nessuno ha mai visto in faccia. La missione: far leva sulle proprie competenze musicali per infiltrarsi in una nota band locale, il cui leader è Lollo Love, amatissimo cantante neomelodico. Lollo e la sua band suoneranno al matrimonio tra il figlio di O’ Fantasma e la figlia del camorrista “Mazza di Ferro”: l’occasione perfetta, e unica, per mandare il latitante dietro le sbarre. Paco, vestendo gli improbabili panni del tastierista Pino Dinamite, viene ingaggiato nel gruppo di Lollo Love. La vicinanza del cantante gli farà capire che quella è la missione della vita: Paco si troverà a riconsiderare il suo rapporto con Napoli, complice l’amore segreto per Marianna, la sorella di Lollo, e l’amicizia inaspettata che nasce con lo stesso Lollo. E, in questo modo, diventa un uomo nuovo…  

    1. scheda
  • Sorelle mai

    Il film è costituito da sei episodi di una stessa storia, girati a Bobbio in sei anni diversi tra il 1999 e il 2008 (con corsisti di “Fare Cinema” di quegli anni) e raccontano di una bambina, Elena, nella sua crescita dai 5 ai 13 anni, di sua madre Sara sorella di Giorgio e dei loro difficili rapporti. L’ultimo episodio e il film finiscono con una rappresentazione sul fiume Trebbia. Gianni Schicchi, un vecchio amico della famiglia, vestito come l’uomo in frac entra nelle acque dell’antico fiume del paese dove tutti i personaggi sono nati e hanno trascorso la loro prima giovinezza.

    1. foto
    2. scheda
  • Stai lontana da me
    14 novembre 2013

    Jacopo (Enrico Brignano) è il miglior consulente matrimoniale su piazza: dategli una coppia ormai alla deriva e lui in men che non si dica ne farà un esempio di vita coniugale! Purtroppo l'unico caso che non riesce a risolvere è proprio il suo: da sempre infatti porta una sfortuna nera a tutte le donne che si fidanzano con lui! Alcune finiscono al Pronto Soccorso, altre ci rimettono la carriera e ad un certo punto l'unico rimedio diventa la fuga. Jacopo lo sa e, proprio per evitare disastri, impara a fuggire per primo. Ma un giorno incontra Sara (Ambra Angiolini), una bella e ambiziosa architetta, della quale si innamora perdutamente. Lei lo ricambia, decisa ad amarlo e a resistere alle sventure che cominceranno a pioverle addosso, ma l'impresa non sarà facile. Riuscirà il loro amore a sopravvivere a tanta sfortuna? Stai lontana da me è una commedia divertente e imprevedibile sull'amore e la sua capacità di resistenza alla sfiga.

    1. scheda
  • Still Life
    12 dicembre 2013

    Diligente e premuroso, il solitario John May è un impiegato del Comune incaricato di trovare il parente più prossimo di coloro che sono morti da soli. Quando il suo reparto viene ridimensionato a causa della crisi economica, John dedica tutti i suoi sforzi al suo ultimo caso, che lo porterà a compiere un viaggio liberatorio e gli permetterà di iniziare ad aprirsi alla vita...

    1. trailer
    2. scheda
  • Tatanka
    6 maggio 2011

    La straordinaria avventura di Michele detto ‘Tatanka’, un ragazzo di Marcianise che, per emanciparsi affrancandosi dal destino in apparenza segnato di uomo della camorra, si butta nella boxe, in un percorso accidentato che lo condurrà dall’hinterland napoletano agli incontri clandestini di Berlino, fino agli ultimi, inaspettati allori. Liberamente ispirato a La bellezza e l’inferno, Scritti 2004-2009, di Roberto Saviano, edito da Mondadori.

    1. scheda
  • Te lo leggo negli occhi

    Tre donne, tre storie che intrecciano i loro destini tra Roma e Napoli. Margherita è madre, nonna, cantante ed è costretta ad affrontare una crisi personale e professionale scatenata da un problema alle corde vocali. La figlia, Chiara, fa la logopedista, vive a Roma e ha sempre vissuto in maniera conflittuale il rapporto con la madre. Il loro punto di incontro e di confronto è Lucia, la figlia di Chiara. Solo attraverso la nipote, Margherita riesce ad essere la madre che non è stata per Chiara.

    1. scheda
  • Terraferma
    7 settembre 2011

    Scritto da Emanuele Crialese con Vittorio Moroni, 'Terraferma' racconta la storia di un'isola siciliana, di pescatori, quasi intatta. Appena lambita dal turismo, che pure comincia a modificare comportamenti e mentalità degli isolani. E al tempo stesso investita dagli arrivi dei clandestini, e dalla regola nuova del respingimento: la negazione stessa della cultura del mare, che obbliga al soccorso. Una famiglia di pescatori con al centro un vecchio di grande autorità, una giovane donna che non vuole rinunciare a vivere una vita migliore e un ragazzo che, nella confusione, cerca la sua strada morale. Tutti messi di fronte a una decisione da prendere, che segnerà la loro vita.

    1. trailer
    2. scheda
  • The clan
    11/03/2005

    Franco e Dino, due meccanici di Roma, scapoli impenitenti e amici per la pelle, partono per Las Vegas per partecipare al raduno mondiale delle Harley-Davidson, una delle grandi passioni che li accomuna. Sperano di vincere il cospicuo premio in palio e sistemarsi per sempre. Ma il loro vero grande sogno nel cassetto è un altro: la musica. I due infatti cantano e ballano a meraviglia sulle note delle canzoni di Frank Sinatra e Dean Martin ma non hanno mai pensato che quella potesse diventare una vera professione. Arrivati negli States, i due incappano in una serie di disavventure. Tra inseguimenti in moto, notti in carcere e incontri ravvicinati con pericolose squillo americane, Dino e Franco capiscono ben presto che il loro soggiorno in America sarà più movimentato del previsto.

    1. scheda
  • The Tree of Life
    18 maggio 2011

    Dal leggendario regista Terrence Malick, autore di classici del cinema come La Rabbia Giovane, I Giorni del Cielo e La Sottile Linea Rossa, un nuovo attesissimo film, suggestivo nella visione ed emozionante nel racconto. Ambientato negli anni ’50, The Tree of Life è un affascinante romanzo di formazione che esplora le vicende di una famiglia americana, gli O’Brien (Brad Pitt e Jessica Chastain) e del loro figlio maggiore Jack (Sean Penn da adulto) dall’innocenza dell’infanzia alle disillusioni dell’età adulta raccontate attraverso lo sguardo potente, visionario e simbolico di Malick.

    1. trailer
    2. scheda
  • Ti ho cercata in tutti i necrologi

    Il personaggio principale del film è Nikita; quello che porta i morti. Una sera, trovatosi coinvolto in una partita a poker in una sperduta villa fuori Toronto il suo destino cambierà per sempre. Per poter estinguere il suo debito di gioco gli viene proposta una caccia all'uomo: 20 minuti separano lui dai creditori che, con i fucili in mano, avranno quel lasso di tempo per stanarlo ed ucciderlo, mentre Nikita avrà il tempo necessario per potersi salvare estinguendo così il suo debito. Sopravvissuto, Nikita entra in una nuova intima dimensione dove il terrore e la follia si insinueranno lentamente e misteriosamente nella sua vita, a tal punto da non desistere dal desiderio di essere 'cacciato'. L'inaspettato incontro con una bella e giovane donna complicherà la trama del film, rendendola piena di colpi di scena e di scelte che coinvolgeranno lo spettatore fino all'ultimo, non ponendo l'accento sulla parola fine.

    1. trailer
    2. scheda
  • Ti ricordi di me?
    3 aprile 2014

    Roberto e Bea si incontrano davanti al portone della terapista che li ha in cura. Lui è cleptomane e autore di surreali favole, come “La foresta dei barboni assiderati” o “ Alice nel paese dei terremotati”. Lei fa l’insegnante elementare, è narcolettica, apparentemente svagata e, in seguito a forti shock emotivi, reagisce con improvvise quanto imprevedibili perdite di memoria. Per questo porta sempre con sé un libro in cui scrive sia gli avvenimenti più importanti della sua vita sia piccole annotazioni quotidiane. Ha inizio da subito un corteggiamento tenace e buffo che finirà per farla innamorare. Tra piccoli furti e svenimenti, rincorse e amnesie, la storia d'amore dei due protagonisti offrirà loro anche la possibilità, forse, di guarire e di imparare a vivere le loro emozioni.

    1. trailer
    2. scheda
  • Ti spiace se bacio mamma?

    Sandro, avvocato, ha tre sorelle ed un padre, Renato, un uomo di circa settantacinque anni, che nonostante l’età continua ad amare ancora molto le donne. L’arrivo di Lena, la colf straniera di Sandro, sconvolge i normali equilibri familiari e suscita diverse reazioni tra i vari componenti della famiglia. Mentre le sorelle di Sandro, mosse dalla diffidenza, cercano di “smascherare” i veri propositi di Lena e tentano di mettere in guardia il fratello, Renato sembra subire sempre più il fascino della donna e ritrovare quello spirito giovanile che in fondo, nonostante viva in una casa di riposo, non ha mai perso. Sandro, più o meno consapevolmente, cerca di scoprire la “vera” Lena, aldilà delle interferenze, dei pregiudizi e dei giudizi di chi lo circonda.

    1. scheda
  • Ti sposo ma non troppo
    17 aprile 2014

    Luca è il fisioterapista (precario) di Andrea, allenatore di canoa. Quando lo psicologo Cosimo parte per Cuba e affida a Luca il suo appartamento-studio, il fisioterapista comincia a ricevere le visite di tutti i pazienti di Cosimo, e sistematicamente li allontana: tutti tranne una, la bella Andrea, che giunge allo studio per la prima volta sperando di risolvere il suo grave problema. Andrea infatti è stata abbandonata davanti all'altare dal promesso sposo, e da allora la parola matrimonio le provoca svenimenti e attacchi di panico. A completare il quartetto c'è Carlotta, la ragazza con cui Andrea (quello maschio) sta per sposarsi: ma la passione per le chat di entrambi i fidanzati metterà a rischio il rapporto.

    1. trailer
    2. scheda
  • Torneranno i prati
    6 novembre 2014

    In un avamposto d'alta quota, verso la fine della prima guerra mondiale, un gruppo di militari combatte a pochi metri di distanza dalla trincea austriaca, "così vicina che pare di udire il loro respiro". Intorno, solo neve e silenzio. Dentro, il freddo, la paura, la stanchezza, la rassegnazione. E gli ordini insensati che arrivano da qualche scrivania lontana, al caldo. Ordini telefonati che mandano i soldati a farsi impallinare come tordi.

    1. scheda
  • Tosca e altre due

    Nella portineria di Palazzo Farnese troneggia la custode Emilia, sposata con un carceriere di Castel Sant’Angelo: è una casalinga di ferro, a malapena s’avvede dell’andirivieni di Scarpia in carrozza e non si scompone mai per le urla o i traffici poco ortodossi che animano il palazzo. Nella sua portineria una notte arriva Iride, moglie del picchiatore di Scarpia ed ex attricetta. Parlano goldonianamente di pane, bambini, di vitaccia quotidiana, di moralismo dei poveri ma brutti, mentre intorno a loro incalzano, neanche tanto misteriosamente, i gemiti rudi di Cavaradossi, i moniti bramosi di Scarpia, la pietà orgogliosa di Tosca…

    1. scheda
  • Il capitano Loyola si appresta a lasciare la Sicilia e l'esercito borbonico per la Francia, quando gli viene ordinato di scortare un prigioniero da Palermo a Messina. Il Capitano in un primo momento si rifiuta ma cambia prontamente idea nel momento in cui viene a conoscenza del nome del prigioniero, Grifone che due anni prima aveva rapito la fidanzata del capitano, Angelica, proprio il giorno del suo matrimonio con Loyola.

    1. scheda
  • Tre giorni d’anarchia

    1943. Un soldato in licenza per festeggiare la sua laurea, torna nel suo paese d'origine in Sicilia, tre giorni prima dello sbarco degli americani. Sono tre giorni di anarchia totale dove la popolazione riesce a percepire per la prima volta la sensazione di essere veramente libera. Durante questi giorni molti avvenimenti sconvolgeranno la vita di Giuseppe: la morte del padre, la proposta di assumere il comando del paese e l'incontro con la donna della sua vita.

    1. scheda
  • Tre mogli
    26/10/2001

    Bianca, Beatrice e Billie sono tre donne molto diverse tra loro. Bianca è una casalinga dipendente e ossessiva, che non muove un passo senza il marito. Beatrice è una donna alto borghese, abituata ai lussi e agli agi di un matrimonio senza più amore. Billie è giovane, insolente e spudorata. Ma i loro mariti, impiegati nella stessa banca, sono scomparsi con diversi miliardi. Le tre donne decidono di partire per l'Argentina per seguire le tracce dei tre fuggitivi.

    1. scheda
  • Tris di donne & abiti nuziali

    Franco Campanella è un impiegato sulla cinquantina, padre affettuoso di Luisa e Giovanni, marito innamorato di Josephine. Franco, soprattutto, è un giocatore. Non ha particolari preferenze. Gioca a poker e ai cavalli, alla roulette e a “zecchinetta” nei luoghi più oscuri di Napoli, al lotto e alla tris… Non si pone limiti. Finora è sempre riuscito a mantenere un equilibrio, seppure precario, tra la sua vita pubblica e quella di giocatore. Alla famiglia negli anni ha creato una serie interminabile di guai e disagi, ha chiesto prestiti e rimediato figuracce, ma nulla di irreparabile. O almeno così pensa lui. Ora però si avvicina una scadenza importante: il matrimonio dell’adorata figlia Luisa con il fidanzato di lunga data, Fabrizio. Per i Campanella, e in particolare per Josephine, il matrimonio di Luisa deve essere un giorno perfetto, il giorno del loro riscatto sociale dopo le mille tribolazioni create da Franco. Anche Franco vuole contribuire comprando un bell'abito da sposa, senza badare al prezzo. Ma dove trovare i soldi, visto che il suo conto in banca si avvicina allo zero? Ha promesso a moglie e figli di smetterla con le carte e i cavalli e di comportarsi da persona matura, almeno fino alla cerimonia. Ma la risposta possibile per lui è una sola... vede soltanto una strada per mettere insieme i soldi necessari, la strada di sempre: il gioco. E' sicuro che questa volta la sorte lo aiuterà.

    1. trailer
    2. foto
    3. scheda
  • Tropical Malady

    C'è qualcosa di magico nell'aria. Keng, un giovane soldato, e Tong, un ragazzo di campagna, sono felici e il loro amore è spensierato. Nel paese dove vive la famiglia di Tong le giornate scorrono tranquille e le notti sono piene di canto e di musica. Poi la vita del villaggio viene scossa da una sparizione e una strana bestia selvaggia inizia a uccidere le mucche. Secondo le leggende locali, un essere umano può trasformarsi in un'altra creatura. Così inizia il racconto di un soldato che si inoltra da solo nel cuore della giungla, luogo dove la leggenda spesso diventa realtà.

    1. scheda
  • Tutta la conoscenza del mondo

    Il “senso della vita” narrato attraverso bizzarri personaggi, strani accadimenti, destini che s’incrociano, s’incontrano, si separano. Una studentessa innamorata del suo professore di filosofia, un uomo su una sedia a rotelle che vuole camminare di nuovo, una giovane pop star alla disperata ricerca di un Maestro Spirituale. E, sospeso su tutti, un misterioso uomo di luce, forse vero, forse no.

    1. scheda
  • Tutti al mare
    11 marzo 2011

    Ogni mattina, spingendo la sedia a rotelle della madre, Maurizio raggiunge il suo chiosco sulla spiaggia dove tanta gente viene a godersi il meritato riposo settimanale. C’è chi ci capita per caso, chi ci viene ogni anno e c’è chi giura che “questa sarà l’ultima volta”. Maurizio, il proprietario, con tutto il suo daffare deve anche accudire la madre, l’anziana arcigna e capricciosa che lo comanda a bacchetta. Fonte principale del suo guadagno è il pesce fresco, in realtà di dubbia provenienza. Al chioschetto si beve, si mangia, si fanno quattro chiacchiere con gli sconosciuti, si ammirano le belle ragazze, si sogna e ci si arrabbia. Oppure invece niente, si sta lì, in panciolle a godersi una bella giornata. Si affittano ombrelloni e sdraio, nel prezzo sono compresi anche colazione e pranzo. È un via vai di gente che si scotta al sole, uomini, donne, tipi strani. Di sera poi il chiosco si svuota e si trasforma totalmente. I bagnanti se ne vanno mentre un po’ alla volta si accendono candele, tovaglie bianche vengono stese ai tavoli, volteggiano eleganti camerieri ed il chioschetto si tramuta in un ristorante di classe, Chez Maurice…

    1. scheda
  • Tutti i santi giorni
    11 ottobre 2012

    Guido è timido, riservato, coltissimo. Antonia irrequieta, permalosa e orgogliosamente ignorante. Lui portiere di notte appassionato di lingue antiche e di santi. Lei aspirante cantante e impiegata in un autonoleggio.
    Si vedono solo la mattina presto quando Guido torna dal lavoro e la sveglia con la colazione.
    E tutti i santi giorni si amano.

    Sono i protagonisti di una divertente e romantica storia d'amore vissuta in una metropoli complicata come Roma, con dei vicini di casa rozzi, allegri e disperati e alle spalle due famiglie d'origine che non potrebbero essere più distanti.
    Un amore che sembra indistruttibile, finchè il pensiero ostinato di un figlio che non viene non mette in moto conseguenze imprevedibili.

    GUARDA I VIDEO:
    RCC - Tutti i santi giorni - I protagonisti>>
    RCC - Tutti i santi giorni - L'anteprima>>
    RCC - Tutti i santi giorni - Conferenza stampa>>
    Tutti i santi giorni - Clip 1>>
    Tutti i santi giorni - Clip 2>>
    Tutti i santi giorni - Clip 3>>

    Tutti i santi giorni - Clip 4>>
    Tutti i santi giorni - Clip 5>>
    Tutti i santi giorni - Clip 6>>
    Tutti i santi giorni - Sul set di Virzì>>

    1. trailer
    2. scheda
  • Tutto parla di te
    11 aprile 2013

    Pauline torna a Torino - sua città natale - per la prima volta dopo molti anni e riprende contatto con Angela, conosciuta all’estero tempo prima, e che ora dirige un Centro per la maternità. Qui Pauline intraprende una ricerca sulle esperienze e i problemi delle mamme di oggi, a partire da testimonianze, video, fotografie raccolti da Angela. Tra le mamme che frequentano il Centro c’è Emma, una giovane danzatrice, bella e sfuggente, in crisi profonda: non sa come affrontare le responsabilità cui la maternità la costringe, vede la sua vita a un punto fermo, si sente sola e incapace. Tra le due donne si sviluppa un rapporto di complicità che in un gioco di rispecchiamento porterà Pauline a fare i conti con il proprio tragico passato e permetterà a Emma di ritrovare un senso di sé anche nella sua nuova identità di madre.

    1. scheda
  • Tutto tutto niente niente
    13 dicembre 2012

    Perché Cetto La Qualunque, Rodolfo Favaretto e Frengo Stoppato finiscono in carcere? E, soprattutto, perché riescono a uscirne? Qual è il destino che li unisce? C'è qualcuno che trama nell'ombra? O costui preferisce farlo in piena luce?
    Tre storie, tre personaggi con un destino che li accomuna: la politica con la “p” minuscola.
    Cetto La Qualunque, il politico “disinvolto” che abbiamo imparato a conoscere, questa volta alle prese con una travolgente crisi politica e sessuale (in lui le due cose viaggiano sempre di pari passo).
    Rodolfo Favaretto, che rincorre il sogno secessionista di un nordista estremo, e che per vivere e combattere la crisi commercia in migranti clandestini.
    Frengo Stoppato, un uomo stupefacente, in tutti i sensi, che torna dal suo buen retiro incastrato da una madre ingombrante, con un sogno semplice semplice: riformare la chiesa e guadagnarsi la beatitudine.
    Un ritratto folle ma non troppo dell'Italia di questi anni, in una girandola di situazioni paradossali e travolgenti. In realtà, forse, è semplicemente: neorealismo.

    GUARDA I VIDEO:

    Intervista con Antonio Albanese e Lorenza Indovina>>

    Intervista con Lunetta Savino, Giulio Manfredonia e Piero Guerrera>>

    La conferenza stampa>>

    Clip 1>>

    1. trailer
    2. scheda
  • Ultimi della classe
    16/05/2008

    Michele, liceale un po’ imbranato e con la tendenza ad innamorarsi della ragazza sbagliata, dopo una catastrofica pagella invernale viene ritirato da scuola: prenderà lezioni private a casa e a giugno darà gli esami da privatista. L’unica consolazione di Michele è un blog su internet dove si dipinge come un eccezionale “dongiovanni”. Ma quando qualcuno lo smaschera, Internet diventa un boomerang. Michele diventa per tutto il mondo sinonimo di “ sfigato”. Sempre più umiliato, lo studente cerca di riscattarsi attraverso la sua nuova, giovane e bellissima insegnante privata di italiano e latino. Dopo aver scoperto un suo piccolo segreto, Michele le propone un patto: lui si metterà a studiare, ma quando farà progressi lei si spoglierà per lui. Imprevedibilmente la giovane insegnante per la quale la promozione di Michele è una sfida di vitale importanza, accetta. Giovane evidentemente immaturo, durante il corso della storia, Michele comincerà un percorso di maturazione. Sarà sufficiente a fargli risolvere i suoi problemi sentimentali, e a farlo promuovere?

    1. scheda
  • Un Aldo qualunque

    1978. Aldo Chimenti e la moglie Marisa si trasferiscono da un piccolo paese in provincia di Bari a Torino. Qui Marisa, donna "in carriera", si dedica anima e corpo al suo lavoro: fa il poliziotto seguendo la filosofia di Mark, protagonista di film polizieschi di successo. Aldo, fervente cattolico, si divide fra il lavoro come ragioniere capo alla Maltone e il coro rock della parrocchia, diretto dallo scatenato Don Luigi, un prete hippie. E' un banale incidente a cambiare radicalmente la vita tranquilla di Aldo. E' l'incontro con Biagio e Caimano. Biagio è un peccatore incallito, ex comunista, e nullafacente, in litigio perpetuo con la moglie Hélena. Caimano, “unico amico” di Biagio, è un uomo ingenuo, fuori dal mondo e dalla storia. Aldo diventa amico di Biagio e Caimano. I tre scoprono di avere in comune un sogno che va oltre le ideologie e la politica: “fare soldi”. Si trovano così coinvolti come indagati in una indagine sul calcio scommesse che può costare loro la libertà, ma può anche far raggiungere a Marisa la tanto sospirata promozione.

    1. scheda
  • Una sconfinata giovinezza
    8 ottobre 2010

    Lino, un esperto giornalista sportivo de Il messaggero e commentatore sportivo Rai, è sposato da molti anni con Francesca, un'insegnante universitaria di filologia romanza. Il loro è un rapporto consolidato che ha superato non poche difficoltà tra le quali il sofferto mancato arrivo di un figlio. Proprio quando sembrano aver trovato un loro equilibrio di coppia, Lino inizia ad accusare gli effetti debilitanti e degenerativi del morbo di Alzheimer. La malattia scombussola molto la relazione tra i due con Francesca che, mossa da amorevoli sentimenti, si ritrova tra mille dubbi ed angosce a dover trattare come un figlio piccolo il proprio marito pur di stargli vicino ed evitargli la sofferenza del ricovero.

    1. scheda
  • Un delitto impossibile

    Per indagare sull'assassinio di un giudice del tribunale di Sassari, Valerio Garau, morto bevendo un caffè avvelenato proprio al bar del tribunale, il procuratore capo Pani affida le indagini ad un magistrato del tribunale di Palermo, Piero, personaggio senza particolari ambizioni e dalla carriera non troppo specchiata. A causa della relazione del defunto con una collega, Lauretta, sposata con un presidente della Corte d'Appello, il protagonista si trova di fronte ad un rompicapo. Inoltre, ad infittire il giallo, si scopre che il defunto è legato al traffico di reperti archeologici, mentre la sorella, a cui il giudice assassinato era molto legato, è morta suicida.

    1. scheda
  • Un fantastico via vai
    12 dicembre 2013

    Arnaldo Naldi ha 45 anni, una bella moglie, due figlie gemelle, un lavoro sicuro in banca, una villetta nella quieta provincia italiana. Ma un equivoco spinge la moglie a cacciarlo di casa e Arnaldo, invece di dispiacersi, coglie al volo l'occasione per reinventarsi quella vita che era diventata noiosa e ripetitiva. Dopo aver risposto a un annuncio, si ritrova a condividere un appartamento con quattro studenti universitari, ognuno dei quali ha un "problemone" da risolvere: Camilla non ha detto ai genitori di essere incinta, Marco studia medicina ma non sopporta la vista del sangue, Anna ha perso i contatti con il padre ed Edoardo, mulatto, è fidanzato con una ragazza il cui padre è un razzista conclamato.

    1. trailer
    2. scheda
  • Un gioco da ragazze

    Elena, Michela, Alice, diciassette anni: belle, ricche e senza problemi. Nate e cresciute in seno all’alta borghesia di una ricca città di provincia italiana, sono le figlie delle tre famiglie maggiormente in vista. Estremamente fashion addicted, fissate con la dieta e con l’aspetto fisico, spendono le loro giornate tra shopping di lusso, ragazzi, feste in locali esclusivi e scuola. Ma tutto per loro è già vecchio e noioso: genitori, istituzioni, amici, nulla sembra avere un reale significato, e vivono ogni cosa in modo superficiale, senza pensare alle possibili conseguenze dei loro comportamenti. Elena incarna la leader del gruppo: magnetica, intelligente, sicura. Per lei l’amicizia rappresenta unicamente uno strumento di potere con cui esercitare controllo sulle altre. Ma un giorno Mario Landi, il nuovo professore, entra nella vita della ragazza, cercando di cambiare qualcosa, e inconsapevolmente ne diventa un gioco…

    1. trailer
    2. scheda
  • Un giorno devi andare
    28 marzo 2013

    Dolorose vicende familiari spingono Augusta, una giovane donna italiana, a mettere in discussione le certezze su cui aveva costruito la sua esistenza. Su una piccola barca e nell’immensità della natura amazzonica inizia un viaggio accompagnando suor Franca, un'amica della madre, nella sua missione presso i villaggi indios, scoprendo anche in questa terra remota i tentativi di conquista del mondo occidentale. Augusta decide così di proseguire il suo percorso lasciando la comunità italiana per andare a Manaus, dove vive in una favela. Qui, nell'incontro con la gente semplice del luogo, torna a percepire la forza atavica dell'istinto di vita, intraprendendo il “suo” viaggio fino ad isolarsi nella foresta, accogliendo il dolore e riscoprendo l'amore, nel corpo e nell'anima. In una dimensione in cui la natura assume un senso profetico, scandisce nuovi tempi e stabilisce priorità essenziali, Augusta affronta l'avventura della ricerca di se stessa, incarnando la questione universale del senso dell’esistenza umana.

    1. trailer
    2. scheda
  • Un giorno perfetto

    Emma e Antonio, sposati con due figli, sono separati da circa un anno. Antonio vive da solo nella casa dove avevano abitato insieme, Emma è andata a stare da sua madre coi bambini. Poi, una notte qualunque, una volante viene chiamata nel palazzo e la polizia si accinge a fare irruzione nell’appartamento dove qualcuno dice di aver sentito degli spari. In un rincorrersi di avvenimenti, le ventiquattro ore che precedono questo momento, la vita semplice eppure ‘unica’ di un gruppo di personaggi pedinati passo passo: Camilla compie sette anni, suo fratello Aris fa un esame all’università, Emma perde il lavoro in un call-center, sua figlia Valentina incontra un ragazzo che le piace, l’Onorevole Elio Fioravanti è in giro per comizi elettorali, la sua bella moglie Maja scopre di essere incinta, il piccolo Kevin viene invitato a una festa lussuosa, la professoressa Mara ha un appuntamento col suo amante e Antonio vede la moglie per l’ultima volta. Le loro storie si incrociano sul grande palcoscenico di una Roma frenetica e inquietante, che sembra portare alla tragedia anche se un minimo gesto, una sola parola, potrebbe deviare la traiettoria del destino.

    1. trailer
    2. scheda
  • Un giorno questo dolore ti sarà utile

    James Sveck, fragile teenager, animato da un grande entusiasmo per la vita ma incapace di “stare al mondo”, è figlio di divorziati, vive a Manhattan e rifiuta tutto quanto di convenzionale ci si aspetti da lui: l’università, il concetto di carriera e tutti i dogmi che governano il mondo degli adulti. Il suo sogno è di trasferirsi altrove, magari in una vecchia casa di campagna a leggere tutti libri che non ha potuto leggere durante il periodo scolastico. Sua madre è al terzo matrimonio, “scoppiato” prematuramente già durante la luna di miele, con un uomo, un giocatore d’azzardo incallito, che le ha rubato carte di credito e cash durante il loro viaggio di nozze per andare a giocare. Sua sorella a 22 anni è tutta presa nella scrittura delle sue memorie con le quali fantastica di diventare miliardaria. Suo padre esce con delle ragazzine e naturalmente ha bisogno di qualche ritocco estetico chirurgico per stare al passo. Questa è la galleria degli squinternati personaggi che ruotano intorno alla vita di James che, sempre più spaesato, trova conforto e complicità solo con sua nonna, donna eccentrica e molto lungimirante. Sceneggiatura di Roberto Faenza, Peter Cameron, Dahlia Heynman

    1. trailer
    2. scheda
  • Un matrimonio da favola
    10 aprile 2014

    Cinque compagni di liceo, inseparabili a scuola, si ritrovano vent'anni dopo la maturità. Daniele (Ricky Memphis), l’unico ad aver fatto carriera, invita tutti al suo matrimonio a Zurigo con Barbara (Andrea Osvart), la figlia del noto banchiere svizzero per cui lavora.
Gli ex compagni accettano entusiasti: è l'occasione per una rimpatriata, anche se per loro la vita non è stata altrettanto generosa: ognuno aveva mete e sogni ma nessuno è riuscito a realizzarli. L’affascinante Luca (Adriano Giannini), che voleva viaggiare per il mondo si è ridotto a fare la guida turistica al Colosseo, seducendo le belle straniere. Giovanni (Emilio Solfrizzi), che voleva diventare agente di Borsa ora invece ha un negozio di borse ed è sposato con l'arcigna moglie Paola (Paola Minaccioni), avvocato divorzista, che minaccia di metterlo in mutande se lo dovesse beccare con un'altra, non sapendo che Giovanni ha una tresca con Sara (Ilaria Spada) che a sua volta ignora che lui sia sposato. Alessandro (Giorgio Pasotti) è stato costretto a seguire le orme del padre e si è dedicato alla carriera militare che lo costringe a tenere nascosta la sua vera natura, è gay e convive con il fidanzato Roberto (Luca Angeletti). Luciana (Stefania Rocca), l’asso della squadra di calcio del liceo, per un incidente ha dovuto abbandonare definitivamente lo sport e si è sposata con il perito della sua assicurazione, il pignolo Fabio (Riccardo Rossi).
Rivedendosi i cinque amici ritrovano il calore e la complicità di un tempo ma si trovano anche a rimettere in gioco le loro vite e le loro aspirazioni. Durante quel lungo week end in Svizzera avranno modo di raddrizzare i loro destini, in una girandola di equivoci, situazioni comiche e rocamboleschi colpi di scena in cui i cinque faranno saltare i loro precari equilibri ed ognuno finalmente troverà il coraggio di esprimere la sua vera natura. 
Il matrimonio di Daniele non sarà esattamente “da favola”, ma i cinque ex compagni si ritroveranno dopo vent'anni come il giorno della maturità, pronti a ricominciare le loro vite…

    1. trailer
    2. scheda
  • Uno su due
    2 marzo 2007

    Lorenzo Maggi è un ambizioso avvocato trentenne che, insieme al socio e amico Paolo Albini, sta per fare il tanto sperato salto di qualità professionale. Possiede una casa in centro e ha una fidanzata, Silvia. Insomma tutto procede per il meglio finché un giorno, uscendo dal tribunale, Lorenzo sviene ed è ricoverato di urgenza in ospedale.
    Al suo risveglio si trova in compagnia di Giovanni, un ex camionista romano dal carattere difficile con cui deve condividere la stanza durante la sua permanenza in ospedale. Dopo una serie di analisi ed esami clinici Lorenzo viene dimesso ma, in attesa del responso di una biopsia, i medici gli consigliano di seguire la terapia e condurre una vita moderata.
    Lui invece tenta di riprendere il normale corso della sua vita, ma le cose non sono più come prima: i rapporti con la fidanzata e il socio precipitano, mentre riscopre gli affetti della sua famiglia di origine, così come si intensifica la sua amicizia con Giovanni. Per aiutare quest’ultimo, infatti, Lorenzo intraprende un viaggio in Umbria alla ricerca di Tresy, unica figlia del suo amico, che ha interrotto da anni ogni rapporto con il padre.
    La nuova avventura aiuta Lorenzo a rimettere in discussione i suoi desideri e gli obiettivi per un futuro sospeso fra la vita e la morte.

    1. scheda
  • Un viaggio chiamato amore

    La vicenda umana e sentimentale della narratrice e poetessa Sibilla Aleramo viene ripercorsa attraverso un arco narrativo e temporale che va dall’adolescenza alla maturità, soffermandosi sul biennio 1916-18, periodo in cui la donna conobbe ed amò il poeta Dino Campana. Sono questi gli anni più intensi e tormentati del passionale e discontinuo rapporto tra i due.

    1. scheda
  • Vajont
    19/10/2001

    Il 9 ottobre 1963 alle ore 22.39, 260 milioni di metri cubi di roccia si staccano dal monte Toc, dietro la diga del Vajont, riversandosi nel lago artificiale e facendo innalzare un’onda alta 250 metri. L’acqua piombò nella valle spazzando via Longarone, i paesi sottostanti e le vite di duemila persone. Una catastrofe annunciata, più volte denunciata dalla giornalista Tina Merlin. Un’apocalisse causata dall’arroganza di uomini sordi alla voce della natura.

    1. scheda
  • Verso oriente – Kedma

    Maggio 1948, nei giorni che precedono la creazione dello stato d’Israele. Arrivati in Palestina, a bordo di una vecchia nave da trasporto, centinaia d’immigrati provenienti da tutta l’Europa, molti dei quali sfuggiti ai campi di sterminio, si trovano ad accoglierli sulla spiaggia plotoni di truppe britanniche. I soldati sono decisi ad imprigionare la massa d’immigrati clandestini. Uno sparuto gruppo di soldati, appartenenti all’Haganah, un corpo segreto dell’esercito ebraico, viene in loro soccorso aiutandoli a nascondersi sulle colline.

    1. scheda
  • Via Castellana Bandiera
    19 settembre 2013

    Samira ha tanti anni e un dolore grande: ha perso sua figlia, uccisa dal cancro e da una vita tribolata nella periferia di Palermo. Da sette anni la ritrova in un cimitero assolato e desolato, dove sfama cani e cuccioli prima di riprendere la strada di casa alla guida della sua Punto e a fianco di un genero ostile. Rosa ha una madre da lasciare andare e un passato da dimenticare a Palermo, dove accompagna Clara, la donna amata, al matrimonio di un comune amico. Inquieta e infastidita da una città da cui è fuggita anni prima, infila via Castellana Bandiera, un strada stretta e senza senso di marcia. In direzione ostinata e contraria arriva Samira e chiede il passo per raggiungere la sua casa a pochi metri dall'impasse. Contrariata e altrettanto risoluta, Rosa è decisa a mantenere la posizione. Irriducibili sotto il sole tenace di Palermo, Samira e Rosa si affronteranno in un duello che non contempla resa e retromarcia.

    1. scheda
  • Viaggio sola
    24 aprile 2013

    Irene ha superato i quarant'anni, niente marito, niente figli e un lavoro che è il sogno di molti: Irene è l'“ospite a sorpresa”, il temutissimo cliente in incognito che annota, valuta e giudica gli standard degli alberghi di lusso. Oltre al lavoro, nella sua vita ci sono la sorella Silvia, sposata con figli, svampita e sempre di corsa, e l'ex fidanzato Andrea. Irene non ha alcun desiderio di stabilità, si sente libera, privilegiata. Ma è vera libertà la sua? Qualcosa metterà in discussione questa certezza.

    1. trailer
    2. scheda
  • Vincere
    20/05/2009

    Nella vita di Mussolini c’è uno scandalo segreto: una moglie e un figlio; concepito, riconosciuto e poi negato. Questo segreto ha un nome: Ida Dalser. Una donna che grida la sua verità fino alla fine, nonostante il disegno del regime di distruggere ogni traccia che la colleghi al Duce. Per il regime Ida Dalser è una minaccia, una donna da rinchiudere in un ospedale psichiatrico – lontano dal figlio, dalla famiglia, dalla gente – dove tuttavia, incapace di sbiadire nell’ombra e forse salvarsi, continua a rivendicare il suo ruolo di moglie legittima del Duce e madre del suo primo figlio maschio Benito Albino Mussolini. Le loro due esistenze sono state cancellate dal mondo e dalla memoria. Una pagina oscura che la storiografia ufficiale non racconta.

    1. trailer
    2. foto
    3. scheda
  • Viva l'Italia
    25 ottobre 2012

    E se un giorno un politico cominciasse a dire la verità, tutta la verità, nient’altro che la verità? Il politico in questione si chiama Michele Spagnolo, un nome forte, di quelli che comandano, ed ha tre figli: Riccardo, medico integerrimo e socialmente impegnato; Susanna, attrice di fiction senza alcun talento; Valerio, un buonannulla in carriera che deve tutto al padre.

    In oltre trent’anni di onorata carriera Michele ha sempre anteposto i suoi interessi personali a quelli della collettività ed è passato indenne attraverso i mille scandali che hanno flagellato il nostro paese.

    L’ultima cosa al mondo che dovrebbe succedere ad un uomo del genere è dire la verità…

    Eppure, dopo una notte trascorsa con una “promettente” soubrette televisiva, Michele viene colto da un malore, si salva, ma non senza conseguenze.
    L’apoplessia ha colpito proprio la parte del cervello che controlla i freni inibitori ed ora il politico dice tutto ciò che gli passa per la testa, fa tutto quello che gli va e non ha la minima cognizione della gravità delle sue azioni. Da questo momento in poi Michele Spagnolo diventa una mina vagante per se stesso, per la famiglia e per il partito.

    Proprio da qui prende l’avvio VIVA L’ITALIA, una favola comica e irriverente, ricca di colpi di scena, che attraverso il ritratto di una strampalata famiglia racconta il Bel Paese e le sue tante contraddizioni, senza risparmiare niente e nessuno.

    Solo una Favola…?

    GUARDA I VIDEO:
    La conferenza stampa>>
    La serata dell'anteprima>>
    Le interviste ai protagonisti>>
    La videochat di Rai Cinema Channel>>
    Clip 1>>
    Clip 2>>
    Clip 3>>
    Clip 4>>
    Clip 5>>
    Il backstage>>

    1. trailer
    2. scheda
  • Viva la libertà
    14 febbraio 2013

    Il segretario del principale partito d’opposizione, Enrico Oliveri, è in crisi. I sondaggi per l’imminente competizione elettorale lo danno perdente. Una notte, dopo l’ennesima contestazione, Oliveri si dilegua, lasciando un laconico biglietto. Negli ambienti istituzionali e del partito, fioccano le illazioni, mentre la sua eminenza grigia, Andrea Bottini e la moglie, Anna, continuano ad arrovellarsi sul perché della fuga e sulla possibile identità di un eventuale complice. È Anna a evocare il fratello gemello del segretario, Giovanni Ernani, un filosofo geniale, segnato dalla depressione bipolare. Andrea decide di incontrarlo e ne resta talmente affascinato da iniziare a vagheggiare un progetto che ha la trama di un pericoloso azzardo.

    Così, d’improvviso, un bel giorno, il segretario riappare sulla scena: inizia a parlare una lingua diversa, poetica e lucida, che colpisce, sorprende. Le quotazioni del partito riprendono a salire, mentre l’opinione pubblica e le piazze tornano a infiammarsi d’entusiasmo. Nel rapido succedersi di eventi che caratterizza la campagna elettorale, il segretario diventa oggetto di una ammirazione senza precedenti. Ma qualcuno, dal suo nascondiglio segreto, ne segue i movimenti, in attesa…

    1. trailer
    2. scheda
  • Voci
    10/05/2002

    Giornalista alle prime armi, la giovane Michela, sembra timida e introversa perchè nasconde anche a se stessa la sua natura di donna volitiva e amante della vita. Nel suo stesso palazzo vive Angela - prorompente e solare - che rappresenta tutto ciò che Michela potrebbe ma rifiuta di essere. Col tempo, fra le due ragazze nasce un'amicizia. Quando Angela viene assassinata in circostanze misteriose, l'unica cosa che Michela può fare è indagare sul suo passato riportando a galla una serie di violenze coperte dall'omertà familiare che Angela ha subito.

    1. scheda
  • Workers
    11 maggio 2012

    Sandro e Filippo sono i proprietari di un’agenzia interinale “Workers”, con il compito di trovare lavoro alle persone. Si tratta di giovani disposti ad affrontare gli impieghi più disparati, dei veri ‘pronti a tutto’, pur di sbarcare il lunario.
    Durante una cena con due ragazze, i due solitamente sfortunati in amore, intrattengono le loro ospiti con le storie più divertenti in cui si sono imbattuti: c’è Giacomo, un Peter Pan che per non essere sfrattato accetta di fare da badante a Mario, invalido sopra le righe, sboccato, attaccabrighe, una vera spina nel fianco; c’è Italo, prelevatore di campioni genetici di esemplari da riproduzione, che per amore fa credere alla bella Tania di essere un chirurgo; infine Alice, truccatrice alla quale viene affidato il compito di lavorare in un impresa di pompe funebri: qui conoscerà Saro Tartanna, e suo padre Don Ciccio, super latitante mafioso. Ogni storia avrà il suo risvolto tragicomico. Cosa non si fa pur di lavorare!

    Guarda la videochat con Dario Bandiera, Alessandro Tiberi e Daniela Virgilio>>

    1. trailer
    2. scheda
 
Copyright 2011 Rai Cinema - Realizzato da RaiNet